Aggiornamento El Niño maggio 2022

Aggiornamento El Niño maggio 2022

Gli indicatori atmosferici e oceanici suggeriscono il persistere di condizioni di La Niña nel Pacifico equatoriale.
È probabile che le condizioni di La Niña persistano fino all’inizio dell’estate boreale (70%).
È più probabile che le attuali condizioni evolvano verso una situazione ENSO-neutrale (60%) entro la fine dell’estate, piuttosto che persistano (40%) fino all’autunno boreale.

Nel mese di maggio 2022, la temperatura della superficie del mare (SST) per la regione NINO.3 è stata inferiore alla norma con una deviazione di -1,0°C.

SST è la temperatura media mensile della superficie del mare mediata su NINO.3 (5°N-5°S, 150°W-90°W).
La deviazione SST per NINO.3 è definita come la differenza tra la media mensile SST e la media climatologica basata sull’ultimo periodo di 30 anni.
Il JMA definisce uno stato di El Niño (La Niña) se la deviazione media di cinque mesi delle SST per NINO.3 è di +0,5°C (-0,5°C) o superiore (inferiore) per sei mesi consecutivi o più.
Le medie quinquennali sottolineate sono superiori a +0,5°C, quelle in corsivo sono inferiori a -0,5°C.

L’ultimo valore di SST e SOI è un valore provvisorio.

Fig.3 Serie temporali delle deviazioni della temperatura superficiale del mare (SST) dalla media climatologica basate sull’ultimo periodo mobile di 30 anni per NINO.3 (2° pannello), Indice di Oscillazione Meridionale (3° pannello), deviazioni SST per NINO.WEST (4° pannello) e deviazioni SST per IOBW (pannello inferiore). (ogni regione è mostrata nel pannello superiore).

Le linee sottili indicano la media mensile, le curve spesse smussate indicano la media mobile di cinque mesi. Le aree ombreggiate in rosso indicano i periodi di El Niño e in blu i periodi di La Niña.

La temperatura della superficie del Pacifico equatoriale (SST) è stata al di sotto della norma nelle zone centrali e orientali.

Fig.4 SST media mensile e anomalie nell’Oceano Pacifico e Indiano. Il periodo di base per i valori normali è il 1991-2020.

Fig.6 Sezione temporale delle anomalie SST lungo l’equatore nell’Oceano Indiano e Pacifico. Il periodo di base per i valori normali è il 1991-2020.

Le temperature subsuperficiali sono state superiori alla norma nella parte occidentale e inferiori alla norma nella parte orientale.

Fig. 5 Sezioni trasversali della temperatura e delle anomalie lungo l’equatore negli Oceani Indiano e Pacifico, realizzate dall’Ocean Data Assimilation System in profondità e latitudine. Il periodo di base per i valori normali è 1991-2020.

Fig.7 Sezione temporale delle anomalie del contenuto di calore dell’oceano (OHC; temperatura mediata verticalmente nella parte superiore dei 300 m) lungo l’equatore negli oceani Indiano e Pacifico grazie all’Ocean Data Assimilation System. Il periodo di base per i valori normali è 1991-2020.

Nell’atmosfera, l’attività convettiva vicino alla linea di demarcazione sul Pacifico equatoriale è stata inferiore alla norma e i venti orientali nella bassa troposfera (cioè gli alisei) sul Pacifico equatoriale centrale sono stati più forti del normale.

Fig.8 Serie temporali dell’indice OLR intorno alla linea di demarcazione internazionale (OLR-DL), dell’indice del vento zonale equatoriale a 200 hPa nel Pacifico centrale (U200-CP), dell’indice del vento zonale equatoriale a 850 hPa nel Pacifico centrale (U850-CP) e dell’indice del vento zonale equatoriale a 200 hPa nell’Oceano Indiano (U200-IN) (dall’alto in basso). Il periodo di riferimento per i valori normali è 1991-2020. Le aree ombreggiate in rosso indicano i periodi di El Niño e in blu i periodi di La Niña.

Fig.9 Media mensile della radiazione a onde lunghe (OLR) e anomalie. Il periodo di riferimento per i valori normali è 1991-2020. I dati originali sono stati forniti dal NOAA.

Fig.10 Sezioni trasversali di lunghezza temporale delle anomalie del potenziale di velocità a 200 hPa (a sinistra) e delle anomalie del vento zonale a 850 hPa (a destra) lungo l’equatore. Il periodo di base per i valori normali è 1991-2020.

Le caratteristiche osservate nell’atmosfera e nell’oceano sono coerenti con quelle osservate nei passati eventi di La Niña e suggeriscono che le condizioni di La Niña continuano a prevalere nel Pacifico equatoriale.Il volume di acqua calda presente al di sotto della superficie nel Pacifico equatoriale occidentale, dovrebbe spostarsi verso est e aumentare leggermente le SST nelle zone orientali durante l’estate boreale. Il sistema di previsione stagionale ensemble JMA prevede che la SST NINO.3 aumenterà leggermente nell’estate boreale e l’indice NINO.3 rimarrà a circa -0,5°C fino all’autunno boreale.

Fig.11 Previsione della deviazione SST per NINO.3 da parte del sistema di previsione stagionale ensemble.

In sintesi, è probabile che le condizioni di La Niña persistano fino all’inizio dell’estate boreale (70%) per poi passare a una fase ENSO-neutra (60%) piuttosto che persistere fino all’autunno boreale (40%).

Fig.1 Deviazione media di cinque mesi delle SST per NINO.3 prevista dal sistema di previsione stagionale d’ensemble di JMA (JMA/MRI-CPS3). I punti rossi indicano i valori osservati, le caselle le previsioni. Ogni casella indica l’intervallo in cui il valore è contenuto con una probabilità del 70%.

Fig.2 Probabilità di previsione dell’ENSO basate su JMA/MRI-CPS3. Le barre rosse, gialle e blu indicano la probabilità che la media mobile di cinque mesi della deviazione della SST NINO.3 rispetto all’ultima media mobile trentennale sia pari o superiore a +0,5°C (El Niño), compresa tra +0,4°C e -0,4°C (ENSO neutrale) o inferiore a -0,5°C (La Niña). Le diciture in carattere chiaro indicano i mesi passati, quelle in grassetto i mesi attuali e futuri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »