Berkeley Earth – Global Temperature Report for 2021

Informazioni su Berkeley Earth
Berkeley Earth è un’organizzazione indipendente no-profit statunitense focalizzata sulla scienza dei dati ambientali.

LA NOSTRA MISSIONE E IL NOSTRO SCOPO
Il riscaldamento globale è la sfida ambientale più importante del nostro tempo. Il bisogno di informazioni scientifiche di qualità e imparziali sul riscaldamento globale non potrebbe essere più urgente. Eppure ci sono poche fonti di registrazioni storiche della temperatura globale, il fondamento di tutte le analisi sul riscaldamento globale.

IL NOSTRO LAVORO
Berkeley Earth fornisce dati completi sull’inquinamento atmosferico mondiale open-source e dati sulla temperatura globale facilmente accessibili all’utente finale , imparziali e verificati. Da questa base, ci interroghiamo ulteriormente e indaghiamo sulla natura delle relazioni tra questi dati e questioni umane e ambientali contemporanee, come la temperatura e l’acidificazione degli oceani. Comunichiamo i risultati in riviste con revisione paritaria, stampa globale e media digitali, alle conferenze e sul nostro sito web.

LA NOSTRA STORIA
Berkeley Earth è stata concepita da Richard ed Elizabeth Muller all’inizio del 2010 quando hanno trovato merito in alcune delle preoccupazioni degli scettici del clima. Hanno organizzato un gruppo di scienziati per rianalizzare il record di temperatura della superficie terrestre, e hanno pubblicato i loro risultati iniziali nel 2012. Berkeley Earth è diventato un ente non-profit indipendente 501(c)(3) nell’agosto 2013.

Dal 2010-2012, Berkeley Earth ha sistematicamente affrontato le cinque principali preoccupazioni che gli scettici del riscaldamento globale avevano identificato, e lo ha fatto in modo sistematico e obiettivo. I primi quattro erano potenziali distorsioni dovute alla selezione dei dati, l’aggiustamento dei dati, la scarsa qualità delle stazioni e l’effetto isola di calore urbano. La nostra analisi ha mostrato che questi problemi non hanno indebitamente distorto i dati.La quinta preoccupazione riguardava l’eccessivo affidamento su grandi e complessi modelli climatici globali da parte dell’Intergovernmental Panel on Climate Change (IPCC) nell’attribuzione del recente aumento della temperatura alle forze antropogeniche. Abbiamo ottenuto un record lungo e accurato, che abbraccia 250 anni e abbiamo dimostrato che potrebbe essere ben adattato con un modello semplice che include un termine vulcanico e, come proxy antropogenico, la concentrazione di CO2. Abbiamo concluso che il record potrebbe essere riprodotto solo da questi due contributi, e che l’inclusione delle variazioni dirette dell’intensità solare non ha contribuito all’adattamento.

Abbiamo rilasciato le nostre analisi, i programmi e stabilito un database aperto con tutti i dati grezzi utilizzati nei nostri studi. Crediamo che ora sia nostra responsabilità comunicare i nostri risultati, in particolare con le parti interessate di primo piano che conoscono le ragioni dello scetticismo sul riscaldamento globale che Berkeley Earth ha affrontato.

Abbiamo diversi obiettivi principali per il nostro lavoro futuro. Abbiamo in programma ulteriori indagini scientifiche sulla natura del cambiamento climatico, un grande programma di educazione e comunicazione per rafforzare il consenso scientifico sul riscaldamento globale, e il lavoro per ridurre le emissioni di gas serra nei luoghi dove ci saranno le peggiori emissioni nei prossimi 30 anni. Un elemento chiave di quest’ultimo programma sarà cercare di forgiare una nuova coalizione tra l’industria e i gruppi ambientalisti per l’uso di gas naturale prodotto in modo pulito come combustibile ponte per rallentare il riscaldamento globale nei prossimi decenni – con particolare attenzione alla Cina.

I NOSTRI VALORI
Sosteniamo fermamente i seguenti valori organizzativi:

Indipendenza
Imparzialità
Eccellenza scientifica
Open-Source
Crediamo che la nostra continua missione e responsabilità sia quella di consegnare e comunicare i nostri risultati al più ampio pubblico possibile.

OBIETTIVI STRATEGICI 2020-2021
Diversi sono gli obiettivi principali per il nostro lavoro futuro:

Ulteriori indagini scientifiche sulla natura del cambiamento climatico.
Continuare a identificare, investigare e illustrare le opportunità di applicazione del nostro set di dati sulla temperatura globale e i dati sull’inquinamento dell’aria, e lavorare con le industrie e i governi globali per informare e sostenere il processo decisionale immediato e a lungo termine sul riscaldamento globale.
Continuare ad essere il leader mondiale nella raccolta, analisi e presentazione delle informazioni sulla qualità dell’aria a livello mondiale.
Stabilire e rafforzare le partnership con i media nazionali e internazionali, le ONG, i leader dell’industria, i decisori governativi per esplorare e promuovere modi per comunicare e utilizzare i nostri dati.
Aumentare la raccolta, l’analisi e la presentazione dei dati oceanici.

Global Temperature Report for 2021

Berkeley Earth, un’organizzazione di ricerca no-profit con sede in California, prepara analisi indipendenti sui cambiamenti della temperatura media globale dal 2013. Il seguente è il nostro rapporto sulla temperatura media globale durante il 2021. Concludiamo che il 2021 è stato nominalmente il sesto anno più caldo sulla Terra dal 1850. La nostra stima della temperatura media globale nel 2021 è stata significativamente più fredda del 2020, ma simile al 2018 e al 2015. Date le incertezze associate alle misurazioni della temperatura, tutti e tre questi anni 2015, 2018 e 2021 sono essenzialmente legati come il quinto, sesto e settimo anno più caldo. Gli ultimi sette anni hanno incluso tutti e sette gli anni più caldi osservati nel record strumentale.

È probabile che le graduatorie da un anno all’altro riflettano la variabilità naturale a breve termine. Nel 2021, si ritiene che un evento persistente di La Niña abbia ridotto un po’ le temperature rispetto agli anni senza un evento di La Niña. Nel complesso, la tendenza a lungo termine rimane coerente con un modello di riscaldamento globale in corso. Anche se non è stato un anno complessivamente da record, l’8,3% della superficie terrestre ha avuto una temperatura media annuale record a livello locale . Queste aree hanno coinciso con una serie di grandi centri abitati. Stimiamo che ~ 1,8 miliardi di persone hanno sperimentato una media annuale record nel 2021, compresa la maggior parte della popolazione della Cina. Inoltre, il 2021 è stato notevole per: Nuove medie annuali record per 25 paesi, tra cui Cina, Corea del Sud e Nigeria Un anno relativamente fresco nell’Oceano Artico . Una serie di eventi meteorologici estremi, tra cui un’ondata di calore da record sulla costa pacifica del Nord America .Nominalmente il 5° anno più caldo sulla terraferma e il 7° anno più caldo negli oceani.

Anomalia annuale della temperatura

Si stima che la temperatura media globale nel 2021 sia stata di 1,21 °C (2,17 °F) al di sopra della temperatura media dal 1850 al 1900, un periodo spesso usato come base pre-industriale per gli obiettivi di temperatura globale. Questo è ~0,15 °C (~0,28 °F) più fresco rispetto al 2020. Di conseguenza, il 2021 è nominalmente il sesto anno più caldo ad essere stato osservato direttamente, anche se gli anni 2015, 2018 e 2021 sono tutti strettamente legati tra loro in relazione alle loro stime di incertezza. Quindi, il quinto, il sesto e il settimo anno più caldo sono tutti essenzialmente accomunati. Questa temperatura raggiunta nel 2021 è equivalente a 0,90 °C (1,63 °F) al di sopra della media 1951-1980 che è spesso utilizzata come periodo di riferimento per confrontare le analisi climatiche globali. Gli ultimi sette anni si distinguono come i sette anni più caldi ad essere stati osservati direttamente.

Variazione della temperatura rispetto alla media 1850-1900. Le incertezze indicano l’intervallo di confidenza del 95% per la stima di una temperatura media annuale, ma non includono una piccola incertezza aggiuntiva relativa alla media 1850-1900 .

Le incertezze della temperatura possono essere visualizzate utilizzando lo schema sottostante dove la stima della temperatura di ogni anno è rappresentata da una distribuzione che riflette la sua incertezza. Nell’analisi condotta da Berkeley Earth, l’incertezza sulla temperatura media è di circa 0,03 °C (0,05 °F) per gli ultimi anni. La temperatura media globale nel 2021 è rientrata esattamente tra quelle osservate nel 2018 e nel 2015. Questi tre anni hanno incertezze sostanzialmente simili, il che porta a un’incertezza nella classificazione effettiva di questi anni.

Gli ultimi sette anni sono stati parte di un periodo di calore significativo ben al di sopra di tutti gli anni precedenti dal 1850. Questo riflette la tendenza a lungo termine verso il riscaldamento globale. Anche se il 2021 è più fresco rispetto a qualche anno recente, la sua temperatura complessiva rimane coerente con la tendenza al riscaldamento di lungo periodo.

Temperatura media della terra nel 2021

Sulla terraferma, il 2021 è stato nominalmente il quinto anno più caldo osservato, e di fatto legato al 2015. Questo è significativamente più fresco del 2020, che è stato l’anno più caldo sulla terraferma.

Nel 2021, la temperatura media terrestre è stata di 1,70 ± 0,04 °C superiore alla temperatura media dal 1850 al 1900. Come discusso di seguito, anche se è stato complessivamente solo il quinto anno più caldo , alcuni territori hanno visto medie annuali particolarmente calde nel 2021.

Distribuzione della temperatura nel 2021

La mappa seguente mostra come le temperature locali nel 2021 sono aumentate rispetto alla temperatura media del 1951-1980.

In conseguenza del riscaldamento globale causato dai gas a effetto serra, l’aumento della temperatura sul globo è ampiamente distribuito e interessa quasi tutte le aree terrestri e oceaniche. Nel 2021, l’87% della superficie terrestre è stata significativamente più calda della temperatura media durante il 1951-1980, l’11% aveva una temperatura simile e solo il 2,6% era significativamente più freddo. Stimiamo che l’8,3% della superficie terrestre abbia stabilito un nuovo record locale per quanto riguarda la media annuale più calda. Nel 2021, nessun luogo sulla Terra ha registrato una temperatura media annuale significativamente più fredda.

Le aree terrestri mostrano generalmente più del doppio del riscaldamento rispetto a quelle oceaniche. Rispetto alle medie del 1850-1900, la media terrestre nel 2021 è aumentata di 1,70 ± 0,04 °C (3,06 ± 0,08 °F) e la temperatura superficiale dell’oceano, escluse le regioni ricoperte di ghiaccio marino, è aumentata di 0,83 ± 0,05 °C (1,49 ± 0,08 °F). Il 2021 e il 2015 sono nominalmente il 5° e 6° anno più caldo sulla terraferma, anche se la piccola differenza esistente tra loro rende questi anni essenzialmente equivalenti. Per la superficie dell’oceano, troviamo che il 2021 si classifica nominalmente come il 7° anno più caldo. Tuttavia, le differenze tra il 5°, 6° e 7° anno più caldo nell’oceano sono tutte piccole rispetto all’incertezza di misurazione. La figura seguente mostra i cambiamenti della temperatura terrestre e oceanica rispetto alla media dal 1850 al 1900. La tendenza delle medie terrestri ad aumentare più rapidamente delle medie oceaniche è chiaramente visibile.

Come in altri anni recenti, il 2021 mostra anche un forte riscaldamento sull’Artico che supera il tasso medio di riscaldamento della Terra. Questo è coerente con il processo noto come amplificazione artica. Con lo scioglimento del ghiaccio marino e la diminuzione della copertura nevosa, il riscaldamento nelle regioni artiche provoca l’assorbimento di una maggiore quantità di luce solare, che permette un ulteriore riscaldamento. Tuttavia, il 2021 non è stato così caldo come altri anni recenti, e si è classificato solo al 13° posto. Allo stesso modo, lo scioglimento del ghiaccio marino nel 2021 è stato meno estremo di altri anni recenti, ma ancora lontano dalla situazione tipica di 30 anni fa.

La tendenza della terra a riscaldarsi più velocemente dell’oceano e il maggior tasso di riscaldamento sull’Artico vengono entrambi previsti in base alla nostra comprensione di come l’aumento delle concentrazioni di gas serra avranno un impatto sul clima della Terra. Come è stato riportato dal Global Carbon Project e da altri osservatori, il 2021 ha visto un nuovo record per quanto riguarda il livello di anidride carbonica nell’atmosfera. Questo è dovuto al continuo accumulo di anidride carbonica derivante dalle attività umane. La quantità annuale di anidride carbonica emessa nel 2021 è stata del 4,9% superiore al 2020 e ha quasi eguagliato la quantità emessa nel 2019 prima della pandemia COVID-19.

Sviluppo di La Niña

L’emergere del fenomeno meteorologico La Niña durante la seconda metà del 2020 ha avuto un’influenza sostanziale sulle temperature alla fine del 2020, e un impatto ancora maggiore sul 2021. La Niña è caratterizzata dall’emergere di una vasta area di acqua relativamente fredda nel Pacifico equatoriale occidentale, come si può chiaramente vedere in questa mappa delle temperature medie da ottobre a febbraio. Oltre al raffreddamento immediato nel Pacifico, La Niña può avere effetti di vasta portata sulla circolazione globale e sui modelli meteorologici. Questa perturbazione dei modelli meteorologici tende ad essere associata ad un periodo esteso di temperature medie globali in qualche modo ridotte che può durare anche per mesi dopo il picco di La Niña nel Pacifico.

In particolare, la serie temporale mensile delle temperature medie oceaniche ha subito un brusco abbassamento alla fine del 2020 a causa di La Niña. Queste temperature oceaniche un po’ ridotte hanno contribuito a mantenere la temperatura media globale nel 2021 più bassa rispetto agli altri anni recenti.

Le temperature oceaniche nel Pacifico equatoriale sono tornate brevemente a condizioni neutre durante la metà del 2021, prima di raffreddarsi nuovamente alla fine del 2021. Questo ritorno a condizioni di La Niña alla fine del 2021 probabilmente manterrà le temperature medie globali lontane dai massimi storici anche nel 2022.

Temperatura media nazionale

Anche se il nostro lavoro si concentra sull’analisi del clima globale e regionale, è anche possibile utilizzare i nostri dati per stimare le tendenze nazionali della temperatura. Nella stima di Berkeley Earth, il 2021 ha avuto la media annuale più calda dall’inizio delle registrazioni strumentali nei seguenti 25 paesi: Bangladesh, Bahrain, Benin, Bhutan, Burkina Faso, Cina, Ghana, Guinea, Iran, Kuwait, Liberia, Malta, Myanmar, Nigeria, Corea del Nord, Oman, Qatar, Arabia Saudita, Senegal, Sierra Leone, Corea del Sud, Togo, Tunisia, Turkmenistan, Emirati Arabi Uniti Si tratta di un numero inferiore rispetto ai 45 paesi che hanno sperimentato un riscaldamento record nel 2020, ma soprattutto con l’inclusione della Cina questo rappresenta ancora una frazione sostanziale della popolazione mondiale che ha appena vissuto l’anno più caldo nella loro storia nazionale. Stimiamo che circa 1,8 miliardi di persone vivono in aree che hanno osservato il loro anno localmente più caldo durante il 2021.Il grafico seguente fornisce un riassunto del riscaldamento che i paesi hanno sperimentato nel 2021 rispetto alle loro medie dal 1951 al 1980.

Queste stime relative ai cambiamenti nelle temperature medie annuali nazionali sono derivate a partire dai nostri campi di temperatura globali. A causa delle incertezze nell’analisi e dei limiti della nostra risoluzione spaziale, alcune stime medie nazionali possono differire leggermente dai valori riportati dalle agenzie meteorologiche nazionali.

Temperature in Cina
Nel 2021, la media annuale in Cina ha stabilito un nuovo record, superando per la prima volta i 2,0 °C (3,8 °F) sopra i livelli preindustriali. Questo caldo record si è verificato in molte delle regioni più popolate della Cina e ha contribuito a far sì che più di 1 miliardo di persone sperimentassero il loro anno localmente più caldo.

Inoltre, la provincia di Hunan in Cina ha battuto il suo record medio annuale di quasi 0,7 °C (1,3 °F) sopra il precedente record appena stabilito nel 2020. Questo è il più grande margine con cui un record medio annuale è stato superato ovunque sulla Terra nel 2021.

Onda di calore del nord-ovest del Pacifico

Ci sono stati molti eventi estremi memorabili nel 2021. Gli esempi includono le inondazioni estreme in Cina e in Europa centrale, gravi incendi negli Stati Uniti e in Russia, e l’epidemia di tornado di dicembre negli Stati Uniti. Tuttavia, uno degli eventi meteorologici più notevoli del 2021 è stata l’ondata di calore di giugno che ha colpito la costa pacifica degli Stati Uniti e del Canada. Questa ondata di calore ha avuto un’intensità sbalorditiva e ha stabilito nuovi record di temperatura per il Canada per tre giorni consecutivi. Il precedente record nazionale di temperatura per tutto il Canada era di 45,0 °C (113 °F) stabilito nel 1937, mentre l’ondata di calore di giugno ha raggiunto 49,6 °C (121 °F), superando massicciamente il record precedente.

Questa ondata di calore è stata la più grave in termini di eccesso di temperatura sopra la norma di qualsiasi ondata di calore mai osservata durante un’estate in Nord America. È stato anche l’evento meteorologico più letale nella storia del Canada. Tra gli Stati Uniti e il Canada, 798 morti sono state direttamente attribuite all’ondata di calore, anche se il vero numero di morti è probabilmente più alto.
Questa ondata di calore è stata direttamente collegata al riscaldamento globale, e sarebbe stata “virtualmente impossibile” nel clima precedente.

Modelli mensili di temperatura

Ogni mese del 2020 è stato almeno 1,0 °C (1,8 °F) più caldo della media 1850-1900. Tuttavia, i primi mesi dell’anno sono stati relativamente freschi rispetto ad altri anni recenti, in parte a causa degli effetti della La Niña che si è verificata in quel periodo. Nessun mese durante il 2021 ha stabilito un nuovo record di temperatura massima per il mese. Settembre 2021 è stato il secondo settembre più caldo, e tre mesi si sono classificati terzi in assoluto. Il mese relativamente più freddo è stato febbraio che si è classificato al 14° posto nel 2021. Nonostante le ondate di freddo di febbraio che hanno colpito sia il Nord America che l’Asia settentrionale, la temperatura media globale di febbraio è stata ancora significativamente più calda di quella normale durante la metà del 20° secolo.

Tendenza di lungo termine

Anche se è interessante capire le caratteristiche dei singoli anni, il riscaldamento globale riguarda in definitiva l’evoluzione a lungo termine del clima della Terra. Il seguente grafico mostra una media mobile decennale della temperatura della superficie terrestre, tracciata rispetto alla temperatura media dal 1850 al 1900.

A partire dal 1980, la tendenza generale è di +0,19 °C/decennio (+0,34 °F/decennio) ed è cambiata poco durante questo periodo. Continuando questa tendenza, possiamo fare un’ipotesi approssimativa di come il clima del prossimo futuro potrebbe svilupparsi se le forze che guidano il riscaldamento globale continuano al loro ritmo attuale. Come mostrato nel grafico, diversi anni recenti hanno avuto temperature più di 1,2 °C (2,2 °F) sopra la temperatura media del 1850-1900, spesso usata come stima del clima pre-industriale. L’accordo di Parigi sul cambiamento climatico mira a mantenere l’aumento della temperatura globale ben al di sotto di 2 °C (3,6 °F) e incoraggia le parti a lottare per un riscaldamento non superiore a 1,5 °C (2,7 °F). Al ritmo attuale di progressione, l’aumento della temperatura media a lungo termine della Terra raggiungerà 1,5 °C (2,7 °F) sopra la media del 1850-1900 intorno al 2033 e 2 °C (3,6 °F) saranno raggiunti intorno al 2060. La crescente abbondanza di gas serra nell’atmosfera a causa delle attività umane è la causa diretta di questo recente riscaldamento globale. Se l’obiettivo dell’accordo di Parigi di non superare i 2 °C (3,6 °F) di riscaldamento deve essere raggiunto, è necessario fare presto progressi significativi nella riduzione delle emissioni di gas serra.

Previsione della temperatura media globale per il 2022

Sulla base della variabilità storica e delle condizioni attuali, è possibile stimare approssimativamente quale temperatura media globale ci si potrebbe aspettare nel 2022. La nostra stima attuale è che il 2022 sarà probabilmente simile al 2021 o leggermente più caldo. Con il recente ritorno delle condizioni di La Niña, è probabile che il 2022 rimanga relativamente fresco. Le oscillazioni da El Niño a La Niña e viceversa sono la più grande fonte di variabilità interannuale nel record di temperatura globale, con La Niña associata a condizioni più fredde. Tuttavia, rimane una modesta possibilità (14%) che il 2022 possa finire come un nuovo anno più caldo se il sistema El Niño / La Niña torna a riscaldarsi all’inizio del 2022. È quasi certo (>99% di probabilità) che il 2022 rimarrà nella top-ten degli anni più caldi; tuttavia, c’è un 50% di possibilità che il 2022 non si posizioni più in alto del 5° anno più caldo.

Anche se il 2022 dovrebbe essere un po’ fresco, ciò non significa che il riscaldamento globale si sia fermato. Come il 2021, la stima centrale per il 2022 rimane vicina alla tendenza a lungo termine. Le fluttuazioni minori da un anno all’altro sono del tutto naturali, ma a lungo termine le temperature dovrebbero continuare a seguire una tendenza al riscaldamento finché gli esseri umani continueranno ad aggiungere ulteriori gas serra all’atmosfera.

Confronti con altri gruppi

Quando prepariamo i nostri rapporti di fine anno, Berkeley Earth tradizionalmente confronta la nostra analisi della temperatura media globale con i risultati di altri quattro gruppi che riportano anche la temperatura media globale della superficie. Il seguente grafico confronta l’analisi della temperatura media globale di Berkeley Earth con quella di GISTEMP della NASA, GlobalTemp della NOAA, HadCRUT del Regno Unito e la rianalisi ECMWF. Tutti questi gruppi producono una comprensione simile del cambiamento climatico recente. Al momento della finalizzazione di questo documento, i valori 2021 per HadCRUT non erano disponibili.

NOAA e NASA concordano con Berkeley Earth che il 2021 è stato il 6° anno più caldo. ECMWF pone il 2021 come nominalmente il 5° anno più caldo, anche se con un margine insignificante di differenza dal 6° anno più caldo. Lievi disaccordi nella classifica sono comuni e riflettono sia l’incertezza in queste stime che le differenze nel modo in cui i vari programmi di ricerca guardano la Terra. Ognuno usa una selezione un po’ diversa di dati sorgente e diversi metodi di interpolazione e correzione degli errori di misurazione. Alcuni metodi sono più limitati di altri. Per esempio, il NOAA omette la maggior parte delle regioni polari quando stima i cambiamenti di temperatura media. Di conseguenza, non è sorprendente vedere piccole divergenze tra i gruppi.

Metodologia

Nel ricostruire i cambiamenti della temperatura media globale dal 1850, Berkeley Earth ha esaminato 21 milioni di osservazioni di temperatura media mensile da 50.592 stazioni meteorologiche. Di queste 18.881 stazioni e 150.000 medie mensili sono disponibili per il 2021. I dati delle stazioni meteorologiche sono combinati con i dati della temperatura della superficie del mare dal Centro Hadley del Met Office del Regno Unito (HadSST). Questi dati oceanici si basano su 443 milioni di misurazioni raccolte da navi e boe, comprese 20 milioni di osservazioni ottenute nel 2021. Rielaboriamo e interpoliamo i dati HadSST per fornire un quadro più completo degli oceani. Dopo aver combinato i dati oceanici con i nostri dati terrestri, arriviamo a un quadro globale del cambiamento climatico dal 1850.Questo è il primo anno che Berkeley Earth ha adottato la versione 4 di HadSST, recentemente rilasciata, nel nostro rapporto. Rispetto a HadSST versione 3, che sostituisce, la versione 4 utilizza più dati e include una rivalutazione degli effetti delle distorsioni legate alle transizioni nella tecnologia utilizzata per misurare le temperature della superficie del mare. I programmi di misurazione storici si sono evoluti dalle navi a vela che misuravano secchi d’acqua, alle navi a motore che misuravano l’acqua di aspirazione dei motori, alle boe automatizzate, ecc. Ogni transizione nella tecnologia di misurazione può introdurre piccole incongruenze nelle misurazioni riportate. Nel rivalutare questi problemi, la versione 4 di HadSST ha stimato che gli errori di misurazione storici erano un po’ più grandi di quanto si credesse in precedenza. Di conseguenza, HadSST versione 4 stima che l’oceano si sia riscaldato un po’ più velocemente rispetto alle valutazioni precedenti. Per estensione, questo si traduce in un riscaldamento totale leggermente maggiore dal periodo pre-industriale nelle medie globali di Berkeley Earth. Questa transizione alla versione 4 di HadSST è la principale fonte di piccole revisioni verso l’alto delle medie storiche in questo rapporto rispetto al rapporto 2020 della Berkeley Earth. Queste revisioni implicano anche un tempo leggermente inferiore prima che le soglie chiave, come 1,5 °C, vengano raggiunte.

Le incertezze derivano principalmente dalla copertura spaziale incompleta delle osservazioni meteorologiche storiche, dal rumore nei dispositivi di misurazione e dalle distorsioni introdotte a causa di cambiamenti sistematici nelle tecnologie e nei metodi di misurazione. L’incertezza totale è molto inferiore ai cambiamenti a lungo termine del clima durante gli ultimi 170 anni. Questo rapporto si basa sulle osservazioni meteorologiche che sono state registrate negli archivi globali all’inizio di gennaio 2021. È comune che ulteriori osservazioni vengano aggiunte agli archivi con un certo ritardo. Di conseguenza, i calcoli dell’analisi della temperatura possono essere soggetti a revisioni quando nuovi dati diventano disponibili. Tali revisioni sono in genere abbastanza piccole e sono considerate improbabili per alterare le conclusioni qualitative presentate in questo rapporto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »