Secondo la Berkeley Earth’s, settembre 2022 è stato il 4 più caldo dal 1850

A livello globale, il mese di settembre 2022 è stato nominalmente il quarto più caldo da quando le registrazioni sono cominciate nel 1850. Questo settembre è stato leggermente più fresco dei tre settembre precedenti, verificatisi nel 2019, 2020 e 2021, e leggermente più caldo dei settembre 2014, 2015 e 2016. Tuttavia, dati i margini di errore, molti di questi anni sono sostanzialmente in parità. Tutti gli altri anni osservati in precedenza hanno vissuto un mese di settembre particolarmente più freddo di quello del 2022.

La temperatura media globale nel mese di settembre 2022 è stata di 0,90 ± 0,08 °C (1,62 ± 0,14 °F) superiore alla media del periodo 1951-1980, registrando una modesta diminuzione rispetto al mese di agosto.

Ciò equivale a un valore di 1,24 ± 0,11 °C (2,24 ± 0,19 °F) superiore alla media del periodo 1850-1900, spesso utilizzata come riferimento per il periodo preindustriale.

Le temperature registrate nel mese di settembre 2022 presentano una leggera diminuzione rispetto al mese di agosto 2022 e sono simili a quelle di molti altri mesi recenti. Le temperature di settembre sono state vicine alla linea di tendenza a lungo termine, nonostante l’effetto di raffreddamento esercitato dalle condizioni di La Niña presenti nel pacifico.

Settembre 2022 rimarrà probabilmente un mese ampiamente caldo, con notevoli eccezioni. Alcune zone del Nord America e dell’Asia centrale sono rimaste particolarmente calde. Anche aree significative dell’Atlantico settentrionale, del Mediterraneo e del Pacifico settentrionale e meridionale hanno registrato riscaldamenti significativi. L’Europa orientale, l’Asia settentrionale, l’Oceano meridionale e il Pacifico equatoriale orientale sono stati particolarmente freddi.

si stima che il 4,2% della superficie terrestre abbia registrato temperature superiori alla media locale di settembre e che il 73% della superficie terrestre sia stato significativamente superiore alla temperatura media locale. Inoltre, lo 0,01% della superficie terrestre ha registrato il settembre più freddo a livello locale. L’ampia area di acqua fredda nel Pacifico orientale coincide con l’evento La Niña in corso. La probabile sottostima delle temperature della Groenlandia è discussa in una sezione separata qui di seguito.

Per quanto riguarda la terraferma, il 2022 è stato l’ottavo settembre più caldo, nettamente inferiore ai mesi di settembre 2019, 2020 e 2021, anche se leggermente superiore al settembre 2018. La media terrestre è stata di 1,08 ± 0,11 °C (1,95 ± 0,20 °F) superiore alla media dal 1951 al 1980. Si tratta di un declino particolarmente significativo rispetto ad agosto, che è stato il 2° agosto più caldo sulla terraferma.

Il mese di settembre 2022 è stato il 5° settembre più caldo a livello oceanico, con un valore registrato di 0,65 ± 0,10 °C (1,17 ± 0,18 °F) superiore alla media 1951-1980. Questo dato è in gran parte indistinguibile da quello dei precedenti sei anni, anche se nettamente più fresco rispetto al record stabilito nel settembre 2015. Questo livello relativamente basso è influenzato, in parte, dagli effetti di raffreddamento dell’evento La Niña presente nel pacifico.

Una nota speciale deve essere fatta in merito alle possibili temperature da record in Groenlandia avvenute nel mese di settembre. La Berkeley Earth’s ritiene che la temperatura media in Groenlandia registrata a settembre sia molto alta, ma lontana dalle temperature estreme suggerite da altri studi, come le osservazioni satellitari e di rianalisi. Ad esempio, l’analisi ERA5 mostra un nuovo record a settembre, il che rappresenta una differenza significativa. Ciò è supportato da osservazioni satellitari che mostrano un calore estremo e una fusione senza precedenti per il mese di settembre. ( extreme warm air and melting event )

L’analisi effettuata da Berkeley Earth, basata sulle stazioni meteorologiche, mostra un riscaldamento meno estremo in Groenlandia. Tuttavia, dopo una revisione, si ritiene che le considerazioni espresse dall’ERA5 si rivelino con ogni probabilità fondate e che la stima fatta da Berkeley Earth per questo mese in Groenlandia sia probabilmente troppo bassa.L’analisi iniziale di Berkeley Earth delle condizioni meteorologiche di settembre è stata effettuata utilizzando i dati delle stazioni meteorologiche disponibili negli archivi globali durante la prima settimana di ottobre. Dopo aver esaminato i dati di settembre, si è scoperto che si trovavano sei stazioni meteorologiche in Groenlandia. Purtroppo, però, nessuna delle stazioni meteorologiche situate sulla sommità della calotta glaciale che avremmo normalmente utilizzato aveva archiviato i propri dati al momento dello svolgimento di questa analisi. Dal momento che questa corsa non ha trovato osservazioni al di sopra dei 1000 metri di altitudine, è probabile che la nostra rete osservativa non abbia campionato adeguatamente il picco di questo evento di riscaldamento. Di conseguenza, si ritiene che le prove ricavate dall’ERA5 e dal satellite riguardo a un evento di portata estrema debbano essere prese in considerazione come probabili. Come accade abitualmente, i futuri aggiornamenti in merito all’analisi di Berkeley Earth incorporeranno tutti i dati aggiuntivi che si renderanno disponibili. Se verranno forniti ulteriori dati meteorologici dalla Groenlandia, le stime della temperatura della Groenlandia per il mese di settembre verranno riviste di conseguenza.

Nel mese di settembre 2022 si sono registrate moderate condizioni di La Niña nell’Oceano Pacifico. Il fenomeno della La Niña, associato ad acque relativamente fresche nel Pacifico equatoriale orientale, è una forma di variabilità meteorologica stagionale generalmente caratterizzata da temperature medie globali più basse. L’attuale evento La Niña ha cominciato nel 2020 per poi proseguire per diversi mesi . È probabile che questa Niña persista anche nel prossimo anno. L’analisi CPC/IRI  CPC/IRI analysis suggerisce che le condizioni di La Niña continueranno probabilmente per il resto dell’anno, con solo il 10% di possibilità di transizione a condizioni di El Niño prima della metà del 2023.

Dati e grafici gentilmente concessi da : Berkeley Earth’s https://berkeleyearth.org/

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »