Recente raffreddamento in Groenlandia e solo “limitato ritiro” dei ghiacciai dalla Piccola Era Glaciale

Recente raffreddamento in Groenlandia e solo “limitato ritiro” dei ghiacciai dalla Piccola Era Glaciale

Il famigerato “Climategate”, uno scambio di e-mail tra scienziati attivisti come il Dr. Phil Jones e Tom Wigley, ha rivelato nel 2004 quanto fosse grande la preoccupazione per il fatto che “LA GROENLANDIA SI STA RAFFREDDANDO SIGNIFICATIVAMENTE” fin dagli anni ’50.

“…c’è stata una tendenza al riscaldamento nel fiordo di Nuuk nei primi 50 anni del XX secolo, seguita da un raffreddamento nella seconda metà del secolo, quando le temperature medie annuali sono diminuite di circa 1,5°C”.
“… qualunque cosa stia facendo il resto dell’emisfero settentrionale, la parte che ospita la maggior parte dei ghiacci dell’emisfero si è raffreddata nell’ultimo mezzo secolo, e in modo molto brusco…”
“L’andamento della temperatura in Groenlandia nell’ultimo mezzo secolo è stato esattamente l’opposto di quello che il Gruppo Intergovernativo sul Cambiamento Climatico e i suoi allarmisti climatici sostengono per l’emisfero settentrionale e per il mondo intero, e in modo sorprendente.
“Il raffreddamento della Groenlandia presenta a queste persone un doppio problema, poiché in passato hanno sempre sostenuto che le alte latitudini settentrionali avrebbero dovuto essere le prime a fornire prove convincenti del riscaldamento globale indotto dalla CO2”.

Fonte immagine: FOIA

Un’analisi del 2016  2016 analysis sullo scioglimento dei ghiacci della Groenlandia ha rilevato che il contributo del cambiamento climatico antropogenico è ancora “troppo piccolo per essere rilevato”.

Fonte immagine: Haine, 2016

NTZ https://www.nature.com/articles/s43247-021-00329-x ha recentemente evidenziato uno studio che mostra che (a) la Groenlandia occidentale e centrale si è raffreddata di circa 1°C dal 2010 al 2020 (vedi l’immagine del trend SAT di JRA55), (b) lo scioglimento del ghiaccio marino artico è “rallentato” o in stallo dal 2007, con “nessun nuovo record” dal 2012, e (c) il riscaldamento della Groenlandia ha raggiunto il suo picco nel 2012 ma “non è evidente negli ultimi due decenni”.

Fonte immagine: Matsumura et al., 2021

Un nuovo studio https://journals.sagepub.com/doi/pdf/10.1177/09596836221080758 riporta che i ghiacciai nel sud-est della Groenlandia si sono “ritirati solo in misura limitata” dal momento in cui hanno raggiunto la massima estensione durante la Piccola Era Glaciale (1600-1800 d.C.). Ci sono prove che questa regione era “probabilmente priva di ghiacci” durante l’inizio dell’Olocene.

il rafting degli iceberg e il basso livello di ghiaccio marino sono indicativi dell’evoluzione del clima durante l’Olocene. Il grafico mostra che il ghiaccio marino in questa regione è solo leggermente inferiore al picco della Piccola Era Glaciale e ha ancora una delle estensioni più elevate degli ultimi 9.000 anni.

Guarda anche le tendenze dell’iceberg rafting (grafico in basso). L’iceberg rafting sta aumentando di frequenza a causa delle temperature più calde e del rapido scioglimento dei ghiacciai, e anche i recenti iceberg rafting sono stati tra i più bassi degli ultimi 9.000 anni.

Fonte immagine: Andresen et al., 2022

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »