Anomalia di temperatura a livello globale durante il mese di marzo 2022 secondo i dati della Barkley earth

Anomalia di temperatura a livello globale durante il mese di marzo 2022 secondo i dati della Barkley earth

Berkeley Earth è un’organizzazione no profit indipendente 501(c)(3) con sede a Berkeley, California, focalizzata sull’analisi dei dati sulla temperatura del suolo per la scienza del clima . Berkeley Earth è stata fondata all’inizio del 2010 (originariamente chiamato progetto Berkeley Earth Surface Temperature) con l’obiettivo di affrontare le principali preoccupazioni al di fuori della comunità scientifica per quanto riguarda il riscaldamento globale e il record strumentale della temperatura . L’obiettivo dichiarato del progetto era un “approccio trasparente, basato sull’analisi dei dati”. Nel febbraio 2013, Berkeley Earth è diventata un’organizzazione no-profit indipendente. Nell’agosto 2013, Berkeley Earth ha ottenuto lo status di esenzione fiscale 501 (c) (3) dal governo degli Stati Uniti. Il prodotto principale sono le temperature dell’aria sulla terraferma, ma producono anche un set di dati globale risultante dalla fusione dei dati della terra con HadSST.

Il fondatore di Berkeley Earth, Richard A. Muller, ha dichiarato al Guardian

…stiamo riportando lo spirito della scienza su un argomento che è diventato troppo polemico e troppo controverso, ….siamo un gruppo indipendente, apolitico, apartitico. Raccoglieremo i dati, faremo l’analisi, presenteremo i risultati e li renderemo disponibili. Non ci sarà rotazione, qualunque cosa troveremo. Lo stiamo facendo perché oggi è il progetto più importante al mondo. Nient’altro si avvicina.

Berkeley Earth è stato finanziato da borse di studio illimitate per un totale (a dicembre 2013) di circa $ 1.394.500. I grandi donatori includono il Lawrence Berkeley National Laboratory, la Charles G. Koch Foundation, il Fund for Innovative Climate and Energy Research (FICER) e la William K. Bowes Jr. Foundation. I donatori non hanno alcun controllo su come Berkeley Earth conduce la ricerca o su cosa pubblicano.

I risultati preliminari, i set di dati e i programmi del team sono stati pubblicati a partire da dicembre 2012. Lo studio ha affrontato problemi scientifici tra cui l’effetto isola di calore urbana, la scarsa qualità delle stazioni e il rischio di distorsione nella selezione dei dati . Il gruppo Berkeley Earth ha concluso che la tendenza al riscaldamento è reale, che negli ultimi 50 anni (tra i decenni degli anni ’50 e 2000) la superficie terrestre si è riscaldata di 0,91±0,05 °C e i loro risultati rispecchiano quelli ottenuti da studi precedenti effettuati dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) degli Stati Uniti, dall’Hadley Center, dall’analisi della temperatura superficiale del Goddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA e dall’Unità di ricerca climatica (CRU) presso l’ Università dell’East Anglia . Lo studio ha anche scoperto che l’ effetto isola di calore urbana e la scarsa qualità della stazione non hanno influenzato i risultati ottenuti da questi studi precedenti.

Team scientifico e direttori
I membri del team di Berkeley Earth includono:

Elizabeth Muller, Presidente e Presidente, Managing Partner di Global Shale .
Will Glaser, tesoriere, ha fondato Pandora Music
Bill Shireman, Segretario “Sviluppa strategie commerciali redditizie che riducono l’inquinamento e aumentano i profitti”.
Richard Muller, amministratore delegato
Art Rosenfeld, direttore del consiglio di amministrazione
Marlan W. Downey, Board Director Ex presidente della filiale internazionale di Shell Oil ; fondatore di Roxanna Oil ; ex Presidente di Arco International
Jim Boettcher, direttore del consiglio di amministrazione; investimenti
Risultati iniziali
Dopo aver completato l’analisi dell’intero set di dati sulla temperatura del suolo, costituito da oltre 1,6 miliardi di misurazioni della temperatura risalenti al 1800 da 15 fonti in tutto il mondo e provenienti da oltre 39.000 stazioni di temperatura in tutto il mondo, il gruppo ha presentato quattro documenti per il peer- revisione e pubblicazione su riviste scientifiche. Lo studio Berkeley Earth non ha valutato i cambiamenti di temperatura negli oceani, né ha cercato di valutare quanto del riscaldamento osservato sia dovuto all’azione umana. Il team di Berkeley Earth ha anche rilasciato al pubblico i risultati preliminari il 20 ottobre 2011 al fine di promuovere un ulteriore controllo. Sono stati inoltre messi a disposizione del pubblico i set di dati ei programmi utilizzati per analizzare le informazioni e gli articoli sottoposti a peer review.

Lo studio Berkeley Earth ha affrontato le preoccupazioni scientifiche sollevate dagli scettici, tra cui l’effetto isola di calore urbana, la scarsa qualità delle stazioni e il rischio di distorsione nella selezione dei dati. Le prime conclusioni del team sono le seguenti:

L’ effetto isola di calore urbana e la scarsa qualità della stazione non hanno influenzato i risultati ottenuti da studi precedenti condotti dalla National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA), dall’Hadley Center e dal GISS Surface Temperature Analysis della NASA . Il team ha scoperto che l’effetto isola di calore urbana è localmente grande e reale, ma non contribuisce in modo significativo all’aumento medio della temperatura terrestre, poiché le regioni urbane del pianeta ammontano a meno dell’1% della superficie terrestre. Lo studio ha anche scoperto che mentre le stazioni considerate “povere” potrebbero essere meno accurate, hanno registrato la stessa tendenza media al riscaldamento.
Le temperature globali corrispondevano strettamente a studi precedenti della NASA GISS, NOAA e Hadley Centre, che hanno trovato le tendenze del riscaldamento globale. Il gruppo Berkeley Earth stima che negli ultimi 50 anni la superficie terrestre si sia riscaldata di 0,911 °C, appena il 2% in meno rispetto alla stima della NOAA. Il direttore scientifico del team ha dichiarato che “… questo conferma che questi studi sono stati condotti con attenzione e che i potenziali pregiudizi identificati dagli scettici sui cambiamenti climatici non hanno seriamente influenzato le loro conclusioni”.
Circa 1/3 dei siti di temperatura in tutto il mondo con record di 70 anni o più segnalati raffreddamento (compresa gran parte degli Stati Uniti e del nord Europa). Ma 2/3 dei siti mostrano un riscaldamento. Le cronologie delle temperature individuali riportate da una singola posizione sono spesso rumorose e/o inaffidabili, ed è sempre necessario confrontare e combinare molte registrazioni per comprendere il vero modello del riscaldamento globale.
L’ oscillazione multidecadale atlantica (AMO) ha svolto un ruolo più importante di quanto si pensasse in precedenza. L’ oscillazione El Niño-Southern (ENSO) è generalmente ritenuta la ragione principale del riscaldamento o raffreddamento interannuale, ma l’analisi del team di Berkeley Earth ha scoperto che la temperatura globale è più strettamente correlata allo stato dell’indice di oscillazione multidecadale atlantica, che è una misura della temperatura superficiale del mare nell’Atlantico settentrionale.
L’analisi della Terra di Berkeley utilizza una nuova metodologia ed è stata testata rispetto a gran parte degli stessi dati di NOAA e NASA. Il gruppo utilizza un algoritmo che attribuisce una ponderazione automatica ad ogni punto dati, in base alla sua coerenza con letture confrontabili. Il team afferma che questo approccio consente l’inclusione di letture stravaganti senza distorcere il risultato e che sono state utilizzate tecniche statistiche standard per rimuovere i valori anomali . La metodologia evita anche le procedure tradizionali che richiedono segmenti di dati lunghi e continui, adattandosi così a sequenze brevi, come quelle fornite dalle stazioni meteorologiche temporanee. Questa innovazione ha permesso al gruppo di stilare un primato rispetto ai predecessori, a partire dal 1800, ma con un alto grado di incertezza perché all’epoca c’erano solo due stazioni meteorologiche in America, poche in Europa e una in Asia.


Date le preoccupazioni ben pubblicizzate del leader del progetto Muller riguardo alla qualità della ricerca sui cambiamenti climatici, altri critici hanno anticipato che lo studio di Berkeley Earth sarebbe una conferma della loro posizione. Ad esempio, quando è stato annunciato il team di studio, Anthony Watts, un blogger negazionista del cambiamento climatico che ha reso popolari molti dei problemi affrontati dallo studio del gruppo Berkeley Earth, ha espresso piena fiducia nei metodi del team:

Sono pronto ad accettare qualunque risultato producano, anche se dimostrasse che la mia premessa è sbagliata. … [Il] metodo non è la follia che abbiamo visto da NOAA, NCDC, GISS e CRU, e non ci sono vincoli monetari collegati al risultato che posso dire. … Questa mancanza di vincoli al finanziamento, oltre all’ampio mix di persone coinvolte, in particolare coloro che hanno precedenti esperienze nella gestione di grandi insiemi di dati, mi dà maggiore fiducia nel fatto che il risultato sia più vicino a una verità sul campo in buona fede di qualsiasi cosa abbiamo visto ancora.

—  Anthony Watts
Quando i risultati iniziali sono stati rilasciati e trovati per supportare il consenso esistente, lo studio è stato ampiamente criticato dai negazionisti. Watts ha parlato con il New York Times, che ha scritto: “Il signor Watts … ha sostenuto che la metodologia dello studio era errata perché ha esaminato i dati su un periodo di 60 anni invece dei 30 anni che era la base per la sua ricerca e alcuni altri studi sottoposti a revisione paritaria. Ha anche notato che il rapporto non era ancora stato sottoposto a revisione paritaria e ha citato errori di ortografia come prova di sciatteria”. Anche Steven Mosher, coautore di un libro critico nei confronti degli scienziati del clima, ha disapprovato dicendo che lo studio mancava ancora di trasparenza. Ha detto: “Non sono felice fino a quando il codice non viene rilasciato e rilasciato in una lingua che le persone possono usare liberamente”. Stephen McIntyre, editore di Climate Audit, un blog di climato-scettici, ha affermato che “il team merita il merito di essere tornato ai dati primari e di aver svolto il lavoro” e anche se non ha avuto l’opportunità di leggere i documenti in dettaglio, ha ha messo in dubbio le analisi del riscaldamento urbano e della qualità delle stazioni meteorologiche.

Al contrario, lo studio è stato ben accolto dai colleghi di Muller nella ricerca sulla scienza del clima. James Hansen, uno dei principali scienziati del clima e capo del Goddard Institute for Space Studies della NASA, ha commentato di non aver ancora letto i documenti di ricerca, ma era contento che Muller stesse esaminando il problema. Ha detto: “Dovrebbe aiutare a informare coloro che hanno un onesto scetticismo sul riscaldamento globale”. Phil Jones, direttore della Climatic Research Unit (CRU) presso l’ Università dell’East Anglia, ha dichiarato: “Non vedo l’ora di leggere il documento finalizzato una volta che sarà stato rivisto e pubblicato. Questi risultati iniziali sono molto incoraggianti e fanno eco ai nostri stessi risultati e la nostra conclusione è che l’impatto delle isole di calore urbane sulla temperatura globale complessiva è minimo”. Michael Mann, direttore dell’Earth System Science Center presso la Pennsylvania State University, ha commentato che “… ottengono lo stesso risultato che hanno ottenuto tutti gli altri” e “detto questo, penso che sia almeno utile vedere che anche un critico come Muller, quando dà uno sguardo onesto, scopre che la scienza del clima è solida”. Peter Thorne, del Cooperative Institute for Climate and Satellites in North Carolina e presidente dell’International Surface Temperature Initiative, ha dichiarato: “Questo richiede un approccio molto distinto al problema e fornisce la stessa risposta, e questo crea fiducia che pre- le stime esistenti sono corrette. C’è un valore molto sostanziale nell’avere più gruppi che guardano lo stesso problema in modi diversi.” Lo scienziato ricercatore di carote di ghiaccio Eric Steig ha scritto su RealClimate.org che non sorprende che i risultati di Berkeley Earth corrispondano così bene ai risultati precedenti: “Qualsiasi delle varie semplici analisi statistiche dei dati liberamente disponibili … mostra … che era molto molto improbabile che i risultati cambino”

Ambito esteso
Dalla pubblicazione dei suoi articoli nel 2013, Berkeley Earth ha ampliato il suo campo di applicazione. Berkeley Earth ha tre aree di lavoro del programma: 1) ulteriori indagini scientifiche sulla natura del cambiamento climatico e degli eventi meteorologici estremi, 2) un programma di educazione e comunicazione e 3) valutazione degli sforzi di mitigazione nelle economie sviluppate e in via di sviluppo, con particolare attenzione risparmio energetico e l’uso del gas naturale come combustibile ponte.

Quello che segue è un riassunto delle condizioni della temperatura globale nell’analisi di Berkeley Earth del marzo 2022.

Marzo 2022 è stato il 5° marzo più caldo da quando sono iniziate le registrazioni nel 1850.
Le condizioni più calde della media sono state registrate in gran parte dell’Asia, nell’Artico e nell’Antartide.
Condizioni insolitamente fresche sono state presenti nel Medio Oriente e nel Pacifico equatoriale.
Le condizioni di La Niña risultano ancora presenti e probabilmente contribuiranno a mantenere il 2022 più fresco rispetto agli ultimi anni particolarmente caldi.
Il 2022 è quasi certo di essere uno dei primi dieci anni più caldi, ma è improbabile che sia un nuovo anno più caldo (solo un ~6% di possibilità di un nuovo record).

Globalmente, marzo 2022 è stato il quinto marzo più caldo da quando sono iniziate le registrazioni delle temperature nel 1850. Questo marzo è notevolmente più freddo rispetto ai marzo degli anni 2016, 2017, 2019 e 2020, sebbene sia più caldo rispetto al marzo 2021 e a tutti gli altri anni precedenti. Sia il 2021 che il 2022 sono iniziati con condizioni di La Niña, che tendono a ridurre leggermente le temperature medie globali, anche se il marzo 2022 è stato notevolmente più caldo del marzo 2021.

La temperatura media globale nel marzo 2022 è stata di 1,06 ± 0,08 °C (1,91 ± 0,15 °F) sopra la media del periodo 1951-1980. Questo equivale ad essere 1,38 ± 0,10 °C (2,49 ± 0,17 °F) al di sopra della media 1850-1900, che è spesso usata come riferimento per il periodo preindustriale. L’anomalia della temperatura media globale nel marzo 2022 rappresenta un salto significativo rispetto al febbraio 2022 e si avvicina all’ottobre 2021, che è stato il mese più caldo del 2021. Le temperature di marzo sono state vicine alla linea di tendenza a lungo termine nonostante l’effetto di raffreddamento esercitato dalle condizioni di La Niña sono tuttora in corso.

Distribuzione spaziale delle anomalie

Marzo 2022 ha continuato a registrare temperature superiori alla media in molte aree del mondo, ma con alcune eccezioni degne di nota. Temperature particolarmente superiori al normale sono state presenti in gran parte dell’Asia, nell’Artico e in alcune parti dell’Antartico. Temperature da record sono state presenti anche in una porzione significativa dell’Oceano Pacifico settentrionale. Condizioni particolarmente fresche sono state presenti nel Medio Oriente, così come nell’Oceano Pacifico equatoriale orientale.

Le temperature superiori alla media su gran parte dell’Asia sono particolarmente evidenti sulle nostre mappe. Porzioni dell’Asia meridionale, inclusa gran parte della Cina, hanno sperimentato temperature record per marzo.

Si stima che il 79% della superficie terrestre abbia registrato temperature superiori alla media, con il 4,2% che ha stabilito nuove medie record di marzo. Nessuna area della superficie terrestre ha avuto una media mensile fredda record nel mese di marzo.Per quanto riguarda il Pacifico orientale, l’area fredda è compatibile con le condizioni di La Niña attualmente in corso.

Sulle regioni terrestri, il 2022 è stato il 6° marzo più caldo, con una temperatura superiore di 1,56 ± 0,09 °C (2,81 ± 0,16 °F) rispetto alla media del periodo 1951-1980.
Marzo 2022 è stato il 5° marzo più caldo per quanto riguarda gli oceani, con una temperatura superiore di 0,61 ± 0,12 °C (1,11 ± 0,21 °F) rispetto alla media del periodo 1951-1980.

Come già accennato, le temperature da record registrate in alcune parti dell’Asia meridionale hanno coinvolto anche buona parte della Cina. In particolare, questo ha portato ad un nuovo record nazionale per la media nazionale cinese più calda durante marzo.

Onda di caldo record in Antartide

Durante il mese di marzo 2022, un’ondata di caldo estremo ha colpito l’altopiano antartico orientale. Le temperature registrate presso la stazione di ricerca Dome C sono salite a -10,1 °C (+13,8 °F), ossia 38,5°C (69,3°F) più calde di quanto previsto per questo periodo dell’anno.

Questo evento è stato collegato ad un disturbo nel flusso atmosferico che ha portato un fiume atmosferico dal caldo Oceano del Sud all’altopiano antartico. Questo evento ha superato di gran lunga qualsiasi evento simile osservato in precedenza in Antartide e ha cambiato la nostra percezione di ciò che può essere possibile in questo ambiente. Guardando le distribuzioni statistiche del passato, abbiamo stimato che questo evento potrebbe essere stato un evento con una frequenza di circa una volta ogni 200 anni. Tuttavia, ogni possibile legame con il cambiamento climatico deve ancora essere valutato e capito

La Niña

El Niño e La Niña sono rispettivamente l’anomalo riscaldamento o raffreddamento del Pacifico centro-orientale tropicale che si manifesta con una periodicità variabile fra circa 3 e 7 anni. Queste anomalie della temperatura oceanica superficiale provocano corrispondenti anomalie atmosferiche che complessivamente prendono il nome di El Niño Southern Oscillation (ENSO). Provocano una variazione della circolazione a livello globale (teleconnessione atmosferica) causando siccità o alluvioni particolarmente intense in varie parti del globo. Anche la temperatura media globale ne risente, con anni El Niño particolarmente caldi e l’opposto con La Niña.

Nel mese di marzo , modeste condizioni di La Niña sono state registrate nel Pacifico centro-orientale tropicale . L’attuale evento di La Niña dovrebbe progressivamente passare a condizioni neutre nei prossimi mesi. Tuttavia, l’analisi CPC/IRI https://iri.columbia.edu/our-expertise/climate/forecasts/enso/current/?enso_tab=enso-cpc_update suggerisce che condizioni di enso neutrale o di La Niña siano le più probabili per il resto dell’anno, con solo un ~15% di possibilità di assistere a un cambiamento verso condizioni di El Niño prima della fine di quest’anno.

Predictions of future sea surface temperatures in the core ENSO region from IRI/CPC.

Resto del 2022

L’evento in corso di La Niña rende probabile che il 2022 sia più fresco rispetto ai recenti anni caldi da record; tuttavia, il 2022 è quasi certo di rimanere tra i primi dieci anni più caldi in assoluto. Se La Niña si dissipa, la media annuale potrebbe riscaldarsi un po’ durante la seconda metà del 2022 rispetto alla prima metà dell’anno, ma è improbabile che l’intero anno possa competere con i precedenti anni caldi da record.

L’approccio statistico che utilizziamo, guardando alle condizioni degli ultimi mesi, stima che il 2022 sarà molto probabilmente il 4° o 5° anno più caldo nel record strumentale, con circa il 65% di possibilità di uno di questi risultati. C’è una piccola possibilità (6%) che il resto del 2022 si riscaldi abbastanza da essere un anno caldo da record. È molto improbabile che il 2022 sia più freddo rispetto all’ 8° periodo più caldo, il che significa che quest’anno è molto probabile che superi ancora tutti gli anni precedenti al 2015.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »