Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto un nuovo minimo storico nel febbraio 2022

Il ghiaccio marino antartico ha raggiunto un nuovo minimo storico nel febbraio 2022

Un minimo dell’estensione del ghiaccio marino antartico del 2022 è stato raggiunto il 24 febbraio con una copertura di ghiaccio di 2,07 milioni di km²(*), rendendo tale misura un nuovo record negativo di estensione del ghiaccio marino dall’inizio delle osservazioni satellitari. È più del 7% inferiore al precedente record negativo del 2017 (2,24 milioni di km²).

Figura 1: [A sinistra] I valori giornalieri dell’estensione del ghiaccio marino dell’anno precedente e di quello attuale (nero), più le curve di riferimento per il 2014 e il 2017, che sono stati i due anni con l’estensione del ghiaccio più alta e più bassa mai registrata attraverso il monitoraggio satellitare in Antartide. Nota che l’anno attuale 2022 combina una linea nera e una rossa che rappresenta i metodi di reperimento dei dati leggermente diversi. Il nero copre i dati dell’Interim Climate Data Record e il rosso è il supplemento dei dati in tempo quasi reale. Il grigio mostra la mediana del periodo di riferimento climatico di 30 anni, 1981-2010, e le linee tratteggiate grigie segnano i valori giornalieri più alti e più bassi durante l’anno presenti nel record completo, 1979-2021. [A destra] La concentrazione di ghiaccio marino antartico nella data in cui si è raggiunta l’estensione minima, il 24 febbraio 2022.

Dopo aver raggiunto alcuni dei valori più alti in luglio e agosto 2021, l’estensione del ghiaccio marino antartico ha seguito valori bassi a partire da novembre. All’inizio del 2022, l’estensione ha continuato ad essere bassa e da metà febbraio l’estensione è scesa sotto i valori minimi giornalieri. La tabella qui sotto mostra i 5 minimi più bassi e i 5 minimi più alti dell’estensione del ghiaccio marino registrati in Antartide, e in quale giorno si sono verificati:

Nonostante questo nuovo record negativo del ghiaccio marino antartico, è ancora difficile trarre delle conclusioni sulla sua tendenza a lungo termine e futura. Prima del 2015, il ghiaccio marino antartico ha mostrato una tendenza leggermente crescente nel corso dei decenni e ha raggiunto una copertura record nel 2014 (o 2015 a seconda dei mesi considerati). In seguito, un brusco cambiamento ha portato a valori record-bassi nel 2017 e quindi ad alcune delle più grandi variabilità interannuali osservate nella copertura del ghiaccio marino. Le grandi variabilità interannuali sono continuate da allora e non è stata osservata una chiara tendenza. Guarda questa figura di classifica per vedere le tendenze del ghiaccio marino antartico a ritroso nel tempo.https://osisaf-hl.met.no/archive/osisaf/sea-ice-index/v2p1/sh/en/osisaf_sh_sie_monthly-values.png

In termini di valori medi mensili, febbraio 2022 diventa il secondo più basso in assoluto, dopo il 2017. La tendenza a lungo termine per febbraio è per la prima volta leggermente negativa (non statisticamente significativa), vedi figura sotto.

Figura 2: Serie temporale dell’estensione mensile del ghiaccio marino antartico per febbraio. La linea nera rappresenta la linea di tendenza basata sul periodo di riferimento 1981-2010.

Il ghiaccio marino antartico copre vaste aree oceaniche e il ghiaccio marino in diverse regioni può comportarsi indipendentemente l’uno dall’altro. Quindi, un’estensione record del ghiaccio marino antartico non è necessariamente applicabile alle singole estensioni di ghiaccio regionali. Sotto, è mostrata la mappa della concentrazione di ghiaccio marino del febbraio 2022 e la sua anomalia rispetto al periodo di riferimento climatico 1981-2010. La maggiore perdita di ghiaccio marino nel 2022 si vede concentrata soprattutto nel Mare di Ross, verso il Mare di Amundsen, e nella parte esterna della copertura di ghiaccio del mare Weddell.

Figura 3: La condizione mensile del ghiaccio marino antartico per febbraio 2022. [Sinistra] Concentrazione di ghiaccio marino di febbraio. [Destra] Anomalia della concentrazione di ghiaccio marino per febbraio 2022 rispetto al 1981-2010. Il settore tra le linee rosse è il Mare di Weddell, tra le linee blu e rosse sono i mari di Bellingshausen e Amundsen, e tra le linee verdi e blu è il Mare di Ross.

L’estensione giornaliera del ghiaccio marino è calcolata per i tre settori segnati nella figura 3; il Mare di Weddell, i mari di Bellingshausen e Amundsen e il Mare di Ross. Gli indici di estensione del ghiaccio sono mostrati qui sotto insieme all’estensione totale del ghiaccio marino antartico.

Figura 4: Valori giornalieri dell’estensione del ghiaccio marino dell’anno in corso (nero), e tutti gli anni disponibili dal 1979. Il colore della linea rappresenta il singolo anno. I colori sono selezionati in modo che gli anni siano raggruppati in decenni. [In alto a sinistra] Mare di Weddell, [in alto a destra] intero oceano antartico, [in basso a sinistra] Mari di Bellingshausen e Amundsen, e [in basso a destra] Mare di Ross. Vedi la posizione dei mari regionali nella figura 3.

Nota che MET Norvegia fornisce anche carte settimanali dei ghiacci nel periodo estivo antartico. Qui sotto è mostrata la carta dei ghiacci del Mare di Weddell del 28 febbraio. Altre carte dei ghiacci si trovano qui https://cryo.met.no/en/sea-ice

Quando questo articolo è stato pubblicato per la prima volta, i dati nel periodo intorno alla data del minimo, il 24 febbraio, sono basati su dati operativi preliminari che hanno lo scopo di integrare il record dei dati climatici. La data esatta e l’estensione del minimo stagionale saranno confermate quando i dati climatici saranno disponibili nella prima metà di marzo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »