Clima e storia : Nuova comprensione delle influenze climatiche esercitate sui ghiacciai del Kilimanjaro

Il Monte Kilimanjaro (5895 m s.l.m.) è uno stratovulcano inattivo situato nel nord-est della Tanzania, vicino al confine con il Kenya. Il Kilimanjaro è anche la montagna più alta del mondo, con i suoi 4.600 metri di altezza sulle pianure circostanti. La prima scalata ufficiale della montagna fu effettuata il 6 ottobre 1889 dal tedesco Hans Meyer e dall’austriaco Ludwig Purtscheller, sotto la guida dell’ufficiale di ricognizione dell’esercito Marangu Yohanas Kinyala.I ghiacciai del Kilimanjaro hanno suscitato molto interesse negli ultimi tempi, soprattutto nel contesto dei cambiamenti della temperatura globale. Il ghiacciaio Furtwängler (vedi immagine sopra) si trova vicino alla vetta ed è un residuo di una calotta di ghiaccio più grande che un tempo copriva la cima del Kilimangiaro. Questo ghiacciaio prende il nome da Walter Furtwängler che, insieme a Ziegfried König, fu il quarto a scalare il Kilimangiaro nel 1912. Il ghiacciaio Furtwängler ha perso gran parte del suo volume precedente rispetto alla prima spedizione di Meyer e Purtscheller del 1889. Tra il 1912 e il 2000, circa l’80% del ghiaccio del ghiacciaio della montagna è scomparso, e le osservazioni indicano che il suo volume tra il 1889 e il 1953 era già del 66%.Un’analisi dettagliata di sei carote di ghiaccio ottenute da giacimenti di ghiaccio situati sulla cima del Kilimanjaro mostra che la formazione di questi ghiacciai è iniziata circa 11.700 anni fa (Thompson et al. 2002). Le carote di ghiaccio provenienti dal ghiacciaio Furtwängler indicano che le condizioni del Kilimanjaro sono simili a quelle di 11.000 anni fa. È noto da decenni che la radiazione solare e la sublimazione, e non la temperatura dell’aria, sono i fattori principali che determinano la perdita di ghiaccio dai ghiacciai tropicali. Ai tropici, i ghiacciai esistono solo a quote molto elevate e le loro dimensioni sono determinate dalle variazioni stagionali delle precipitazioni piuttosto che dalla temperatura dell’aria.Il bilancio tra l’energia in entrata e quella in uscita è importante per comprendere il ritiro dei ghiacciai del Kilimanjaro nel XX secolo. Il principale apporto energetico è la radiazione solare a onde corte, mentre la perdita di ghiaccio avviene principalmente attraverso la sublimazione, cioè la transizione diretta del ghiaccio in vapore acqueo. Poiché né la radiazione solare né la sublimazione dipendono principalmente dalla temperatura dell’aria in superficie, le fluttuazioni della temperatura dell’aria non giocano un ruolo importante nella perdita di ghiaccio dei ghiacciai tropicali. Ciò è vero anche per i ghiacciai del Kilimanjaro, come dimostra il fatto che il ghiaccio del Kilimanjaro forma alte pareti verticali (vedi figura sopra) e formazioni simili a dita chiamate penitentes (vedi figura sotto), che sono il risultato della sublimazione per radiazione solare diretta piuttosto che dell’ablazione da parte dell’aria calda.Un periodo prolungato di siccità è probabilmente la causa principale del ritiro dei ghiacciai sul Kilimanjaro. Kaser et al. (2004) hanno rilevato che un significativo calo dell’umidità atmosferica alla fine del XIX secolo e le successive condizioni climatiche più secche sono state probabilmente la causa principale del ritiro dei ghiacciai sul Kilimanjaro nel XX secolo.Essi sostengono l’ipotesi che l’attuale ritiro dei ghiacciai sia dovuto a condizioni più secche e che la grande espansione dei ghiacciai osservata da Meyer e Purtscheller nel 1889 sia stata il risultato di un periodo più umido in Africa orientale piuttosto che di un calo della temperatura dell’aria.La carota di ghiaccio del ghiacciaio Furtwängler (Thompson et al. 2002) fornisce la prova di tre pronunciati periodi di siccità ai tropici 8.300, 5.200 e 4.000 anni fa. La carota di ghiaccio suggerisce anche che nei pressi del Kilimanjaro 9.500 anni fa era molto più umido rispetto all’epoca del Megalake Chad.La carota di ghiaccio ha anche mostrato un periodo di 500 anni, a partire da circa 8.300 anni fa, in cui i livelli di metano nel ghiaccio sono scesi rapidamente, suggerendo che diversi laghi africani stavano iniziando a prosciugarsi.Di solito si presume che il contenuto di metano nell’atmosfera rifletta, tra le altre cose, l’estensione delle zone umide tropicali.Inoltre, la carota di ghiaccio ha mostrato un forte calo degli isotopi dell’ossigeno-18, che potrebbe indicare un secondo evento di siccità circa 5.200 anni fa (Thompson et al. 2002). Questo coincide con il momento in cui, secondo gli antropologi, i popoli della regione si sono riuniti in città e strutture sociali. Prima di questo periodo, la popolazione, composta principalmente da cacciatori-raccoglitori, era più dispersa. Un terzo tipo di marcatore nelle carote di ghiaccio è uno strato di polvere visibile che risale a circa 4.000 anni fa (Thompson et al. 2002).Ciò viene interpretato come il risultato di una grave siccità protrattasi per 300 anni che ha colpito la regione. Le testimonianze storiche mostrano che una grave siccità afflisse l’impero egiziano e minacciò il dominio dei faraoni. Fino a questo momento, i popoli africani erano in grado di vivere e prosperare in aree che oggi sono solo l’arido deserto del Sahara.

Esempi di penitenti di ghiaccio e neve provenienti da aree tropicali. Le singole lame hanno un’altezza compresa tra 1,5 e 2 metri ma possono raggiungere anche diversi metri di altezza.Poiché i penitentes si formano per sublimazione sotto la luce diretta del sole, il loro asse indica la posizione approssimativa del sole a mezzogiorno a quella latitudine e in quel periodo dell’anno. La neve penitente fu descritta per la prima volta da Darwin (1839) Il termine penitente risale almeno all’inizio della Piccola Era Glaciale, riferendosi a Los Penitentes, ovvero al movimento cattolico dei flagellanti diffuso in Spagna e in Italia.

Riferimenti

Darwin, C. 1839. Voyages of the Adventure and Beagle, Volume III, Journal and remarks. 1832–1836. London: Henry Colburn.
Kaser, G., Hardy, D.R., Olg, T.M., Bradley, R.S. and Hyera, T.M. 2004. Modern Glacier Retreat on Kilimanjaro as Evidence of Climate Change: Observations and Facts. International Journal of Climatology 24, 329–339.


Thompson, L.G., Mosley-Thompson, E., Davis, M.E., Henderson, K.A., Brecher, H.H., Zagorodnov, V.S.,
Mashiotta, T.A., Lin, P-N., Mikhalenko, V.N., Hardy, D.R. and Beer, J. 2002. Kilimanjaro ice core records:
Evidence of Holocene climate change in tropical Africa. Science 298, 589-593.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »