Desideriamo ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla stesura del rapporto Sea Ice Outlook (SIO) di settembre 2022. Questa attività è possibile solo grazie alla partecipazione dedicata dei numerosi collaboratori previsionali. Per il Sea Ice Outlook 2022 di settembre sono stati ricevuti 22 contributi (28 in agosto, 30 in luglio, 37 in giugno). Questi contributi di previsione si basano su vari metodi, tra cui modelli dinamici (fisici), approcci statistici, tra cui l’apprendimento automatico (ML), ed euristici (qualitativi). Oltre alle proiezioni sull’estensione totale del ghiaccio marino artico per il mese di settembre, il SIO di agosto ha ricevuto sette proiezioni sull’estensione totale del ghiaccio marino antartico (nove in ciascun SIO di giugno, luglio e agosto) e sette proiezioni sull’estensione del ghiaccio nel settore dell’Alaska, che comprende i mari di Bering, Chukchi e Beaufort (otto nei SIO di agosto e giugno e dieci nel SIO di luglio). Le previsioni sulla probabilità di ghiaccio marino (SIP) di sette modelli sono incluse nel SIO di settembre 2022. Per il secondo anno, il SIO ha richiesto previsioni sull’estensione media del ghiaccio marino artico a settembre e ha ricevuto dieci previsioni a settembre (12 nel SIO di agosto, dieci nel SIO di giugno e otto nel SIO di luglio).

La mediana delle previsioni sull’estensione del ghiaccio marino pan-artico del settembre 2022 è di 4,90 milioni di chilometri quadrati, con valori del quartile inferiore e superiore rispettivamente di 4,8 e 5,0 milioni di chilometri quadrati. I dati mediani di settembre 2022 sono superiori a quelli di agosto (4,83 milioni di chilometri quadrati), luglio (4,64 milioni di chilometri quadrati) e giugno (4,57 milioni di chilometri quadrati) 2022.

In base all’indice del ghiaccio marino (SII) del National Snow and Ice Data Center (NSIDC), il valore dell’estensione del ghiaccio marino artico è di 4,67 milioni di chilometri quadrati (al 18 settembre 2022). A metà settembre, in quasi tutti i settori dell’Oceano Artico, l’estensione dei ghiacci era inferiore alla media 1980-2010, con la Northern Sea Route e il Passaggio a Nord-Ovest in gran parte privi di ghiaccio. Con il raffreddamento dell’atmosfera, le aperture vicino al Polo Nord, a nord del Mare di Kara, si sono in gran parte chiuse. Da metà agosto a metà settembre le temperature dell’aria (a livello di 925 mb) sono state superiori alla media in gran parte dell’Artico. Nel Mare di Beaufort le temperature sono state di circa 2,5 °C superiori alla media. Nei mari di Kara e Laptev le temperature sono state vicine alla norma. Nello stesso periodo, nel Mare di Beaufort si è verificata una tipica alta pressione, anche se relativamente piccola; nei mari costieri eurasiatici ha invece prevalso condizioni di bassa pressione. Per l’Antartide, analogamente alle precedenti previsioni di questa stagione, si prevede che il 2022 sarà un anno caratterizzato da un estensione relativamente bassa. La previsione di persistenza e cinque delle sette previsioni prevedono un’anomalia negativa rispetto al valore climatologico. Per l’estensione regionale del ghiaccio marino dell’Alaska, in base ai sette contributi al SIO di settembre è stato previsto un valore medio di 0,49 milioni di chilometri quadrati, basato su metodi statistici/ML e dinamici. Le previsioni del SIO di settembre 2022 continuano a prevedere un’estensione del ghiaccio marino in Alaska (mari di Bering, Chukchi e Beaufort) superiore alla media 2007-2021 di 0,40 milioni di chilometri quadrati. Il valore del 13 settembre 2022 è inferiore a quello del 2021 (0,79 milioni di chilometri quadrati) alla stessa data, ma superiore ai valori del 2019 e del 2020, rispettivamente di 0,31 e 0,39 milioni di chilometri quadrati. Questo rapporto sulle prospettive di settembre è stato preparato dall’autrice principale Uma Bhatt, Università dell’Alaska Fairbanks (riassunto, panoramica, discussione delle previsioni delle anomalie pan-artiche del ghiaccio marino e delle condizioni del ghiaccio nei mari di Bering e Chukchi); con i contributi di Mark Serreze e Walt Meier, National Snow and Ice Data Center (NSIDC; discussione delle condizioni attuali dell’Artico); Edward Blanchard-Wrigglesworth, Università di Washington (discussione delle previsioni dai campi spaziali); Michael Steele, Università di Washington, Applied Physics Laboratory (discussione sulle condizioni termiche degli oceani); François Massonnet, Université catholique de Louvain (discussione sui contributi antartici); Matthew Fisher e il team di sviluppo NSIDC (statistiche e grafici); Betsy Turner-Bogren, Helen Wiggins, Kuba Grzeda, Lisa Sheffield Guy e Stacey Stoudt, ARCUS (coordinamento e redazione del rapporto); e il resto del team del progetto SIPN2.

Previsioni SIO 2022 (Pan-Artico, Regione Alaska, Previsioni spaziali e Antartico)

Previsioni pan-artiche

Le prospettive di settembre si basano su un totale di 22 previsioni (Figura 1) e il valore mediano per l’estensione del ghiaccio marino nel settembre 2022 è di 4,90 milioni di chilometri quadrati con valori al quartile di 4,8 e 5,0 milioni di chilometri quadrati. Questo intervallo interquartile (IQR) di 0,2 milioni di chilometri quadrati è inferiore a quello del settembre 2021, che aveva valori di quartile di 4,1 e 4,7 milioni di chilometri quadrati e un IQR di 0,6 milioni di chilometri quadrati. Dei contributi di settembre 2022, sei si basano su modelli dinamici e 15 su metodi statistici o di apprendimento automatico. La mediana dei contributi di settembre 2022 è più grande dei contributi di agosto (4,83 milioni di chilometri quadrati), luglio (4,64 milioni di chilometri quadrati) e giugno (4,57 milioni di chilometri quadrati) 2022, e la mediana delle previsioni di settembre 2022 è più grande di oltre 0,5 milioni di chilometri quadrati rispetto alla mediana delle previsioni di settembre 2021 (4,39 milioni di chilometri quadrati).

Per il rapporto SIO di settembre 2022, sei gruppi hanno presentato materiale aggiuntivo (vedi sotto: rapporti completi e materiale aggiuntivo dei partecipanti). Il contenuto del materiale supplementare varia da un contributo all’altro, ma può includere informazioni sulla metodologia: (1) come sono state prodotte le previsioni; (2) numero di membri dell’ensemble utilizzati nelle previsioni; (3) se e come sono state applicate le correzioni di polarizzazione; (4) dispersione dell’ensemble, intervallo delle previsioni, incertezze e altre statistiche; e (5) se è stata effettuata o meno una post-elaborazione.

Il valore mediano nella previsione di settembre 2022 è stato abbastanza vicino per i metodi dinamico (4,91 milioni di chilometri quadrati) e statistico (4,9 chilometri quadrati). Gli intervalli corrispondenti sono compresi tra 4,46 e 5,07 milioni di chilometri quadrati per le previsioni del modello dinamico e tra 4,49 e 5,12 milioni di chilometri quadrati per le previsioni statistiche (Figura 2). Come mostrato nella Figura 2, gli intervalli dei quartili delle previsioni dei modelli dinamici e statistici di settembre sono uguali o inferiori ai corrispondenti intervalli delle previsioni di agosto, luglio e giugno, il che indica una diminuzione dell’incertezza. Al contrario, l’intervallo dei quartili dei metodi statistico e ML per il 2021 SIO è aumentato da agosto a settembre, mentre il metodo dinamico è rimasto invariato.

Figura 1. Distribuzione dei 22 contributi SIO per le stime dell’estensione mensile media del ghiaccio marino pan-artico per il settembre 2022. Per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Figura 2. Prospettive sul ghiaccio marino pan-artico del 2022 di giugno, luglio, agosto e settembre (da sinistra a destra), ordinate per metodo. Le linee rappresentano i singoli lavori che utilizzano metodi misti/altri (giugno) e metodi euristici (luglio). Per settembre, il valore medio dei metodi utilizzati è di 4,95 (statistica/ML) e 4,91 (dinamica). In agosto e settembre non sono stati utilizzati metodi euristici in nessun post. Immagine per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Anomalie dell’estensione del ghiaccio marino pan-artico

Questo è il secondo anno in cui il SIO ha richiesto previsioni sulle anomalie dell’estensione media del ghiaccio marino di settembre. L’anomalia è la deviazione delle previsioni di estensione di settembre dei partecipanti dalla loro tendenza di base (ad esempio la tendenza delle osservazioni storiche, degli hindcast dei modelli, ecc.), motivata dalla prospettiva di ridurre l’incertezza nelle previsioni di estensione del SIO che può derivare da modelli con tendenze, medie e metodi di post-elaborazione diversi. Le 10 anomalie previste per settembre vanno da -0,20 a +0,86 milioni di chilometri quadrati, con nove previsioni al di sopra e una al di sotto della linea di base del contributore (Figura 3, in alto). L’area dell’anomalia SIO di settembre copre 1,01 milioni di chilometri quadrati, rispetto alle aree SIO di agosto, luglio e giugno, rispettivamente di 2,08, 1,2 e 1,6 milioni di chilometri quadrati (Figura 3). La previsione dell’anomalia SIO panartica di settembre ha una mediana di 0,6 milioni di chilometri quadrati, rispetto a una mediana SIO di agosto di 0,695, una mediana SIO di luglio di 0,37 e una mediana di giugno di 0,17. La previsione dinamica di settembre (n = 3) ha una mediana più alta (0,78 milioni di chilometri quadrati) rispetto alla previsione statistica (0,44 milioni di chilometri quadrati; n = 7). Settembre ha una deviazione standard di 0,34 milioni di chilometri quadrati, più vicina ai valori di luglio (0,33 milioni di chilometri quadrati) e giugno (0,44 milioni di chilometri quadrati) e inferiore ai valori di agosto (0,53 milioni di chilometri quadrati). Con l’avanzare della stagione 2022, il numero di previsioni negative per l’anomalia SIO media pan-artica di settembre è diminuito.

Figura 3. Previsioni per l’estensione del ghiaccio marino a settembre (in alto a sinistra), agosto (in alto a destra), luglio (in basso a sinistra) e giugno (in basso a destra) per il 2022 in milioni di chilometri quadrati.

Confronto tra il SIO di settembre 2022 e quello di settembre 2021

All’inizio di settembre, data la scala temporale stagionale delle anomalie dell’estensione del ghiaccio marino, è possibile fare una previsione accurata utilizzando l’estensione del 31 agosto e le tendenze storiche dell’estensione del ghiaccio marino (un’anomalia dell’estensione del ghiaccio marino di settembre attenuata fatta il 1° settembre è molto adatta con un RMSE di soli 0,1 milioni di chilometri quadrati). Nel 2021 – il primo anno per il quale abbiamo richiesto le previsioni di settembre – molte previsioni erano al di fuori dell’intervallo previsto in base alle tendenze storiche dell’estensione del ghiaccio marino, come abbiamo notato nel rapporto di follow-up del 2021 https://www.arcus.org/sipn/sea-ice-outlook/2021/post-season .

La Figura 4 mostra la stessa analisi per quest’anno. Utilizzando il valore osservato dell’estensione del ghiaccio marino al 31 agosto 2022 (SIE = 5,15 milioni di chilometri quadrati) e le tendenze passate (1987-2021) del mese di settembre, ci aspettiamo che la SIE nel settembre 2022 sia compresa tra 4,8 e 5,4 milioni di chilometri quadrati; valori al di fuori di questo intervallo richiedono essenzialmente tassi di variazione della SIE nel mese di settembre senza precedenti. Quest’anno le previsioni sono meglio raggruppate in termini di facilità di previsione rispetto al 2021, ma notiamo che ci sono ancora parecchi modelli che prevedono valori inferiori a 4,8 milioni di chilometri quadrati.

Figura 4 (pannello di sinistra): Previsioni per settembre 2021 al 31 agosto 2021 utilizzando la SIE osservata al 31 agosto 2021 e le tendenze passate (1987-2020) dell’estensione del ghiaccio marino tra il 31 agosto e il 30 settembre, mostrate dalle serie temporali che vanno dal ciano al rosso (gli anni etichettati indicano l’anno da cui sono state prese le tendenze di settembre; si noti che sono stati utilizzati tutti gli anni 1987-2020). La media SIE delle previsioni storiche SIE per il settembre 2021 è rappresentata dai cerchi che vanno dal colore ciano al rosso, mentre il valore osservato per il 2021 appare in nero. Le previsioni del SIO di settembre sono mostrate nella colonna all’estrema destra (punti neri; pannello di destra), come nel pannello di sinistra, ma con le previsioni per il settembre 2022 utilizzando il valore SIE osservato del 31 agosto 2022 e le tendenze SIE giornaliere passate (1987-2021) per il mese di settembre, con le previsioni SIO del settembre 2022 mostrate nella colonna all’estrema destra (punti neri).

Previsioni regionali per l’Alaska

La mediana multimodale per la previsione del SIO di settembre 2022 per i mari dell’Alaska è di 0,49 milioni di chilometri quadrati ed è composta da sette contributi con valori compresi tra 0,40 e 0,89 milioni di chilometri quadrati (Figura 5). Le previsioni dei modelli dinamici variano da 0,40 a 0,67 milioni di chilometri quadrati, con una mediana di 0,54 milioni di chilometri quadrati. Le previsioni dei modelli statistici variano da 0,45 a 0,89 milioni di chilometri quadrati, con una mediana di 0,49 milioni di chilometri quadrati. Per il SIO di settembre, le previsioni statistiche mostrano un intervallo più ampio rispetto ai modelli dinamici (Figura 6), come nel caso del SIO di agosto. Per mettere questi valori in prospettiva storica, l’estensione mediana del ghiaccio marino di settembre per i mari dell’Alaska (mari di Bering, Chukchi e Beaufort) nel periodo 2007-2021 è di 0,40 milioni di chilometri quadrati (Figura 7, in alto), quindi la previsione mediana di settembre per il 2022 è più vicina ai valori più recenti osservati tra il 2015 e il 2020 rispetto alla previsione mediana del SIO di agosto (Figura 7, al centro). Le previsioni mediane della SIO di giugno e agosto sono state vicine alle osservazioni dal 2017 al 2020, mentre la previsione per il 2021 è stata molto inferiore alle osservazioni. L’estensione media giornaliera del ghiaccio marino dal 1° al 13 settembre è confrontata con il valore mediano per il mese di settembre nella Figura 7 (in basso), e lo stretto accordo nel corso delle registrazioni suggerisce che i valori osservati per il 2022 saranno vicini alla previsione mediana del SIO di 0,49 milioni di chilometri quadrati a settembre.

Figura 5. distribuzione dei contributi SIO per le stime sulla estensione regionale del ghiaccio marino in Alaska per settembre 2022. figura per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Figura 6. Da sinistra a destra: le previsioni sui ghiacci marini della regione dell’Alaska di giugno, luglio, agosto e settembre 2022, ordinate per metodo. Figura per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Figura 7. in alto: Estensione media osservata del ghiaccio marino di settembre nei mari dell’Alaska (linea blu) e previsione mediana di settembre del SIO (stella nera). La previsione mediana di settembre per il 2022 è indicata dalla stella nera priva di colore al suo interno . Il fit cubico è indicato in grigio. In mezzo: Il grafico esteso per il periodo 2016-2022 mostra le previsioni mediane del SIO per i mesi di giugno, luglio, agosto e settembre per i mari dell’Alaska. Si noti che le previsioni di settembre sono state raccolte solo nel 2021 e nel 2022. In basso: Estensione media del ghiaccio marino dal 1° al 13 settembre nei mari dell’Alaska (cerchi privi di colore al loro interno) ed estensione media del ghiaccio marino a settembre (cerchio blu ). L’estensione media del ghiaccio marino osservata dal 1° al 13 settembre 2022 nei mari dell’Alaska è stata di 0,48 milioni di chilometri quadrati.

Previsioni pan-artiche con metodi spaziali

Abbiamo ottenuto sette previsioni sulla probabilità di ghiaccio marino, mostrate nella Figura 8. Mentre alcuni modelli prevedono una copertura di ghiaccio marino persistente nel Mare della Siberia orientale (NSIDC, Sun, SYSU e in misura minore GFDL SPEAR) sotto forma di una lingua di ghiaccio allungata, altre previsioni mostrano un margine di ghiaccio marino più zonale in questa regione (ad esempio RASM). Le previsioni dei modelli (ad eccezione di RASM) sono molto coerenti nell’Artico europeo (Mare di Kara settentrionale, Mare di Barents e Mare di Groenlandia orientale) e prevedono un margine di ghiaccio marino situato a nord di Spitsbergen e Franz Josef.

Figura 8. Previsioni della probabilità di ghiaccio marino (SIP) per settembre 2022 da sette diversi contributi al SIO di settembre. Mostriamo anche la previsione media multimodale (la media di tutte le previsioni, pannello centrale inferiore) e l’incertezza tra le previsioni (indicata dalla deviazione standard di tutti e sette i contributi, pannello destro inferiore).

Previsioni per l’Antartide

Per questa tornata di previsioni di settembre, abbiamo ricevuto sette proposte (Figura 9). La dispersione delle previsioni è ancora ampia (paragonabile alla variabilità interannuale), anche se la tempistica di presentazione delle previsioni (12 settembre) e la metrica mirata (media di settembre) sono vicine. La previsione di persistenza e cinque delle sette previsioni prevedono un’anomalia negativa rispetto al valore climatologico.

Figura 9. Serie temporale dell’estensione del ghiaccio marino antartico osservata a settembre e da giugno a settembre 2022, previsioni dei singoli modelli e previsioni climatologiche. Sono mostrate anche le previsioni disponibili per la persistenza dell’anomalia.

Condizioni attuali

Condizioni pan-artiche

In base ai dati dell’indice National Sea Ice (NSIDC)  NSIDC Sea Ice Index , l’estensione media del ghiaccio marino artico nell’agosto 2022 è stata di 5,99 milioni di chilometri quadrati, al 13° posto nei 44 anni di record satellitare. Il calo dell’estensione in agosto è stato vicino alla media climatologica nella prima metà del mese, ma ha superato il tasso medio nella seconda metà. A metà agosto, l’estensione si è avvicinata all’intervallo interdecile inferiore per un breve periodo, ma poi si è discostata mentre il declino dell’estensione 2022 continuava a un ritmo superiore alla norma. All’inizio di settembre, la diminuzione dell’estensione è rallentata in linea con la diminuzione della radiazione solare e il calo delle temperature. Nel 2022, tuttavia, l’estensione è diminuita costantemente durante la prima metà di settembre. Il 18 settembre, quando il minimo giornaliero era probabilmente imminente, l’estensione era di 4,67 milioni di chilometri quadrati (Figura 10).

Figura 10: Estensione giornaliera del ghiaccio marino per il periodo aprile-agosto 2022, i quattro anni precedenti, l’anno del minimo storico nel 2012 e la mediana e gli intervalli interquartile/interdecile. Immagine per gentile concessione di NSIDC Arctic Sea Ice News and Analysis.

L’estensione del ghiaccio marino è stata inferiore alla media 1981-2010 in quasi tutti i settori dell’Oceano Artico, con la Northern Sea Route e il Passaggio a Nord-Ovest in gran parte privi di ghiaccio alla fine di agosto. L’area a bassa concentrazione di ghiaccio e le piccole aree di mare aperto rimaste a nord del Mare di Kara, quasi fino al polo, erano in gran parte ghiacciate (Figura 11).

Figura 11: Concentrazione di ghiaccio marino per il 18 settembre 2022. A cura dell’Università di Brema.

Da metà agosto a metà settembre le temperature dell’aria (a livello di 925 mb) sono state superiori alla media in gran parte dell’Oceano Artico. Nel Mare di Beaufort le temperature sono state di circa 2,5 °C superiori alla media (Figura 12). Nei mari di Kara e Laptev le temperature sono state vicine alla media. Nello stesso periodo, il Mare di Beaufort presentava un’area di alta pressione che copriva un’area relativamente piccola (Figura 13); i mari costieri eurasiatici presentavano invece condizioni di bassa pressione.

Figura 12. anomalia della temperatura dell’aria per il periodo 15 agosto – 15 settembre 2022. da rianalisi NCEP/NCAR.

Figura 13. Pressione media a livello del mare per il periodo 15 agosto – 15 settembre 2022. da rianalisi NCEP/NCAR.

Condizioni regionali in Alaska

L’estensione del ghiaccio marino a metà settembre 2022 mostra una minore concentrazione di ghiaccio e più acqua aperta nei mari centrali di Chukchi e Beaufort rispetto alle condizioni di metà settembre 2021 (Figura 14, in alto). Nel 2020, la concentrazione di ghiaccio marino si è ritirata leggermente più a nord rispetto al 2022 e l’estensione combinata dei ghiacci dei mari di Bering, Chukchi e Beaufort da metà aprile a metà agosto 2022 è stata leggermente inferiore alla media 1981-2010 (Figura 14, in basso). Da metà agosto, il ghiaccio marino si è ritirato bruscamente e l’area totale è vicina a quella del 2020, con un’estensione di 0,41 milioni di chilometri quadrati il 13 settembre 2022, al di sotto della media 1981-2010 di 1,02 milioni di chilometri quadrati.Il valore del 13 settembre 2022 è inferiore a quello del 2021 alla stessa data, ma superiore ai valori del 2019 e del 2020, che erano rispettivamente di 0,31 e 0,39 milioni di chilometri quadrati (Figura 14, a destra). L’estensione del ghiaccio marino è stata inferiore nel Mare dei Chukchi (2022: 0,22 contro 2021: 0,39 milioni di chilometri quadrati) e nel Mare di Beaufort (0,71 contro 0,77 milioni di chilometri quadrati) il 13 settembre 2022, rispetto allo stesso giorno del 2021, in base ai dati NSIDC. Resta improbabile che l’estensione media del settembre 2019 nei mari dell’Alaska venga superata nel 2022, con la fine della stagione di fusione.

Figura 14. in alto: National Weather Service Alaska Sea Ice Program (ASIP) concentrazione di ghiaccio marino per il 13 settembre 2022, 2021 e 2020. in basso: Ciclo giornaliero NSIDC dell’estensione regionale giornaliera del ghiaccio marino aggiornato al 13 settembre 2022 nei mari dell’Alaska (Bering-Chukchi-Beaufort) relativamente ad una selezione di anni e alla mediana climatologica per il periodo 1981-2010.

Condizioni del calore del mare

A metà settembre 2022 (Figura 15), il Mare di Beaufort si presenta come negli ultimi anni (una “nuova normalità”), con ghiacci vecchi e relativamente spessi che si sono riversati nella regione da nord dell’arcipelago artico canadese lo scorso inverno (soprattutto nel Mare di Beaufort orientale). Questo ghiaccio coesiste in una complessa geometria del bordo del ghiaccio con l’acqua fredda che è la firma del ghiaccio recentemente sciolto (in particolare nel Mare di Beaufort occidentale). C’è una lingua di ghiaccio nel Mare della Siberia orientale, un’area che normalmente si scioglie relativamente tardi (se non del tutto); un confronto con una situazione simile nel 2018 è mostrato nella figura. È interessante notare che la fascia di acqua fredda e quasi ghiacciata che indica lo scioglimento dei ghiacci alla fine dell’estate e che è stata piuttosto ampia (2-3 latitudini) lungo il margine glaciale eurasiatico negli ultimi anni (non mostrato) è molto più sottile quest’anno.

Figura 15. Concentrazione di ghiaccio marino (scala di grigi, da microonde passive NSIDC NRT) e temperatura della superficie del mare per (a) 11 settembre 2022 e (b) 9 settembre 2018 (SST; scala di colori, da NOAA OISSTv2.1). Figura tratta dal sito web della boa UpTempO. ESS = Mare della Siberia orientale.

Le anomalie SST pan-artiche sono riportate nella Figura 16. Le anomalie fredde nei mari subartici del Pacifico e dell’Atlantico che erano presenti un mese fa (vedi rapporto SIO di agosto) non sono più così evidenti a metà settembre. Le anomalie di elevata ampiezza nell’Oceano Artico sono in gran parte assenti, ad eccezione della piattaforma artica russa più interna.

Figura 16. anomalia della temperatura della superficie del mare (SST) per il 17 agosto 2022 rispetto alla media per quel giorno nel periodo 2000-2021, utilizzando lo stesso set di dati SST della figura 15. Figura scaricata da ClimateReanalyzer.org presso il Climate Change Institute, University of Maine.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »