Il ghiaccio marino artico ha raggiunto la sua massima estensione stagionale collocandosi al decimo posto tra i valori più bassi registrati dal satellite

Il ghiaccio marino artico ha raggiunto la sua massima estensione stagionale collocandosi al decimo posto tra i valori più bassi registrati dal satellite

Il National Snow and Ice Data Center , o NSIDC , è il centro di informazioni e riferimento degli Stati Uniti a sostegno della ricerca polare e criosferica . L’NSIDC è responsabile dell’archivio digitale e analogico e della distribuzione dei dati su neve e ghiaccio e mantiene anche informazioni su manto nevoso , valanghe , ghiacciai , calotte polari , ghiaccio d’acqua dolce, ghiaccio marino, ghiaccio terrestre, permafrost , ghiaccio atmosferico, paleoglaciologia , e carote di ghiaccio .

L’NSIDC fa parte dell’Università del Colorado a Boulder ( Cooperative Institute for Research in Environmental Sciences (CIRES), ed è affiliato con la National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) e il National Geophysical Data Center attraverso un accordo di cooperazione. come uno dei dodici centri distribuiti di archivi attivi finanziati dalla National Aeronautics and Space Administration allo scopo di archiviare e diffondere dati passati e attuali dai satelliti della NASA e dai suoi programmi.L’NSIDC supporta anche la National Science Foundation attraverso l’Arctic Local Observation and Knowledge Exchange ( ELOKA) e altre borse di ricerca scientifica, anche un membro dell’ICSU World Data System Mark Serreze è il direttore dell’NSIDC.

Storia
Il World Data Center (WDC) for Glaciology , Boulder , un data center responsabile dell’archiviazione di tutte le informazioni sulla glaciologia, è stato istituito presso l’ American Geographical Society sotto William O. Champ, direttore, nel 1957. Tra il 1971 e il 1976, è stato gestito da lo US Geological Survey , il Project Office of Glaciology, sotto la direzione di Mark F. Meier.

Nel 1976, la responsabilità del WDC per la glaciologia fu trasferita all’Environmental Data and Information Service (EDIS) della NOAA e il centro si trasferì all’Università del Colorado a Boulder, sotto la direzione del professor Roger G. Barry. Nel 1982, NOAA ha istituito il National Snow and Ice Data Center (NSIDC), come mezzo per espandere il WDC e come mezzo di archiviazione dei dati per i programmi NOAA. Negli anni ’80 e ’90, il supporto per NSIDC è stato ampliato con finanziamenti della NASA per lo Snow and Ice Distributed Active Archive Center (DAAC) e finanziamenti da NSF per gestire determinati dati e metadati dall’Artico e dall’Antartico.

Pietre miliari
1957-58 : Primo anno geofisico internazionale
1957 : Il Comitato Nazionale (Stati Uniti) per l’IGY assegna il funzionamento del WDC-A per la glaciologia all’American Geographical Society
1970 : il WDC per la glaciologia viene trasferito dall’American Geographical Society allo US Geological Survey di Tacoma, Washington
1976 : Il WDC per la glaciologia viene trasferito dallo US Geological Survey, a Tacoma, Washington, all’Università del Colorado a Boulder, Colorado, sotto la direzione di Roger Barry
1982 : NOAA designa il National Snow and Ice Data Center
1983 : NSIDC riceve sovvenzioni dalla NASA per l’archiviazione Nimbus 7 di dati passivi a microonde
1990 : NSIDC riceve finanziamenti da NSF per un Arctic Science System (ARCSS) Data Coordination Center (ADCC )
1993 : L’NSIDC riceve il primo contratto DAAC
1996 : Viene istituito l’ Antarctic Data Coordination Center (ADCC) con il supporto di NSF
1999 : Viene istituito l’Antarctic Glaciology Data Center (AGDC) con il supporto di NSF
2001 : L’NSIDC celebra il suo 25 ° anniversario
2002 : Viene istituito il Frozen Ground Data Center presso l’International Arctic Research Center (IARC) per il supporto
2003 : La suite completa di sensori criosferici del Sistema di Osservazione della Terra (EOS), AMSR , GLAS e MODIS , è in orbita
2009 : Mark Serreze viene nominato Direttore del NSIDC

Interazioni internazionali
I programmi internazionali di scienza e gestione dei dati facilitano il libero scambio di dati e accelerano la ricerca volta a comprendere il ruolo della criosfera nel sistema Terra. L’NSIDC contribuisce a una serie di programmi internazionali, la maggior parte dei quali, e solo alcuni menzionati qui, sono sotto gli auspici del Consiglio internazionale delle unioni scientifiche (ICSU).

Gli scienziati dell’NSIDC partecipano all’Unione internazionale di geodesia e geofisica (UGGI), all’Associazione internazionale delle scienze criosferiche (IACS), all’Associazione internazionale del permafrost (IAP), alla Banca dati digitale mondiale del ghiaccio marino (GDSIDB) e al mondo Programma di ricerca sul clima (WCRP), inclusi Climate and Cryosphere (CliC), Global Energy and Water Cycle Experiment (GEWEX), Global Climate Observing System (SMOC) e Global Earth Observation System of Systems (GEOSS). L’ex direttore dell’NSIDC Roger G. Barry è stato co-vice presidente del gruppo direttivo scientifico del WCRP CliC fino al 2005 ed è stato membro del GCOS / System Earth Observation Climate Panel Mondial d’Observation Terrestre (GTOS) fino al 2007.

Ricerca
I ricercatori dell’NSIDC stanno studiando le dinamiche del ghiaccio antartico, banchisa, nuove tecniche di telerilevamento, neve e congelamento / disgelo del suolo, il ruolo della neve nella modellazione idrologica , i collegamenti tra i cambiamenti nell’estensione del ghiaccio marino e le condizioni meteorologiche, i cambiamenti su larga scala del clima polare, ghiaccio di fiumi e laghi e la distribuzione e le caratteristiche delle variazioni stagionali e dei suoli permanentemente ghiacciati. Gli scienziati residenti continuano il loro lavoro nella divisione CIRES e Polar Processes del CIRES, presso l’ Università del Colorado a Boulder .

L’NSIDC monitora anche il ghiaccio marino artico e antartico quasi in tempo reale e pubblica regolarmente dati e analisi sull’estensione del ghiaccio marino nella sua pagina di analisi del ghiaccio marino artico: notizie e informazioni .

Conoscenza locale e tradizionale
Un progetto di ricerca dell’NSIDC è l’Artico Local Observation and Knowledge Exchange o ELOKA . Si tratta di uno sforzo di collaborazione internazionale lanciato durante il periodo 2007-2009 dell’Anno Polare Internazionale . ELOKA facilita la raccolta, la conservazione, lo scambio e l’uso delle osservazioni locali e della conoscenza dell’Artico. La gestione dei dati e il supporto agli utenti sono forniti da ELOKA in quanto promuove la collaborazione tra esperti residenti nell’Artico e ricercatori in visita. Lavorando insieme, i residenti e i ricercatori dell’Artico hanno dato importanti contributi alla nostra comprensione dell’Artico e dei suoi recenti cambiamenti. Una delle principali sfide della ricerca sulla conoscenza locale e tradizionale (LTK) e del monitoraggio della comunità è disporre di un mezzo efficiente e appropriato per registrare, archiviare e gestire dati e informazioni. Inoltre, c’è il problema di trovare un modo efficace per rendere questi dati disponibili ai residenti e ai ricercatori dell’Artico, nonché ad altri gruppi interessati, come insegnanti, studenti e responsabili politici. Senza una rete e un sistema di gestione dei dati per supportare LTK e la ricerca comunitaria, sono sorti numerosi problemi. ELOKA mira a colmare questa lacuna.

Il ghiaccio marino artico ha presumibilmente raggiunto la sua massima estensione annuale, raggiungendo 14,88 milioni di chilometri quadrati (5,75 milioni di miglia quadrate) nella giornata del 25 febbraio. Il massimo del 2022 rappresenta la decima estensione più bassa nei 44 anni di registrazioni satellitari. Nello stesso giorno, sull’altro polo, il ghiaccio marino antartico ha raggiunto un’estensione minima record, pari a 1,92 milioni di chilometri quadrati (741.000 miglia quadrate).Il 25 febbraio 2022, il ghiaccio marino artico ha probabilmente raggiunto la sua massima estensione annuale, attestandosi a 14,88 milioni di chilometri quadrati (5,75 milioni di miglia quadrate), la decima estensione più bassa da quando sono iniziate le registrazioni satellitari. L’estensione massima di quest’anno è di 770.000 chilometri quadrati (297.000 miglia quadrate) sotto il massimo medio raggiunto nel periodo 1981-2010 pari a 15,65 milioni di chilometri quadrati (6,04 milioni di miglia quadrate) e 470.000 chilometri quadrati (182.000 miglia quadrate) sopra il massimo più basso di 14,41 milioni di chilometri quadrati (5,56 milioni di miglia quadrate) stabilito il 7 marzo 2017. Prima del 2019, le quattro estensioni massime più basse si sono verificate tra il 2015 e il 2018.La data del massimo di quest’anno, ossia il 25 febbraio, è stata di quindici giorni in anticipo rispetto alla data media dal 1981 al 2010, ossia il 12 marzo. Solo due anni hanno avuto un massimo anticipato, il 1987 e il 1996, entrambi il 24 febbraio. Quest’anno è stata la seconda data più precoce presente nelle registrazioni satellitari, a pari merito con il 2015, che ha raggiunto la sua massima estensione il 25 febbraio.

Figura 1. La figura mostra l’estensione del ghiaccio marino artico nella giornata del 25 febbraio 2022: 14,88 milioni di chilometri quadrati (5,75 milioni di miglia quadrate). La linea arancione mostra l’estensione media registrata nel periodo 1981-2010 per quel giorno.Sea Ice Index data. About the data

La stagione della crescita dei ghiacci si è conclusa con un’estensione del ghiaccio marino vicina alla media nel Mare di Bering, superiore alla media nella Baia di Baffin e al largo della costa sud-orientale della Groenlandia, e inferiore alla media nel Mare di Barents con uno stretto cuneo di acqua aperta sul versante nord della Novaya Zemlya. L’estensione è stata ben al di sotto della media nel Golfo di San Lorenzo e nel Mare di Okhotsk. Dal massimo del 25 febbraio, l’estensione è scesa di circa 390.000 chilometri quadrati (151.000 miglia quadrate), con perdite avvenute principalmente nel Mare di Okhotsk e nel Mare di Barents. Queste perdite sono state compensate da guadagni nel Mare di Bering, nella Baia di Baffin e nel Mare di Labrador.

Figura 2. La figura mostra rispettivamente il periodo dal 2021 al 2022 in blu, dal 2020 al 2021 in verde, dal 2019 al 2020 in arancione, dal 2018 al 2019 in marrone, dal 2017 al 2018 in magenta e dal 2012 al 2013 in marrone tratteggiato. La mediana dal 1981 al 2010 è in grigio scuro. Le aree grigie intorno alla linea mediana mostrano gli intervalli interquartili e interdecili dei dati.Sea Ice Index data.

Tabella 1. La tabella mostra le dieci estensioni massime più basse del ghiaccio marino artico ( registrazioni satellitari, dal 1979 ad oggi)

Per il massimo artico, che si verifica tipicamente a marzo, l’intervallo di incertezza è di ~34.000 chilometri quadrati (13.000 miglia quadrate), il che significa che le estensioni che si trovano in questo intervallo devono essere considerate effettivamente uguali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »