Il 2022 è stato il sesto anno più caldo dall’inizio delle registrazioni globali nel 1880, con un aumento di 0,86°C (1,55°F) rispetto alla media del XX secolo di 13,9°C (57,0°F).

Il 2022 è stato il sesto anno più caldo dall’inizio delle registrazioni globali nel 1880, con un valore di 0,86°C (1,55°F) superiore alla media del XX secolo di 13,9°C (57,0°F). Questo valore è inferiore di 0,13°C (0,23°F) rispetto al record stabilito nel 2016 ed è superiore di soli 0,02°C (0,04°F) rispetto al valore dell’anno precedente (2021), che ora si colloca al settimo posto. I 10 anni più caldi nei 143 anni di record si sono tutti verificati a partire dal 2010, con gli ultimi nove anni (2014-2022) che si sono classificati come i nove anni più caldi del record. Da notare che il 2005, che è stato il primo anno a stabilire un nuovo record di temperatura globale nel 21° secolo, è attualmente in parità con il 2013 come 11° anno più caldo di sempre. Il 2010, che all’epoca aveva superato il 2005, si colloca ora al 10° posto tra gli anni più caldi mai registrati.

Come il 2021, anche il 2022 è iniziato con un episodio di El Niño Southern Oscillation (ENSO) in fase fredda, noto anche come La Niña, che si è protratto per tutto l’anno. L’ENSO non solo influenza i modelli meteorologici globali, ma anche le temperature globali. Come si vede nell’immagine sottostante, durante la fase calda dell’ENSO (El Niño), le temperature globali tendono a essere più calde rispetto agli anni ENSO-neutrali o La Niña, mentre le temperature globali tendono a essere leggermente più fredde durante gli episodi ENSO di fase fredda (La Niña). Nonostante gli ultimi due anni (2021 e 2022) non rientrino tra i cinque anni più caldi registrati, la temperatura annuale globale è aumentata a un tasso medio di 0,08°C (0,14°F) per decennio dal 1880 e più del doppio (0,18°C / 0,32°F) dal 1981.

Nel 2022, la temperatura superficiale globale di ciascun mese si è classificata tra le dieci più calde del rispettivo mese. Il mese con il più alto scarto di temperatura globale per l’anno è stato il mese di marzo, con +0,94°C (+1,69°F), mentre novembre ha avuto il più basso scarto di temperatura globale per l’anno, con +0,75°C (+1,35°F).

La temperatura superficiale dell’emisfero settentrionale https://www.ncei.noaa.gov/cag/global/time-series/nhem/land_ocean/ytd/12/1880-2022 nel 2022 è stata anche la sesta più alta mai registrata, con +1,10°C (+1,98°F). Nel frattempo, l’emisfero australe https://www.ncei.noaa.gov/cag/global/time-series/shem/land_ocean/ytd/12/1880-2022 ha registrato il settimo anno più caldo in assoluto, con una temperatura di 0,61°C (1,10°F) superiore alla media del XX secolo.

I dieci anni più caldi (1880-2022)

Temperature regionali

L’anno è stato caratterizzato da temperature molto più calde della media in gran parte del globo, con temperature annuali da record in alcune parti dell’Europa, dell’Asia meridionale, dell’Oceano Pacifico settentrionale e sudoccidentale, dell’Atlantico e del Pacifico sudorientale. Nel frattempo, le temperature più fredde della media si sono limitate all’Oceano Pacifico tropicale centrale e orientale, coerentemente con un episodio di La Niña che è persistito per tutto l’anno.

Anomalie di temperatura superficiale (continenti+oceani) per il periodo gennaio-dicembre 2022, in gradi Celsius

Percentili di temperatura superficiale (continenti+oceani) per il periodo gennaio-dicembre 2022

Nord America

La temperatura annuale del Nord America https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/climate-at-a-glance/global/time-series/northAmerica/land/ann/12/1910-2022 è stata di 0,91°C (1,64°F) superiore alla media del periodo 1910-2000 e si è attestata, insieme al 2011 e al 2019, al 15° posto tra gli anni più caldi mai registrati. Le temperature in tutto il Nord America sono variate nel corso dell’anno. Dieci dei 12 mesi hanno registrato una temperatura mensile superiore alla media. I mesi da giugno a ottobre si sono classificati tra i sette più caldi per i rispettivi mesi, con i mesi di agosto e settembre che si sono classificati come i più caldi in assoluto. Il mese di settembre 2022 è stato il mese più caldo dell’anno in Nord America, con uno scarto di temperatura di +2,02°C (+3,64°F), mentre febbraio è stato il mese più freddo dell’anno con -0,42°C (-0,76°F). La temperatura annuale del Nord America è aumentata in media di 0,13°C (0,23°F) dal 1910; tuttavia, il tasso medio di aumento è doppio (0,27°C / 0,49°F) dal 1981.

Sud America

La temperatura annuale del Sud America è stata di 0,89°C (1,60°F) sopra la media – il 12° anno più caldo dall’inizio dei registri regionali nel 1910. Questo è stato il 46° anno consecutivo di temperature superiori alla media in Sud America. Nove dei 10 anni più caldi del Sud America si sono verificati dal 2012. La temperatura annuale del Sud America è aumentata in media di 0,14°C (0,25°F) per decennio dal 1910; tuttavia, il tasso medio di aumento è quasi doppio (0,22°C / 0,40°F) rispetto al 1981.https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/climate-at-a-glance/global/time-series/southAmerica/land/ytd/12/1910-2022

Nel 2022 il Sud America ha registrato temperature mensili superiori alla media. I mesi di gennaio e luglio hanno registrato temperature quasi da record. Il mese di luglio ha registrato la maggiore deviazione di temperatura dell’anno con +1,66°C (+2,99°F); mentre maggio ha registrato la minore deviazione di temperatura dell’anno con +0,27°C (+0,49°F).

  • Durante il mese di gennaio, un’intensa ondata di calore ha colpito gran parte dell’Argentina. Si è trattato della terza ondata di calore dell’Argentina durante la stagione estiva dell’emisfero meridionale. Secondo il Servizio meteorologico nazionale argentino, l’ondata di calore è iniziata il 6 gennaio ed è culminata dopo 21 giorni consecutivi di temperature estremamente elevate, con oltre 75 nuovi record di temperatura massima e minima. Da notare che il 15 gennaio la città di Buenos Aires ha registrato la temperatura minima più alta da quando sono iniziate le registrazioni nel 1906, quando le temperature minime sono scese solo a 30°C (86°F). Allo stesso modo, temperature insolitamente calde hanno interessato alcune parti dell’Uruguay a metà mese. Il 14 gennaio, in Florida, l’Uruguay ha registrato una temperatura massima di 44,0°C (111,2°F), battendo il record nazionale di temperatura massima stabilito nel gennaio 1943.
  • L’Argentina ha registrato il novembre più caldo dall’inizio delle registrazioni nazionali nel 1961, con una temperatura nazionale di 1,8°C (3,2°F) superiore alla media 1981-2010.

Europa

Per tutto l’anno l’Europa ha registrato temperature mensili superiori alla media, con la massima escursione termica mensile di +3,12°C (+5,62°F) a febbraio. Nonostante la temperatura mensile più alta dell’anno, il febbraio 2022 si è classificato come il settimo febbraio più caldo mai registrato. I mesi di agosto e ottobre hanno registrato uno scarto di temperatura che si è classificato come il più caldo per i rispettivi mesi. L’escursione termica mensile più bassa dell’anno è stata di +0,80°C (+1,44°F) a settembre.

Complessivamente l’anno si è classificato come il secondo più caldo a livello europeo, dietro l’anno record del 2020 di 0,23°C (0,41°F). Il 2022 è stato anche il 26° anno consecutivo con temperature superiori alla media. I 10 anni più caldi d’Europa si sono verificati dal 2007. La temperatura annuale in Europa è aumentata in media di 0,15°C (0,27°F) per decennio dal 1910; tuttavia, dal 1981 è triplicata a 0,46°C (0,83°F).

  • Il Regno Unito https://www.metoffice.gov.uk/binaries/content/assets/metofficegovuk/pdf/weather/learn-about/uk-past-events/summaries/uk_monthly_climate_summary_annual_2022.pdf ha registrato l’anno più caldo dall’inizio delle registrazioni nazionali nel 1884. La temperatura annuale di 10,0°C (50,05°F) è stata superiore di 0,1°C (0,2°F) rispetto al precedente record stabilito nel 2014 (9,9°C / 49,8°F). Secondo il Met Office del Regno Unito, i 10 anni più caldi della nazione si sono verificati tutti dal 2003. Ogni stagione si è classificata tra le 10 più calde per le rispettive stagioni. Nel Regno Unito, una temperatura massima di 40,3°C (104,5°F) è stata registrata a Coningsby, nel Lincolnshire, durante il mese di luglio – segnando la prima volta nella storia del Paese in cui si sono registrate temperature massime di 40,0°C (104°F) o superiori nel Regno Unito.
  • Nel 2022 la temperatura annuale dell’Irlanda https://www.met.ie/annual-climate-statement-for-2022 è stata di 10,8°C (51,4°F), il che la rende la temperatura annuale più alta del Paese dal 1900. Il 2022 è stato anche il 12° anno consecutivo con temperature superiori alla media.
  • Anche la Spagna https://www.aemet.es/en/noticias/2022/12/rueda_prensa_estacional_inivierno_2022_2023 ha registrato l’anno più caldo nei 62 anni di storia del Paese, con una temperatura media annuale di 15,3°C (59,5°F), superiore di 1,6°C (2,9°F) alla media. Secondo l’Agencia Estatal de Meteorología spagnola, il 2022 è stato il primo anno in cui la temperatura annuale ha superato i 15,0°C (59,0°F).
  • La Francia ha registrato l’anno più caldo nei 123 anni di storia del Paese. Secondo Meteo France, otto dei 10 anni più caldi della Francia si sono verificati dal 2011.
  • I Paesi Bassi https://www.knmi.nl/over-het-knmi/nieuws/jaar-2022-extreem-warm-zonnig-en-droog hanno registrato il terzo anno più caldo in assoluto.
  • Con una temperatura di 1,0°C (1,8°F) superiore alla media, il 2022 in Austria https://www.zamg.ac.at/cms/de/klima/news/2022-unter-den-drei-waermsten-jahren-der-messgeschichte è stato il terzo anno più caldo nei 255 anni di storia del Paese, insieme al 2019. Solo gli anni 2014 e 2018 sono stati più caldi per la nazione.
  • Un’ondata di calore ha colpito la Penisola e le Isole Baleari dall’11 al 18 giugno, secondo l’Agencia Estatal de Meteorología spagnola. È stata la prima ondata di calore registrata, eguagliando i record stabiliti nel giugno 1981.

Africa

L’Africa https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/climate-at-a-glance/global/time-series/africa/land/ytd/12/1910-2022 ha registrato una temperatura annuale di +1,01°C (+1,82°F), che è la decima più alta nei 113 anni di record del continente. Nonostante sia superiore alla media, questo valore è la temperatura annuale più bassa per l’Africa dal 2014. Il 2022 ha segnato il 46° anno consecutivo di temperature superiori alla media in Africa. I 10 anni più caldi dell’Africa si sono verificati dal 2005. La temperatura annuale dell’Africa è aumentata a un tasso medio di 0,13°C (0,23°F) per decennio dal 1910; tuttavia, è più che raddoppiata a 0,28°C (0,50°F) dal 1981.

Durante tutto l’anno, le temperature mensili dell’Africa sono state superiori alla media. I mesi di aprile, giugno, settembre, ottobre e dicembre si sono classificati tra i 10 più caldi per i rispettivi mesi; tuttavia, nessun mese ha registrato un record di temperatura calda o fredda per l’anno. Nel 2022, il mese con lo scarto di temperatura più elevato è stato dicembre, con 1,50°C (2,70°F), mentre gennaio ha registrato lo scarto di temperatura più basso, con +0,60°C (+1,08°F).

Asia

L’Asia https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/climate-at-a-glance/global/time-series/asia/land/ann/3/1910-2022 ha registrato il secondo anno più caldo in assoluto, con +1,80°C (+3,24°F). Questo valore è inferiore di 0,26°C (0,47°F) rispetto all’anno record stabilito nel 2020. Il 2022 ha segnato il 35° anno consecutivo con temperature superiori alla media. I 10 anni più caldi dell’Asia si sono verificati dal 2007. Il trend dell’Asia nel periodo 1910-2022 è stato di +0,17°C (+0,31°F) per decennio; tuttavia, il trend 1981-2022 è doppio rispetto al trend a lungo termine (+0,37°C / +0,67°F).

Nel 2022 le temperature mensili sono state di 1,0°C (1,8°F) sopra la media o superiori. Ogni mese da gennaio a ottobre si è classificato tra i 10 più caldi per ogni rispettivo mese, con il mese di aprile che è stato l’aprile più caldo dell’Asia, con 2,64°C (4,75°F) sopra la media. I mesi di marzo e aprile 2022 hanno registrato la maggiore deviazione di temperatura (+2,64°C), mentre dicembre ha registrato la minore deviazione di temperatura (+1,00°C).

  • Nelle ultime giornate di aprile e all’inizio di maggio, un sistema di alta pressione ha portato temperature insolitamente calde in alcune zone dell’Asia meridionale. Le aree più colpite sono state l’India e il Pakistan, dove le temperature massime giornaliere hanno superato i 40° C (104° F). Diverse località della regione hanno stabilito nuovi record di temperatura massima e minima durante questo periodo. Secondo il Dipartimento meteorologico del Pakistan, il giorno più caldo del mese è stato il 30 aprile, quando le temperature hanno raggiunto i 49,0°C (120,2°F) a Jacobabad (Sindh). Si è trattato di un nuovo record di temperatura massima per la stazione, superando di 1,0°C (1,8°F) il precedente record stabilito nel 2018. L’aeroporto di Karachi ha registrato una temperatura minima di 29,4°C (84,9°F) il 30 aprile, anch’essa un nuovo record per la località. Secondo i rapporti, le temperature estremamente elevate hanno colpito i raccolti e la domanda di energia elettrica è stata la peggiore degli ultimi sei anni.
  • Secondo il Times of India, Delhi, la capitale indiana, ha registrato una temperatura massima mensile di 40,2 C (104,4 F) – la seconda temperatura massima di aprile più alta nei 72 anni di record della località. Il Pakistan ha registrato il suo aprile più caldo, che risale al 1961, con una temperatura di 4,05°C (7,29°F) superiore alla media. Questo valore è stato superiore di 0,9°C (1,7°F) rispetto alla seconda temperatura più alta di aprile registrata nel 2010.
  • Un’ondata di calore ha bruciato il Giappone nel bel mezzo della stagione delle piogge, segnando la peggiore serie documentata di caldo a giugno dal 1875. La città di Isesaki, situata nella prefettura giapponese di Gunma, ha registrato una temperatura massima di 40,1°C (104,2°F) il 25 giugno 2022 – un nuovo record nazionale di temperatura massima per il mese di giugno. È stata anche la prima volta che il Giappone ha registrato una temperatura massima di 40,0°C (104,0°F) nel mese di giugno ed è stata solo di 1,0°C (1,8°F) più fredda del record storico di 41,1°C (106,0°F).

Oceania

L’Oceania https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/climate-at-a-glance/global/time-series/oceania/land/ytd/12/1910-2022 ha registrato una temperatura annuale superiore alla media di +0,73°C (+1,31°F) – la 14a più alta nei 113 anni di record. Nove dei 10 anni più caldi dell’Oceania si sono verificati a partire dal 2005. Il trend 1910-2022 per l’Oceania è stato di +0,12°C (+0,22°F) per decennio; tuttavia, il trend è quasi doppio rispetto al periodo 1981-2022 (+0,19°C / +0,34°F per decennio).

Ogni mese da gennaio a ottobre ha registrato una temperatura superiore alla media, con i mesi di gennaio, marzo e aprile che si sono classificati tra i 10 più caldi per i rispettivi mesi. Il mese con il più alto scarto di temperatura per l’anno è stato aprile (+1,62°C), mentre novembre ha registrato il più basso scarto di temperatura per il 2022, con 0,60°C (1,08°F) sotto la media. Novembre è stato l’unico mese del 2022 con una temperatura inferiore alla media e si è classificato come il 20° novembre più freddo mai registrato in Oceania.

L’Australia ha registrato una temperatura annuale di 0,50°C (0,9°F) superiore alla media 1961-1990. Con questo valore, l’Australia ha raggiunto il 22° anno più caldo dall’inizio delle registrazioni nazionali nel 1910.

  • L’Australia ha registrato una temperatura annuale di 0,50°C (0,9°F) superiore alla media 1961-1990. Con questo valore, l’Australia ha raggiunto il 22° anno più caldo dall’inizio delle registrazioni nazionali nel 1910.
  • L’Australia, nel suo complesso, ha registrato una temperatura di giugno superiore alla media. All’inizio del mese, le temperature sono state tra 1,0°-4,0°C (1,8°-7,2°F) sopra la media nella regione settentrionale, con diverse località che hanno stabilito nuovi record di temperatura massima giornaliera per il mese. Da notare che Bradshaw (Territorio del Nord) ha registrato una temperatura massima di 37,8°C (100,0°F) il 5 giugno, stabilendo la seconda temperatura massima più calda di giugno in Australia e mancando di soli 0,1°C (0,2°F) il record nazionale stabilito il 7 giugno 2016. Nel frattempo, l’isola di McCluer ha stabilito un nuovo record per la temperatura minima più alta del Territorio del Nord, quando le temperature minime sono scese a 28,1°C (82,6°F). Questa è stata anche la sesta temperatura minima più alta di giugno per l’Australia. Il Nuovo Galles del Sud è stata l’unica regione australiana a registrare temperature di giugno inferiori alla media e ha registrato le temperature massime di giugno più fredde dal 2007.

Antartico

Temperature insolitamente elevate hanno interessato alcune zone dell’Antartide nel corso della metà di marzo, con temperature di almeno 22,2°C (40,0°F) più calde della media. Secondo i media, il 18 marzo 2022 diverse località hanno stabilito nuovi record di temperatura per il mese di marzo. Da notare che la stazione di Concordia ha registrato una temperatura di -12,2°C (10,0°F), ovvero 38,8°C (70,0°F) sopra la media. Inoltre, secondo Severe Weather Europe, la stazione australiana Casey Research in Antartide ha registrato una temperatura massima di 5,6°C (42,1°F) il 16 marzo, la temperatura più alta di marzo da quando sono iniziate le registrazioni per questa stazione nel 1989.

Dati e grafici gentilmente concessi dal

https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/monthly-report/global/202213

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »