L’assurdità del punto di svolta del ghiaccio marino artico alla COP27 smentita dagli ultimi sette anni di dati

David Attenborough e i suoi amici di Netflix his cronies at Netflix  hanno dedicato l anno scorso un intero documentario (“Breaking Boundaries”) https://www.theguardian.com/environment/2021/jun/04/david-attenborough-netflix-documentary-australian-scientists-break-down-in-tears-over-climate-crisis all’assurda idea che il mondo si trovi di fronte a un terribile “punto di svolta” in cui la catastrofe è inevitabile, con l’Artico come “Ground Zero” https://www.cbc.ca/news/science/biodiversity-montreal-cop27-1.6654447 per questi effetti. Tuttavia, il loro modello di ghiaccio marino è stato già smentito dai dati degli ultimi sette anni.

Da un servizio della CBC News https://www.cbc.ca/news/science/biodiversity-montreal-cop27-1.6654447 dedicato a questo tema (17 novembre 2022):

Secondo Johan Rockstrom, direttore dell’Istituto di ricerca sul clima di Potsdam, tra i 16 punti cruciali c’è il potenziale collasso del ghiaccio marino artico, che avrebbe un impatto devastante su piante, animali e sull’intero ecosistema artico.” ” Il punto nevralgico di questi cambiamenti così rapidi sul pianeta Terra è l’Artico. L’Artico è il luogo in cui le cose stanno avvenendo tre volte più velocemente, in media, e a volte quattro volte più velocemente dell’aumento medio della temperatura”, ha detto Rockstrom.

Secondo Rockstrom, Dalla fine dell’ultima era glaciale, il mondo è esistito in un equilibrio ideale per la vita umana, vegetale e animale su questo pianeta, ma quello che stiamo vedendo ora è la possibilità che le tessere del domino comincino a cadere” “Lo scopo dei confini planetari è quello di impedire all’umanità di superare i punti critici. Perché quando si supera un punto di non ritorno, le cose diventano irreversibili e l’irreversibilità significa che andiamo alla deriva verso un pianeta sempre meno vivibile”

Apparentemente Johan Rockstrom sembra ignorare che “dall’ultima era glaciale”, l’Artico era molto più caldo di oggi: c’è una montagna di pubblicazioni scientifiche che documentano questo fatto . Ciò significa che se le condizioni del primo Olocene erano “ideali per la vita umana, vegetale e animale su questo pianeta”, allora i proxy della temperatura reale del primo Olocene nell’Artico (piuttosto che i livelli di CO2) e le prove della riduzione del ghiaccio marino in quel periodo ci dicono che le affermazioni di Rockstrom sono di natura più politica, che non scientifica.

Il presente articolo della CBC insieme ad altri https://www.reuters.com/business/cop/cop27-loss-arctic-summer-sea-ice-inevitable-within-30-years-report-2022-11-07/ fanno riferimento al Rapporto sullo Stato della Criosfera 2022 https://iccinet.org/statecryo2022/ , caratterizzato da un linguaggio altamente imparziale e apocalittico, non riscontrabile in un documento veramente scientifico.

Si noti il sottotesto della copertina: “Non possiamo negoziare con il punto di fusione del ghiaccio”. I negoziati sono ciò che fanno i politici.

C’è di più… molto di più dello stesso all’interno https://iccinet.org/statecryo2022/:

Sappiamo già che le loro previsioni sul “caso peggiore” (vedi tabella sotto dal rapporto 2022, che include il cosiddetto scenario climatico “business as usual” RCP8.5) non sono plausibili perché includono ipotesi utilizzate dall’IPCC nel 2021 che non possono essere vere https://rogerpielkejr.substack.com/p/the-unstoppable-momentum-of-outdated (Hausfather e Peters 2020;Ritchie e Dowlatabadi 2017):

Ma anche gli scenari a “bassissime emissioni” sono molto sospetti (si veda il loro grafico qui sotto): si basano su dati fino al 2015, il che esclude sette anni in cui il ghiaccio marino non è diminuito come previsto.

In realtà, l’estensione del ghiaccio marino di settembre è statisticamente piatta dal 2007, come si può vedere nel loro diagramma che mostra un livellamento della linea nera dei “dati attuali” dove lo sfondo grigio (i fatti) incontra lo sfondo rosa (la loro immaginazione).

Ciò significa che le previsioni del modello sono già sbagliate dopo soli sette anni! Il modello prevedeva un calo dell’estensione del ghiaccio marino di settembre dopo il 2015, fino a meno di 4 milioni di chilometri quadrati entro il 2020. Le condizioni non sono affatto così, come mostra il grafico NSIDC https://polarbearscience.com/2022/09/21/polar-bear-no-closer-to-extinction-than-it-was-18-years-ago-as-arctic-sea-ice-resists-tipping-point/ qui sotto fino a settembre 2022:

Gli orsi polari delle Svalbard continuano a prosperare quest’anno nonostante la maggiore perdita di ghiaccio marino https://polarbearscience.com/2022/06/26/svalbard-polar-bear-data-for-spring-2022-low-june-ice-unlikely-to-affect-health-or-survival/ . Nella Baia di Hudson occidentale (la sottopopolazione utilizzata per prevedere il futuro di tutte le altre), questo autunno gli orsi polari hanno lasciato la costa per raggiungere il ghiaccio marino come negli anni ’80 https://polarbearscience.com/2022/11/10/polar-bear-habitat-update-ice-forming-along-hudson-bay-wrangel-franz-josef-islands-surrounded/ – un fenomeno che si è verificato cinque degli ultimi sette anni (2017, 2018, 2019, 2020 e 2022) dal 2015, comprese alcune delle prime date di congelamento registrate dal 1979 (cfr. Castro de la Guardia et al. 2017).In altre parole, la formazione del ghiaccio marino nella Baia di Hudson non sta diventando sempre più tardiva come previsto dai modelli. Il grafico dei ghiacci qui sotto per la seconda settimana di novembre (14) mostra un modello di formazione dei ghiacci “normale” (come negli anni ’80): un congelamento tardivo sarebbe la prima o la seconda settimana di dicembre:

Rockstrom e i suoi promotori https://www.thetimes.co.uk/article/breaking-boundaries-the-science-of-our-planet-review-doomsday-scenario-david-attenborough-f5hkw77w5 , compresi i partecipanti alla riunione della COP27 e David Attenborough https://polarbearscience.com/2022/09/12/frozen-planet-ii-repeats-attenboroughs-climate-change-scaremongering-that-began-in-2015/ , stanno deliberatamente abusando dei risultati dei modelli https://esd.copernicus.org/articles/12/601/2021/ come se fossero dati scientifici. L’idea che esista una sorta di “punto di non ritorno” climatico è una fantasia teorica non supportata da dati reali. È una narrazione costruita su molte ipotesi che potrebbero non essere affatto vere.

Rockstrom e i suoi sostenitori https://www.amazon.com/dp/0991796691 promuovono anche la ridicola idea che la catastrofe sia inevitabile se si verifica anche solo un’estate “senza ghiaccio”, definita come circa 1 km2 di ghiaccio marino rimanente e quindi ben lontana dall’azzeramento dei ghiacci (e a cui non ci siamo avvicinati dal 1979).

Tuttavia, non c’è alcuna prova che un’estate senza ghiacci sia sinonimo di catastrofe (e infatti non ne presentano alcuna): ne danno per scontato che sia vero perché supporta la loro narrazione. Ma non si tratta di scienza, bensì di un sostegno allarmistico a un’agenda politica. E per quanto riguarda gli orsi polari e le foche artiche, una riduzione dei ghiacci pluriennali non è una catastrofe, bensì una buona notizia.https://polarbearscience.com/2022/03/13/good-news-for-polar-bears-and-seals-new-study-finds-multiyear-arctic-sea-ice-is-getting-thinner/

References

Castro de la Guardia, L., Myers, P.G., Derocher, A.E., Lunn, N.J., Terwisscha van Scheltinga, A.D. 2017. Sea ice cycle in western Hudson Bay, Canada, from a polar bear perspective. Marine Ecology Progress Series 564: 225–233. http://www.int-res.com/abstracts/meps/v564/p225-233/

Crockford, S. J. 2022. Polar bear fossil and archaeological records from the Pleistocene and Holocene in relation to sea ice extent and open water polynyas. Open Quaternary 8(7): 1-26. https://doi.org.10.5334/oq.107

Hausfather, Z. and Peters, G.P. 2020. Emissions – the ‘business as usual’ story is misleading [“Stop using the worst-case scenario for climate warming as the most likely outcome — more-realistic baselines make for better policy”]. Nature 577: 618-620.

Ritchie, J. and Dowlatabadi, H. 2017. Why do climate change scenarios return to coal? Energy 140(1):1276-1291.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »