Ottobre 2022, i ghiacci artici tornano a crescere

L’animazione mostra la ripresa dei ghiacci nell’Oceano Artico nel periodo di tre settimane dal 10 al 31 ottobre 2022. In basso al centro a destra si vede l’arcipelago artico canadese completamente ghiacciato, il cui valore passa a 832.000 km2 o al 97% della sua estensione massima. In basso al centro, il Mare di Beaufort ha raggiunto il 95% del suo massimo con la chiusura del passaggio a NW, raggiungendo 1 wadham solo in questo bacino. A sinistra, la piattaforma marina russa che si sta ricoprendo di ghiaccio, chiudendo la Northern Sea Route. Il Mare di Laptev e il Mare della Siberia orientale raggiungono il 100% della loro estensione massima, con un aumento della superficie ghiacciata di due wadam. Il grafico sottostante mostra l’estensione media giornaliera del ghiaccio per l’ottobre 2022 rispetto alla media di 16 anni e ad alcuni anni considerati importanti.

La linea nera mostra che nel mese di ottobre l’estensione media dei ghiacci artici è aumentata di circa 3,4 milioni di km2 , passando da 5,0 milioni di km2 a 8,4 milioni di km2 . La linea MASIE 2022 di colore ciano ha iniziato il mese con un surplus di 145k km2 rispetto alla media e il giorno 304 ha aumentato il surplus a 327k km2. Il Sea Ice Index in arancione (SII del NOAA) ha seguito il MASIE per tutto il mese con estensioni leggermente inferiori. Il 2007 ha iniziato il mese di ottobre con un deficit di 800k km2 , ma ha terminato con appena 200k km2 al di sotto della media. Il 2020 aveva l’estensione più bassa registrata, terminando ottobre con un deficit di 1,76 milioni di km2.

La tabella seguente mostra la distribuzione media del ghiaccio marino al giorno 304 nelle regioni artiche, sia per l’anno in corso che per il 2007.

L’eccedenza rispetto alla media è di 303 k km2 (4%). Le eccedenze di ghiaccio sono maggiori nel Mare di Beaufort, nel Mare della Siberia orientale, nella Baia di Laptev, nella Baia di CAA e nella Baia di Baffin. I maggiori deficit di ghiaccio rispetto alla media si registrano nella Baia di Kara, nella Baia di Barents e nella Baia di Hudson, ma sono compensati da eccedenze di ghiaccio in altre aree marine Si noti che l’estensione del ghiaccio marino nel 2022 è più della metà di quella del 2007, con una differenza concentrata nel Golfo di Chukchi, nella Baia della Siberia orientale, nella Baia di Kara e nella Baia di Baffin .

L’illustrazione di Eleanor Lutz mostra i cambiamenti climatici stagionali della Terra. Se riprodotta a schermo intero, i quattro angoli presentano viste dall’alto, dal basso e dai lati. È una rappresentazione visiva dei dati scientifici che misurano l’estensione dei ghiacci artici.

Articolo gentilmente concesso da : science matters

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »