Il mese di febbraio 2023 è stato il quinto mese più caldo mai registrato. La maggior parte dell’Europa ha avuto temperature dell’aria superiori alla media, in particolare la Norvegia e la Svezia settentrionali e la regione di Svalbard. L’inverno è stato il secondo periodo invernale più caldo mai registrato in Europa, con temperature molto superiori alla media sull’Europa orientale e parti del nordest europeo.

Inoltre, si sono verificate temperature superiori alla media negli Stati Uniti orientali, nel nord della Russia e in Pakistan e India. Nel frattempo, temperature inferiori alla media sono state registrate nella Penisola Iberica, in Turchia, nell’ovest degli Stati Uniti, in Canada, nel nord-est della Russia e nel nord dell’Australia. Ciò suggerisce che la distribuzione globale delle temperature durante il mese di febbraio 2023 è stata varia, con alcune regioni che hanno sperimentato temperature superiori o inferiori alla media. Tuttavia, il fatto che molte regioni, compresa l’Europa, abbiano avuto temperature superiori alla media potrebbe essere considerato un’ulteriore prova del cambiamento climatico globale in corso.

Di seguito la mappa della “anomalia della temperatura dell’aria superficiale” per il mese di febbraio 2023 rispetto alla media di febbraio nel periodo 1991-2020, ottenuta attraverso il sistema di monitoraggio climatico europeo “ERA5”. L’anomalia della temperatura dell’aria superficiale è una misura della differenza tra la temperatura effettiva dell’aria superficiale in un determinato luogo e il valore medio della temperatura in quel luogo per un determinato periodo di riferimento. In questo caso, la mappa mostra come le temperature durante il mese di febbraio 2023 si sono discostate dalla media di febbraio nel periodo 1991-2020. La mappa è stata prodotta dal servizio europeo per il cambiamento climatico “Copernicus” utilizzando i dati raccolti dall’European Centre for Medium-Range Weather Forecasts (ECMWF). Questi dati possono essere utilizzati per monitorare le variazioni climatiche e valutare l’impatto del cambiamento climatico sulla temperatura superficiale dell’aria.

Il testo esposto di seguito descrive le temperature dell’aria e del mare per il mese di febbraio 2023 in diverse regioni del mondo, confrontandole con la media di riferimento del periodo 1991-2020. In generale, molte aree dell’Europa hanno avuto temperature superiori alla media, in particolare la Norvegia settentrionale, la Svezia, la Russia nordoccidentale e il Regno Unito. Al contrario, la Penisola Iberica, la Turchia e alcune parti del Caucaso hanno avuto temperature inferiori alla media.

In altre parti del mondo, il mese di febbraio 2023 ha visto temperature superiori alla media in gran parte dell’Eurasia nordoccidentale, in Pakistan e in India, quest’ultima con la temperatura più alta registrata a febbraio dal 1901. Anomalie di temperatura calda sono state osservate anche in Africa centrale e nord-occidentale e nel sud dell’America del Sud. Al contrario, regioni con temperature inferiori alla media sono state riscontrate in Canada settentrionale, Russia nordorientale, America del Sud settentrionale e in Africa nordorientale e meridionale.

Inoltre, ci sono state notevoli differenze di temperatura negli Stati Uniti e in Australia. Negli Stati Uniti le temperature sono state superiori alla media in aree orientali e inferiori alla media in aree occidentali, mentre in Australia sono state superiori alla media nelle aree occidentali e inferiori alla media nelle aree settentrionali.

Infine, il testo riporta informazioni sulle temperature dell’aria marina in diverse regioni del mondo, con temperature superiori alla media nel nord-est dell’Atlantico settentrionale, nella maggior parte del Pacifico settentrionale, nel sud-ovest dell’Atlantico meridionale, nell’ovest del Pacifico meridionale e al largo del Sudafrica. Le temperature sono state inferiori alla media nel Pacifico tropicale centrale e nordorientale, così come al largo della costa dell’Antartide occidentale. Le condizioni La Niña hanno continuato a indebolirsi. Le temperature sono state anche inferiori alla media in gran parte dell’Oceano Indiano, al largo dell’Australia orientale e sulla costa del Labrador.

Di seguito un grafico che mostra le anomalie delle temperature medie mensili globali e europee sulla superficie rispetto al periodo di riferimento 1991-2020, dal gennaio 1979 al febbraio 2023. Le barre più scure indicano i valori di febbraio. I dati provengono dalla fonte ERA5 e il credito per il grafico viene dato al Copernicus Climate Change Service/ECMWF. In sintesi, il grafico rappresenta l’andamento delle temperature globali ed europee negli ultimi 44 anni, evidenziando le deviazioni rispetto alla media del periodo di riferimento.

Di seguito alcune informazioni riguardanti le anomalie delle temperature globali e europee nel mese di febbraio di diversi anni:

  • Nel febbraio 2022, la temperatura globale media è stata 0,29°C più calda rispetto alla media del periodo di riferimento 1991-2020. Inoltre, è stato il quinto febbraio più caldo nella serie storica dei dati presi in considerazione.
  • Nonostante ciò, la temperatura media globale registrata nel febbraio 2022 è stata 0,40°C più fresca rispetto al febbraio 2016, che detiene il primato come febbraio più caldo nella storia dei dati.
  • Per quanto riguarda l’Europa, l’anomalia della temperatura media di febbraio 2023 è stata di 1,22°C rispetto alla media del periodo di riferimento 1991-2020, quindi significativamente più alta rispetto alla media globale di febbraio 2022. Tuttavia, il mese di febbraio 2023 non è stato tra i 10 più caldi dal 1979 ad oggi, e ha registrato una temperatura di circa 2,75°C inferiore rispetto al febbraio 1990, che detiene il primato come febbraio più caldo nella storia dei dati.

Stagione invernale dell’emisfero settentrionale, che si estende dal mese di dicembre 2022 al mese di febbraio 2023.

Di seguito il grafico in cui vengono riportate le anomalie della temperatura dell’aria sulla superficie terrestre durante la stagione invernale dell’emisfero settentrionale che va da dicembre 2022 a febbraio 2023. In particolare, vengono riportate le anomalie della temperatura rispetto alla media del periodo 1991-2020. La fonte dei dati utilizzati per l’analisi è ERA5 e il credito per il lavoro svolto viene dato al Copernicus Climate Change Service/ECMWF. In sintesi, il testo descrive una valutazione delle deviazioni delle temperature rispetto alla norma in un determinato periodo di tempo e per una determinata stagione, utilizzando dati provenienti da una fonte affidabile.

Il testo riporta le osservazioni sulle temperature durante la stagione invernale boreale del 2022/2023 in Europa, negli Stati Uniti e su scala globale.

In Europa, le temperature sulla terraferma sono state prevalentemente sopra la media del periodo 1991-2020, con valori molto superiori alla media nell’Europa orientale e nel nord dei paesi nordici. Tuttavia, sono state sotto la media in alcune zone della Norvegia, della Svezia e della Russia occidentale, nonché in Islanda e nel sud della Groenlandia.

Negli Stati Uniti, le temperature stagionali riflettono il pattern visto a febbraio, con condizioni calde ad est e fredde ad ovest. In generale, la stagione è stata molto più calda della media su gran parte del Canada orientale, l’Alaska, l’Africa settentrionale, il Medio Oriente, l’Asia centrale, il sud dell’America del Sud e alcune parti dell’Antartide. Al contrario, la stagione è stata più fredda della media nell’America del Sud settentrionale, nel nord-est della Russia e nel nord e nell’est dell’Australia.

Le temperature medie stagionali sul mare mostrano un modello simile alle differenze rispetto alla media del periodo 1991-2020 già osservate a febbraio 2023. Tuttavia, le condizioni di La Niña sono più evidenti nella media stagionale, e si riscontra una regione di anomalie fredde al largo della costa orientale del Brasile e anomalie calde sulla Labrador Sea.

la figura rappresenta la media delle anomalie della temperatura dell’aria sulla superficie terrestre in Europa durante l’inverno boreale (dicembre-febbraio) dal 1979 al 2023. Le anomalie sono relative alla media del periodo 1991-2020 e i dati sono stati ottenuti dalla fonte ERA5. Il credito per il lavoro svolto viene dato al Copernicus Climate Change Service/ECMWF. In sintesi, la figura mostra l’andamento delle deviazioni delle temperature rispetto alla norma in Europa durante l’inverno boreale

la temperatura media in Europa nel periodo dicembre 2022-febbraio 2023 è stata di 1,44°C sopra la media del periodo di riferimento 1991-2020 per la stagione invernale. Questo valore rappresenta la seconda temperatura invernale più calda mai registrata in Europa. La stagione invernale 2019/2020 ha registrato una temperatura media quasi 1,4°C superiore rispetto alla media del periodo di riferimento, mentre la stagione invernale appena trascorsa è stata quasi alla pari con i valori del 2016 e del 2007, con una differenza di soli 0,03°C. In sintesi, il testo riporta che la stagione invernale 2022/2023 in Europa è stata molto calda, con temperature superiori alla media del periodo di riferimento, e che questo valore è stato uno dei più elevati mai registrati, con l’eccezione della stagione invernale 2019/2020.

Problema legato alle anomalie di temperatura nell’area settentrionale dell’Italia durante il mese di febbraio 2023

Il testo riporta un problema legato alle anomalie di temperatura nell’area settentrionale dell’Italia durante il mese di febbraio 2023, come riportato nella mappa delle anomalie di temperatura europee. Si ritiene che queste anomalie siano sovrastimate nella rianalisi ERA5. Dopo un’indagine interna, si è scoperto che il problema è in parte dovuto ad una discrepanza tra l’elevazione effettiva delle osservazioni della temperatura superficiale e l’orografia del modello utilizzato, che provoca un aumento artificiale della temperatura del modello. Questa discrepanza porta anche ad una sottostima della copertura nevosa nell’area interessata, il che amplifica ulteriormente il riscaldamento nel modello. Di conseguenza, le anomalie di temperatura positive eccessivamente elevate nell’area settentrionale dell’Italia influiscono sui dati di ERA5 a partire dal 25 gennaio 2023. Questo problema potrebbe essere aggravato quest’anno dalle basse condizioni di neve nelle Alpi. Si prevede che il problema si risolva da sé durante i mesi di marzo e aprile, con la riduzione della copertura nevosa. Il team di ERA5 sta monitorando attentamente la situazione e aggiornerà questo messaggio man mano che saranno disponibili ulteriori informazioni. Infine, si sottolinea che il problema è molto localizzato e non invalida le anomalie e le classifiche di temperatura europee.

Fonte dati e grafici: https://climate.copernicus.eu/climate-bulletin-about-data-and-analysis

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »