Anomalia  della temperatura media della superficie terrestre e della temperatura della superficie dei mari e degli oceani nei primi 2 mesi del 2022 (gennaio-febbraio)

Anomalia  della temperatura media della superficie terrestre e della temperatura della superficie dei mari e degli oceani nei primi 2 mesi del 2022 (gennaio-febbraio)

La temperatura superficiale globale dell’anno in corso è stata la sesta più alta tra quelle registrate con un valore di 0,84°C (1,51°F) sopra la media. È molto probabile che il 2022 sia uno dei 10 anni più caldi mai registrati.

Temperature molto più calde della media sono state osservate in America centrale e meridionale, in Europa, nella Russia occidentale e settentrionale, nell’Africa nord-occidentale e meridionale, così come nell’Atlantico, nella metà orientale dell’Oceano Indiano e nel Pacifico settentrionale e occidentale. Gran parte degli Stati Uniti d america contigui orientali e del Canada, l’Oceano Pacifico tropicale centrale/orientale e sudorientale, l’Oceano Atlantico settentrionale, l’Africa settentrionale, l’Asia meridionale e l’Australia hanno avuto temperature più basse della media nei mesi di gennaio e febbraio.

Classificazione climatologica della temperatura
Per mettere il mese, la stagione o l’anno in prospettiva storica, i valori di temperatura di ogni punto della griglia per il periodo di tempo di interesse (per esempio tutti i valori di agosto dal 1880 al 2012) sono ordinati dal più caldo al più freddo, con un rank assegnato ad ogni valore. Il rango numerico rappresenta la posizione di quel particolare valore in tutto il record storico. La lunghezza del record aumenta progressivamente nel corso di ogni anno. È importante notare che il periodo di registrazione di ogni punto della griglia può variare, ma tutti i punti della griglia visualizzati nella mappa hanno un minimo di 80 anni di dati. Per il record delle anomalie di temperatura globale, i dati risalgono al 1880. Ma non tutti i punti della griglia hanno dati dal 1880 ad oggi. Considerando un punto della griglia con un periodo di registrazione di 133 anni, un valore di “1” nel record di temperatura si riferisce al record più caldo, mentre un valore di “133” si riferisce al record più freddo.

Le ombreggiature più calde della media, prossime alla media e più fredde della media presenti sulle mappe dei percentili di temperatura rappresentano rispettivamente il terzile inferiore, medio e superiore (o tre porzioni uguali) dei valori ordinati o della distribuzione. Molto più caldo della media e molto più freddo della media si riferiscono rispettivamente al decile più basso e a quello più alto (il 10 per cento superiore o inferiore) della distribuzione. Per un periodo di 133 anni, più caldo della media (più freddo della media) rappresenterebbe uno dei 44 periodi più caldi (più freddi) di questo tipo registrati. Tuttavia, se il valore si classificasse tra i 13 più caldi (più freddi) registrati, quel valore sarebbe classificato come Molto più caldo della media (Molto più freddo della media). Vicino alla media rappresenterebbe un valore di temperatura media che si trova a metà strada (da 45 a 89) tra quelli registrati.

Questa immagine ha l'attributo alt vuoto; il nome del file è climatological-rankings-temp-percentiles.png

Anche se il Nord America ha avuto un gennaio-febbraio con temperature superiori alla media (+0.13°C / +0.23°F), questo periodo è stato il più freddo dal 1996. Allo stesso modo, l’Africa ha avuto il suo periodo più freddo dal 2012. L’Europa ha avuto il suo terzo periodo gennaio-febbraio più caldo registrato, dopo il 1990 e il 2020. Il Sud America e l’Asia hanno avuto ciascuno il sesto periodo più caldo mai registrato.

Classifica e record di gennaio-febbraio

Precipitazioni
Le mappe sottostanti rappresentano la percentuale di precipitazione rispetto al normale (a sinistra, usando un periodo di base 1961-1990) e i percentili di precipitazione (a destra, usando il periodo di registrazione) basati sul set di dati GHCN delle stazioni situate sulla superficie terrestre.

Durante il periodo dicembre 2021-febbraio 2022, le precipitazioni sono variate in modo significativo in tutto il mondo. Le precipitazioni di dicembre-febbraio sono state generalmente più scarse del normale in gran parte degli Stati Uniti centrali e meridionali, Messico, Argentina settentrionale, Europa occidentale e meridionale, parti sud-occidentali e orientali dell’Asia e Australia sud-occidentale e meridionale. Condizioni più umide del normale sono state rilevate in parti dell’Alaska, negli Stati Uniti contigui settentrionali, nell’Argentina meridionale, nell’Europa settentrionale, nell’Asia occidentale e meridionale e nell’Australia centrale e sud-orientale.

Global Precipitation Climatology Project (GPCP)

La seguente analisi è basata sul Global Precipitation Climatology Project (GPCP) Interim Climate Data Record https://www.ncdc.noaa.gov/cdr/atmospheric/precipitation-gpcp-monthly . È fornita per gentile concessione del team del GPCP Principal Investigator dell’Università del Maryland.

Febbraio, l’ultimo mese dell’inverno meteorologico dell’emisfero settentrionale ha avuto i suoi modelli di precipitazioni tropicali spinti verso sud attraverso l’Atlantico, il Pacifico e l’Oceano Indiano e i continenti sudamericani e africani (vedi la mappa delle precipitazioni medie per questo mese nella Fig. 1 [pannello superiore]). Alle medie latitudini le precipitazioni si sono estese dagli Stati Uniti orientali attraverso l’Atlantico del Nord fino all’Europa e dalla Cina orientale al nord-ovest del Nord America. Le anomalie riportate nei due pannelli inferiori della Fig. 1 mostrano le tipiche condizioni di La Niña nel Pacifico tropicale, con anomalie positive presenti sul continente marittimo e sul Sudamerica settentrionale e un’anomalia negativa centrata sulla linea internazionale del cambio di data, estesa a est fino alla costa sudamericana e verso sud-est nel Pacifico meridionale.

Questo schema tipico de La Niña è legato a SST più basse della media nella parte centrale e orientale del Pacifico lungo l’Equatore e queste condizioni di temperatura e precipitazioni sono state persistenti in misura variabile per quasi due anni (più o meno la linea temporale dell’epidemia di Covid). Questa lunga Niña è anche atipica in quanto si è sviluppata da sola e non è nata immediatamente dopo un evento di El Niño, come frequentemente accade.

Al di fuori del Pacifico tropicale l’effetto La Niña risulta evidente anche in alcune altre località, compresa la zona secca (anomalie negative) estesa a nord-est dal Pacifico occidentale, attraverso le Hawaii e nel sud-ovest degli Stati Uniti e del Messico. Questa caratteristica tipica di La Niña ha contribuito ad estendere nel tempo e ad aumentare l’intensità della siccità a lungo termine nel sud-ovest degli Stati Uniti. Sul lato umido, le caratteristiche di anomalia positiva legate a La Niña sul continente marittimo e nel nord del Sud America sono state associate a inondazioni e frane legate alla stagione delle piogge in Malaysia e Indonesia e anche in Ecuador, Colombia e Brasile.Tipicamente l’Australia ha precipitazioni superiori alla media nei periodi di La Niña, ma le mappe in Fig. 1 mostrano un modello misto, con deficit di precipitazioni, soprattutto a nord, ma una piccola, ma intensa, anomalia positiva centrata sulla costa orientale del paese. Questa caratteristica è stata associata a sistemi temporaleschi che si sono ripetuti e che hanno colpito il Queensland sud-orientale e l’area di Brisbane più a sud con piogge molto pesanti e inondazioni devastanti sul finire del mese. L’Oceano Indiano ha un modello di anomalie a macchie ed è stato teatro nel corso del mese di attività dei cicloni tropicali. Un trio di tempeste si è mosso dalla parte centrale dell’oceano verso sud-ovest e ha preso di mira il Madagascar e il Mozambico.

Le loro precipitazioni e il loro movimento producono gli stretti binari e i massimi che circondano il paese insulare. I risultati sono stati inondazioni, frane e perdite di vite umane.

Proseguendo verso il polo, i sistemi extratropicali del Pacifico sono rimasti prevalentemente a nord della costa occidentale degli Stati Uniti per buona parte del mese, ma con anomalie positive che si sono spinte in Alaska e nel Canada occidentale. Nel medio atlantico il percorso delle tempeste, come indicato dalle anomalie delle precipitazioni, è risultato essere spostato verso nord durante il mese. L’anomalia positiva associata a tale spostamento ha attraversato il New England e le province marittime del Canada e si è estesa attraverso l’oceano fino al Regno Unito e all’Europa settentrionale. Dentro questa anomalia media mensile ci sono stati intensi sistemi ciclonici che hanno portato inondazioni per esempio nel Regno Unito.

Su scala globale, l’oceano ha un piccolo deficit rispetto alla media a lungo termine, mentre la terra è quasi neutrale, un po’ tipico delle condizioni di La Ni-a. Questo porta ad un totale globale (terra + oceano) per questo febbraio di 2,70 mm d-1, leggermente sotto la media 1979-2021.Negli ultimi tre mesi (dicembre-febbraio) la mappa media e il modello di anomalia (Fig. 2, pannelli superiore e centrale) mostrano le solite caratteristiche climatologiche, ma con molte delle caratteristiche di anomalia positive e negative tipiche de La Niña che è continuata durante questa stagione. La connessione con La Niña è enfatizzata dal pannello inferiore che mostra un composito per la stagione dei mesi precedenti in cui La Niña era presente. Confrontando il composito con la mappa delle anomalie per questa stagione passata, è immediatamente lampante che c’è una correlazione positiva nei modelli dal continente marittimo verso est attraverso il Pacifico tropicale (e le medie latitudini) nelle Americhe e che si estende nell’Atlantico (di nuovo sia ai tropici che alle medie latitudini). Il modello stagionale attraverso il Nord America, e sopra l’oceano su entrambi i lati, è molto simile al composito de la Niña. Sull’Australia, che tipicamente ha piogge significative durante La Niña, gli ultimi tre mesi mostrano un modello più misto, anche se un’anomalia positiva situata nel sud-est del paese è legata alle inondazioni dello scorso mese di febbraio. Altre regioni hanno anomalie non legate a La Niña, incluso il continente africano e l’Asia meridionale che generalmente mostra un’anomalia positiva in quella che normalmente è la stagione secca.

Riferimenti

  • Menne, M. J., C. N. Williams, B.E. Gleason, J. J Rennie, and J. H. Lawrimore, 2018: The Global Historical Climatology Network Monthly Temperature Dataset, Version 4. J. Climate, in press. https://doi.org/10.1175/JCLI-D-18-0094.1.
  • Huang, B., Peter W. Thorne, et. al, 2017: Extended Reconstructed Sea Surface Temperature version 5 (ERSSTv5), Upgrades, validations, and intercomparisons. J. Climate, doi: 10.1175/JCLI-D-16-0836.1
  • Peterson, T.C. and R.S. Vose, 1997: An Overview of the Global Historical Climatology Network Database. Bull. Amer. Meteorol. Soc.78, 2837-2849.
  • Huang, B., V.F. Banzon, E. Freeman, J. Lawrimore, W. Liu, T.C. Peterson, T.M. Smith, P.W. Thorne, S.D. Woodruff, and H-M. Zhang, 2016: Extended Reconstructed Sea Surface Temperature Version 4 (ERSST.v4). Part I: Upgrades and Intercomparisons. J. Climate28, 911-930.
  • Adler, R., G. Gu, M. Sapiano, J. Wang, G. Huffman 2017. Global Precipitation: Means, Variations and Trends During the Satellite Era (1979-2014). Surveys in Geophysics 38: 679-699, doi:10.1007/s10712-017-9416-4
  • Adler, R., M. Sapiano, G. Huffman, J. Wang, G. Gu, D. Bolvin, L. Chiu, U. Schneider, A. Becker, E. Nelkin, P. Xie, R. Ferraro, D. Shin, 2018. The Global Precipitation Climatology Project (GPCP) Monthly Analysis (New Version 2.3) and a Review of 2017 Global Precipitation. Atmosphere. 9(4), 138; doi:10.3390/atmos9040138
  • https://www.ncei.noaa.gov/access/monitoring/monthly-report/global/202202

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »