I punti salienti del mese di dicembre in materia di idrologia a cura di Copernicus Climate

Il mese di dicembre è stato:
💧 più umido della media nella maggior parte della penisola iberica e in altre regioni meridionali e orientali,
💧 più secco della media nel sud-est della penisola iberica e in alcune parti della Scandinavia.

Di seguito sono riportate le anomalie delle precipitazioni, dell’umidità relativa dell’aria superficiale, dell’umidità volumetrica dei primi 7 cm di suolo e della temperatura dell’aria superficiale per il mese di dicembre 2022 rispetto alle medie di dicembre per il periodo 1991-2020. La colorazione grigia più scura indica i casi in cui l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di precipitazioni climatologicamente basse. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Nel mese di dicembre 2022, il continente europeo ha visto una marcata variabilità spaziale delle condizioni di umidità e siccità, soprattutto nelle zone centro-occidentali, analogamente a quanto avvenuto nel mese precedente https://climate.copernicus.eu/precipitation-relative-humidity-and-soil-moisture-november-2022 . Le precipitazioni, l’umidità del suolo e l’umidità relativa indicano condizioni più umide della media nella maggior parte della Penisola Iberica, colpita a metà mese dalla tempesta Efrain . Ciò risulta molto chiaro dal forte segnale nell’anomalia delle precipitazioni in corrispondenza del fiume Tago. Precipitazioni superiori alla media si sono verificate anche in una fascia da sud-ovest a nord-est che va dall’Italia settentrionale e centrale, attraverso i Balcani settentrionali, fino al nord del Mar Nero, prima di restringersi gradualmente nella Russia occidentale. Le forti precipitazioni hanno causato inondazioni e conseguenti danni in Portogallo https://floodlist.com/europe/portugal-flood-lisbon-setubal-december-2022 , Spagna https://floodlist.com/europe/spain-floods-extremadura-castilla-la-mancha-madrid-december-2022 , Bosnia-Erzegovina e Croazia https://floodlist.com/europe/bosnia-croatia-floods-december-2022 . Le precipitazioni sono state superiori alla media anche nel sud-est della Turchia e, in misura minore, in Finlandia.

Condizioni più secche della media hanno prevalso nel sud-est dell’Iberia, nel nord della Francia, in parti della Scandinavia, nell’arco alpino, nei Balcani orientali, nella maggior parte della Turchia e nel Caucaso settentrionale.

Situazione riscontrata a livello europeo negli ultimi 12 mesi

Distribuzione spaziale delle anomalie delle precipitazioni, dell’umidità relativa dell’aria di superficie, del contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e della temperatura dell’aria di superficie nel 2022 rispetto al periodo 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura indica i casi in cui l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di precipitazioni climatologicamente basse. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Nel 2022, tutti gli indicatori mostrano condizioni più secche della media in gran parte dell’Europa occidentale, nord-orientale e meridionale. Gli effetti combinati delle scarse precipitazioni e delle alte temperature, con ondate di calore https://climate.copernicus.eu/europe-continued-swelter-july registrate a partire da maggio e l’estate più calda mai registrata https://climate.copernicus.eu/c3s-climate-bulletin-shows-summer-2022-was-europes-warmest-record , hanno portato a una siccità diffusa https://edo.jrc.ec.europa.eu/documents/news/GDO-EDODroughtNews202208_Europe.pdf e di lunga durata, che ha colpito molte regioni e settori della società. Le condizioni di siccità hanno favorito gli incendi https://atmosphere.copernicus.eu/europes-summer-wildfire-emissions-highest-15-years , soprattutto nell’Europa sud-occidentale. Le condizioni più umide della media che hanno interessato alcune parti dell’Europa occidentale durante l’autunno non hanno cambiato di molto la situazione. I maggiori deficit di precipitazioni sono stati registrati sull’arco alpino.

La Spagna orientale, la Scandinavia settentrionale, le regioni della Polonia, dell’Ucraina, della Russia e del nord del Mar Caspio e l’entroterra turco sono state le regioni in cui le precipitazioni sono state più abbondanti della media.

Situazione riscontrata a livello globale nel mese di dicembre 2022

Le figure mostrano le anomalie delle precipitazioni, dell’umidità relativa dell’aria di superficie, del contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e della temperatura dell’aria di superficie per il mese di dicembre 2022 rispetto alle medie di dicembre per il periodo 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura indica i casi in cui l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di precipitazioni climatologicamente basse. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Nel dicembre 2022 sono state osservate condizioni più umide della media in alcune regioni del Nord America occidentale e orientale. Ampie zone dell’Eurasia, in particolare la Russia occidentale, la Siberia centrale e parti dell’Asia centrale, sono state più umide del normale. Nelle zone costiere della Cina, sono ancora evidenti gli effetti delle precipitazioni avvenute nel mese di novembre a livello di umidità del suolo.

L’Australia settentrionale è stata più umida della media, così come l’Africa sud-orientale, dove le forti piogge hanno provocato alluvioni lampo https://floodlist.com/africa/south-africa-johannesburg-december-2022 , e il Madagascar meridionale. Il Sud America ha visto un forte contrasto tra condizioni più umide della media su gran parte del Brasile, anch’esso colpito da forti precipitazioni che hanno causato inondazioni e frane https://floodlist.com/america/brazil-floods-santa-catarina-december-2022 , e condizioni più secche della media nella parte meridionale. Nel sud degli Stati Uniti e nel Messico settentrionale, sulla costa occidentale del Canada, nel Corno d’Africa e nelle regioni dell’Asia orientale, si sono verificate condizioni più asciutte della media.

Situazione riscontrata a livello globale negli ultimi 12 mesi

Il grafico mostra le anomalie delle precipitazioni, dell’umidità relativa dell’aria superficiale, del contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e della temperatura dell’aria superficiale per il 2022 rispetto al periodo 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura indica i casi in cui l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di precipitazioni climatologicamente basse. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Nel 2022, le anomalie medie delle precipitazioni, dell’umidità del suolo e dell’umidità relativa mostrano costantemente la presenza di una fascia di siccità che si estende dal Corno d’Africa https://earthobservatory.nasa.gov/images/150712/worst-drought-on-record-parches-horn-of-africa – che ha sperimentato una sostanziale e persistente siccità – verso est, attraverso l’Arabia e l’Asia centrale fino alla Cina orientale. La Cina è stata gravemente colpita dalla mancanza di precipitazioni nel periodo estivo, in particolare lungo il fiume Yangtze https://www.aljazeera.com/news/2022/9/23/red-alert-in-china-as-drought-dries-up-countrys-biggest-lake . A sud, a nord e a est della fascia secca , dominano condizioni più umide della media, tra cui il Pakistan, gravemente colpito dalle forti precipitazioni monsoniche estive https://climate.copernicus.eu/pakistan-devastated-august-floods , la Cina meridionale e le parti settentrionali del Giappone e della penisola coreana.

Condizioni più secche della media sono state osservate in gran parte del Nord America, in particolare in alcune parti degli Stati Uniti occidentali e centrali https://www.drought.gov/historical-information?dataset=0&selectedDateUSDM=20220705&dateRangeUSDM=2022-2023 e nel Messico nord-orientale https://smn.conagua.gob.mx/es/climatologia/monitor-de-sequia/monitor-de-sequia-en-mexico . In queste aree sono state rilevate condizioni di siccità da moderata a grave per tutto l’anno. Negli Stati Uniti le condizioni di siccità hanno contribuito alla diffusione e all’intensificazione degli incendi, soprattutto durante l’estate https://atmosphere.copernicus.eu/cams-monitoring-extreme-wildfire-emissions-2022 .

Nell’emisfero meridionale extratropicale, le condizioni più secche della media sono state particolarmente pronunciate in Sud America. L’Africa meridionale e gran parte dell’Australia orientale sono state notevolmente più umide della media. In quest’ultima regione, durante tutto l’anno si sono verificate forti inondazioni https://floodlist.com/tag/new-south-wales dovute alle intense precipitazioni. Le condizioni oceaniche di La Niña potrebbero aver contribuito all’aumento delle precipitazioni nei settori orientali e sudorientali del Paese http://www.bom.gov.au/climate/enso/wrap-up/archive/20220913.archive.shtml .

Trend di lungo termine

Di seguito sono riportate le anomalie mensili rispetto al periodo 1991-2020 dell’umidità relativa superficiale dell’aria mediata sull’intera area terrestre europea dal gennaio 1979 al dicembre 2022. Le barre più scure indicano i valori di dicembre. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

L’umidità relativa globale media al suolo è diminuita negli ultimi 40 anni ed è rimasta bassa dall’inizio degli anni 2000. Nel dicembre 2022, l’umidità relativa globale era inferiore alla corrispondente media 1991-2020.

Il valore medio dell’umidità relativa in Europa mostra un grado di variabilità maggiore, ma in generale un calo netto nel tempo. L’inaridimento rilevato non è associato a una riduzione sostanziale delle precipitazioni, come mostrato di seguito per quattro regioni europee. Si ritiene che il fenomeno sia legato a un maggiore aumento della temperatura superficiale dell’aria sulle aree terrestri rispetto alle aree oceaniche. Occorre quindi un monitoraggio continuo per quantificare l’inaridimento su un periodo di tempo più lungo. Nel dicembre 2022 l’umidità relativa in Europa è stata superiore alla corrispondente media 1991-2020, il terzo valore più alto registrato a partire dal 1979 per il mese di dicembre.La variazione nel tempo delle variabili idrologiche e della temperatura è mostrata di seguito per le medie sulle aree terrestri dell’Europa nord-occidentale, nord-orientale, sud-occidentale e sud-orientale. I valori sono mediati su periodi successivi di quattro mesi per evidenziare le variazioni su scala stagionale e su scala temporale più lunga. Le differenze regionali sono piuttosto pronunciate nelle serie temporali.

La variazione nel tempo delle variabili idrologiche e della temperatura è mostrata di seguito per le medie sulle aree terrestri dell’Europa nord-occidentale, nord-orientale, sud-occidentale e sud-orientale https://climate.copernicus.eu/sites/default/files/2019-04/C3S_ESOTC_European_regions_branded.png . I valori sono mediati su periodi successivi di quattro mesi per evidenziare le variazioni su scala stagionale e su scala temporale più lunga. Nelle serie storiche le differenze regionali sono piuttosto pronunciate.

La relazione tra precipitazioni, umidità relativa e umidità del suolo, evidente nelle mappe delle anomalie, può essere vista come valida per le medie dell’area su scale temporali fino a un anno o più. Tuttavia, le precipitazioni medie non mostrano la marcata diminuzione a lungo termine osservata invece per l’umidità relativa e l’umidità del suolo.

Rispetto al periodo di riferimento 1991-2020, nei quattro mesi fino a dicembre 2022, le condizioni nell’Europa meridionale sono state prevalentemente più secche della media, con precipitazioni vicine alla media nella parte occidentale. Nel nord, tutti gli indicatori mostrano condizioni più umide della media, un segnale che è più pronunciato nell’Europa nord-orientale.

Di seguito sono riportate le medie quadrimestrali delle anomalie sulle aree terrestri dell’Europa nord-occidentale rispetto al periodo 1991-2020 per le precipitazioni, l’umidità relativa dell’aria superficiale, il contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e la temperatura dell’aria superficiale, sulla base dei valori mensili da gennaio 1979 a dicembre 2022. Le medie annuali per il periodo 1991-2020 sono riportate nell’angolo in alto a destra di ciascun pannello. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF

Rispetto al periodo di riferimento 1981-2010:

Di seguito sono riportate le medie quadrimestrali delle anomalie sulle aree terrestri dell’Europa nordoccidentale rispetto al periodo 1981-2010 per le precipitazioni, l’umidità relativa dell’aria superficiale, il contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e la temperatura dell’aria superficiale, sulla base dei valori mensili da gennaio 1979 a dicembre 2022. Le medie annuali per il periodo 1981-2010 sono riportate nell’angolo in alto a destra di ciascun pannello. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »