Nelle ultime settimane le nevicate sull’Antartide sono state significativamente superiori alla media, continuando una tendenza iniziata nel novembre 2021. L’anno idrologico 2022-2023 (dal 3/1 al 2/28) ha raggiunto quasi 300 miliardi di tonnellate al 10 gennaio 2023.

Con l’avvicinarsi dell’apice della stagione di scioglimento dell’Antartide, lo scioglimento della neve superficiale è stato piuttosto diffuso nella parte costiera dell’Antartide occidentale, con gran parte delle aree basse della penisola e della costa settentrionale dell’Antartide occidentale che hanno registrato da 5 a 10 giorni di scioglimento in più rispetto alla media. Tuttavia, gran parte della costa antartica orientale mostra valori vicini alla media. L’anno scorso le nevicate in Antartide sono state eccezionalmente elevate a causa di un inverno e di una primavera caldi e umidi, al di sopra della media.

La copertura nevosa superficiale dell’Antartide fino al 10 gennaio è stata superiore alla media e ha raggiunto un’estensione quasi record alla fine di dicembre. Un significativo evento di fusione si è diffuso sulla Penisola e su gran parte della costa settentrionale della calotta glaciale dell’Antartide occidentale e dell’area del Ross Ice Shelf (Figura 1a). Nelle aree della Penisola lo scioglimento è stato moderatamente superiore alla media, ma insolitamente elevato nell’area del Getz Ice Shelf, dove lo scioglimento è meno frequente. L’area della banchisa Larsen ha registrato fino a 25 giorni di fusione, circa 5 in più rispetto alla media, e la regione di Wilkins fino a 30 giorni, sempre circa 5 in più rispetto alla media (Figura 1b). Le piattaforme di ghiaccio Getz e Sulzberger (in basso a sinistra nelle mappe antartiche) hanno registrato 10 giorni di fusione in questa stagione, circa il doppio della media per questo periodo dell’anno. Le piattaforme di ghiaccio dell’Antartide orientale – Fimbul, Roi Baudouin e Amery – hanno registrato ciascuna da 5 a 10 giorni di scioglimento, vicino o leggermente sopra la media.

Figura 1a. In alto sono riportate le mappe della calotta glaciale antartica (a sinistra) e della penisola antartica (a destra) in cui sono indicati i giorni totali di scioglimento per le aree dal 1° novembre 2022 al 10 gennaio 2023. Il grafico inferiore mostra l’estensione giornaliera dello scioglimento per la calotta antartica come percentuale dell’area della calotta per lo stesso periodo di tempo in rosso e la media dal 1990 al 2020 in blu. Gli intervalli interquartile e interdecile appaiono nelle bande grigie.

Crediti: E. Cassano e M. MacFerrin, CIRES, e T. Mote, Università della Georgia.

Figura 1b. Questa mappa mostra il numero di giorni di fusione dal 1° novembre 2022 al 10 gennaio 2023, come differenza rispetto alla media del periodo di riferimento 1990-2020. In rosso è indicata una fusione maggiore, in blu una fusione minore.

Crediti: E. Cassano e M. MacFerrin, CIRES, e T. Mote, Università della Georgia.

Da dicembre 2022 al 10 gennaio 2023, il clima dell’Antartide è stato insolitamente mite in un’ampia area compresa tra il Mare di Ross settentrionale e la costa settentrionale dell’Antartide occidentale fino alla punta settentrionale della penisola. L’Antartide occidentale centrale ha registrato temperature fino a 2,5 gradi Celsius (4,5 gradi Fahrenheit) sopra la media. Le differenze di temperatura rispetto alla media sono state generalmente di 1,5 gradi Celsius (3 gradi Fahrenheit) sopra la media in alcune parti del Mare di Ross e di circa 1-1,5 gradi Celsius (2-3 gradi Fahrenheit) sopra la media nelle aree costiere dell’Antartide occidentale settentrionale e della penisola.

La pressione atmosferica è stata inferiore alla media in gran parte del continente e dell’adiacente Oceano Meridionale, con pressioni superiori alla media principalmente in prossimità dei 50 gradi di latitudine sud. Questo ha generato venti più forti della media verso est intorno al continente, creando condizioni calde nelle aree in cui la direzione è verso sud-est (cioè la Penisola) e, in particolare, causando forti venti di foehn sul lato sinistro (lato est) della Penisola. Le condizioni di freddo nelle zone più alte dell’Antartide orientale sono il risultato dei forti venti circumpolari che generalmente isolano questa regione dall’aria più calda a nord.

Figura 2. Questi plot mostrano le condizioni meteorologiche come differenza dalla media rispetto al periodo di riferimento 1991-2020 per l’Antartide e le aree costiere circostanti. Il grafico superiore mostra la temperatura dell’aria al livello di 925 millibar, in gradi Celsius, per il periodo compreso tra il 1° dicembre 2022 e il 10 gennaio 2023. I toni gialli e rossi indicano temperature superiori alla media; i toni blu e viola indicano temperature inferiori alla media. Il grafico inferiore mostra la pressione al livello del mare per lo stesso periodo. I toni gialli e rossi indicano una pressione atmosferica superiore alla media; i toni blu e viola indicano una pressione inferiore alla media. Fonte: dati di rianalisi del National Centers for Environmental Prediction (NCEP), National Center for Atmospheric Research.

innevamento in Antartide

Le nevicate avvenute in Antartide nelle ultime settimane, sono state significativamente superiori alla media, continuando una tendenza iniziata nel novembre 2021. Diversi anni idrologici recenti (dal 1° marzo al 28 febbraio) hanno registrato fino a 200 miliardi di tonnellate di neve in più rispetto alla media, ma l’anno 2022-2023 ha raggiunto quasi 300 miliardi di tonnellate al 10 gennaio 2023. Questo dato è in linea con alcune proiezioni future https://doi.org/10.5194/tc-15-1215-2021 che suggeriscono un accumulo maggiore in presenza di un clima più caldo, finché il riscaldamento non supererà i 7,5 gradi Celsius (13,5 gradi Fahrenheit). Questa deviazione molto elevata dalle quantità medie di neve suggerisce che la calotta antartica potrebbe guadagnare massa quest’anno. Le quantità di neve sono state particolarmente elevate lungo il bordo occidentale della Penisola e la costa di Bellingshausen, dove i venti persistenti da sud-est hanno convogliato l’aria marina contro una serie di catene montuose e la dorsale di ghiaccio lungo la spina dorsale della Penisola. Tuttavia, il contributo maggiore all’apporto nevoso totale superiore alla media si è verificato nell’Antartide orientale, in particolare nella Terra di Wilkes e nell’interno dell’Antartide. Complessivamente, le elevate nevicate in Antartide potrebbero compensare completamente le recenti perdite nette di ghiaccio dovute a un più rapido deflusso dalla calotta glaciale per questo periodo di valutazione. Per la maggior parte dell’ultimo decennio si sono registrate perdite nette annuali comprese tra 50 e 150 miliardi di tonnellate.

Figura 3. Il grafico in alto mostra il bilancio di massa superficiale accumulato (precipitazioni nevose totali meno i deflussi di fusione minori e l’evaporazione della neve) in miliardi di tonnellate (Gtons) per il continente antartico dal 1° marzo 2022 al 10 gennaio 2023 (linea rossa), insieme a diversi anni recenti, presentati come differenza rispetto alla media 1981-2010. La banda grigia rappresenta la deviazione standard (il 66% di tutti gli anni dal 1981 al 2010 rientra nella banda grigia). La mappa in basso a sinistra mostra il bilancio di massa superficiale totale per il periodo. La mappa in basso a destra mostra il bilancio di massa superficiale come differenza rispetto alla media, in millimetri di acqua equivalente per la neve accumulata. Queste stime provengono dal modello MARv3.12 forzato dalla rianalisi ERA5 fino a dicembre 2022 e dal Global Forecast System (GFS) successivamente. Credit: X. Fettweis, Università di Liegi, Belgio

Bacini di fusione e ritiro dei ghiacciai nella Penisola

La fusione superficiale superiore alla media registrata sulla Penisola settentrionale risulta evidente nell’accumulo di acqua di fusione superficiale in diverse aree del lato orientale della Penisola. La banchisa Larsen C e la banchisa SCAR Inlet, un residuo della precedente banchisa Larsen B, mostrano aree significative in cui l’acqua di fusione si è accumulata sulla superficie. L’acqua di fusione sulle piattaforme di ghiaccio può rappresentare una minaccia per la stabilità della piattaforma di ghiaccio attraverso un processo chiamato idrofrattura, in cui l’acqua riempie le crepe preesistenti nella piattaforma e costringe la crepa ad aprirsi ulteriormente quando la pressione dell’acqua aumenta all’interno della crepa.

Durante questa stagione, le condizioni calde hanno anche innescato nell’area diversi ritiri rapidi di tipo tidewater, soprattutto per il sistema di ghiacciai Hektoria/Green/Evans situato nel bacino di Larsen B nord-occidentale. Il fronte glaciale di Hektoria si è ritirato di circa 5 chilometri negli ultimi due mesi. Un deflusso simile è visibile nei dati del Moderate Resolution Imaging Spectroradiometer (MODIS) a nord, vicino alla penisola di Sobral, dal sistema di ghiacciai Bombadier/Edgeworth/Dinsmore https://earthobservatory.nasa.gov/images/149410/larsen-b-embayment-breaks-up?_ga=2.76770135.310556551.1673695553-1257753797.1645213525 (non mostrato). Anche il resto della banchisa Seal Nunataks, che si trova tra le banchise Larsen A e Larsen B, si sta degradando dopo il minimo di ghiaccio marino dell’inizio del 2022.

Ulteriori informazioni

Kittel, C., C. Amory, C. Agosta, N. C. Jourdain, S. Hofer, A. Delhasse, S. Doutreloup, P.-V. Huot, C. Lang, T. Fichefet, T., and X. Fettweis. 2021. Diverging future surface mass balance between the Antarctic ice shelves and grounded ice sheetThe Cryosphere, 15, 1215–1236, https://doi.org/10.5194/tc-15-1215-2021

NASA Earth Observatory Article: Clear days for iceberg spotting

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »