Berkeley Earth,è un’organizzazione di ricerca senza scopo di lucro, con sede in California. Dal 2013 prepara analisi indipendenti sulle variazioni della temperatura media globale. Di seguito è riportato il rapporto sulla temperatura media globale nel 2020.

L anno 2020 è stato nominalmente il secondo anno più caldo dal 1850. La temperatura media globale registrata nel 2020 è stata,  leggermente inferiore a quella del 2016. Tuttavia, la differenza tra il 2020 e il 2016 è stata di soli 0,022 °C. Ciò evidenzia un certo legame tra la temperatura riscontrata nel 2020 e quella riscontrata nel 2016.

Anomalia termica annuale

Globalmente la temperatura media globale registrata nel 2020 è stata di 1,27 °C (2,29 °F) al di sopra della temperatura media della fine del 19° secolo, dal 1850 al 1900.Arco di tempo spesso utilizzato come periodo di riferimento preindustriale. Questo è ~ 0,02 °C più freddo del 2016 e ~ 0,02 °C più caldo del 2019. Di conseguenza, il 2020 è nominalmente il secondo anno più caldo osservato direttamente, anche se i tre anni più caldi sono tutti vicini in termini di incertezza in queste misure.La temperatura del 2020 è stata di 0,94 °C al di sopra della media del 1951-1980, che viene spesso utilizzata come periodo di riferimento per il confronto delle analisi climatiche globali.Gli ultimi sei anni sono stati i più caldi osservati direttamente.

YearRankWarming in °CWarming in °F
202021.27 ± 0.042.29 ± 0.08
201931.25 ± 0.052.24 ± 0.08
201861.11 ± 0.042.00 ± 0.08
201741.18 ± 0.052.12 ± 0.08
201611.29 ± 0.052.33 ± 0.08
201551.15 ± 0.042.08 ± 0.08
201481.01 ± 0.051.82 ± 0.08
2013130.95 ± 0.051.70 ± 0.08
2012160.92 ± 0.041.65 ± 0.08
2011180.91 ± 0.041.64 ± 0.08
201071.03 ± 0.041.85 ± 0.08

Variazione della temperatura rispetto alla media del periodo 1850-1900. Le incertezze indicano l’intervallo di confidenza del 95% per la stima di una media annuale della temperatura, ma non includono una piccola incertezza aggiuntiva relativa alla media del periodo 1850-1900.Le incertezze sulla temperatura possono essere visualizzate utilizzando lo schema sottostante dove la stima della temperatura di ogni anno è rappresentata da una distribuzione che riflette la sua incertezza. Nell’analisi condotta da Berkeley Earth, l’incertezza sulla temperatura media è di circa 0,05 °C (0,08 °F) per gli ultimi anni. La temperatura media globale registrata nel 2020 si colloca tra quelle osservate nel 2016 e nel 2019.Gli ultimi tre anni si sono sostanzialmente sovrapposti alle incertezze.

Gli ultimi sei anni sono stati caratterizzati da un periodo significativamente più caldo rispetto a tutti gli anni precedenti, questo a partire dal 1850. Anche se il 2020 è nominalmente leggermente più fresco rispetto al 2016, la temperatura complessiva rimane coerente con la tendenza ad un riscaldamento globale di lungo periodo.

Temperatura media dei continenti nel 2020

Anche se il 2020 è stato nominalmente il secondo anno più caldo, questo è stato influenzato in modo significativo dall’effetto di raffreddamento esercitato da La Niña . Per quanto riguarda i continenti, il 2020 è stato inequivocabilmente l’anno più caldo che sia stato direttamente osservato.

Nel 2020, la temperatura media globale è stata di 1,96 ± 0,04 °C al di sopra della temperatura media riscontrata nel periodo 1850-1900. Questo supera inequivocabilmente il precedente record di 1,88 °C osservato nel 2016. Come discusso di seguito, molti territori hanno visto nel 2020 temperature annuali estremamente elevate, con condizioni particolarmente estreme nell’Asia settentrionale.

Distribuzione delle anomalie della temperatura durante il 2020

La mappa seguente, mostra come le temperature locali nel 2020 sono aumentate rispetto alla temperatura media del 1951-1980

l’aumento della temperatura risulta ampiamente distribuito, interessando quasi tutte le aree terrestri e oceaniche. Nel 2020, l’87% della superficie terrestre presentava una temperatura significativamente più calda rispetto alla temperatura media del periodo 1951-1980, il 12% presentava valori prossimi a quelli medi , mentre 1,3% risultava significativamente più freddo.

Le aree terrestri presentano generalmente un riscaldamento maggiore rispetto a quello oceanico. Rispetto alla media del periodo 1850-1900, la temperatura media dei continenti nel 2020, è aumentata di 1,96 ± 0,04 °C (3,53 ± 0,08 °F) mentre la temperatura della superficie oceanica, escluse le regioni polari , è aumentata di 0,82 ± 0,06 °C (1,48 ± 0,11 °F). Come già evidenziato, il 2020 è stato l’anno più caldo per quanto riguarda i continenti. Per quanto riguarda la superficie oceanica, il 2020 si colloca nominalmente al 4° posto tra gli anni più caldi. Tuttavia, le differenze tra il 1°, 2°, 3° e 4° anno più caldo evidenziano differenze minime rispetto all’incertezza di misura, il che significa che sono tutte difficili da separare. La figura seguente mostra le variazioni di temperatura dei continenti e degli oceani rispetto alla media dal 1850 al 1900.

Come in altri anni recenti, anche il 2020 ha mostrato un riscaldamento molto forte sull’Artico che supera in modo significativo il tasso medio di riscaldamento a livello globale. Questo è coerente con il processo noto come amplificazione artica. Con lo scioglimento dei ghiacci marini e la diminuzione della copertura nevosa, il riscaldamento nelle regioni artiche provoca l’assorbimento di una maggiore quantità di luce solare, il che consente un riscaldamento ancora maggiore. Il 2020 è stato il secondo anno più caldo dell’Artico.

Durante la seconda metà del 2020, l instaurarsi di condizioni di enso negativo nel pacifico tropicale, ha esercitato un’influenza considerevole sulle temperature del 2020, e si prevede che avrà un impatto ancora maggiore nel 2021.La Niña è caratterizzata dalla comparsa di una vasta area di acqua relativamente fresca nel Pacifico equatoriale occidentale, come si può chiaramente vedere in questa mappa delle temperature medie da settembre a dicembre. Oltre al raffreddamento immediato nel Pacifico, La Niña può avere effetti di vasta portata sulla circolazione globale e sugli schemi meteorologici.Questa perturbazione degli schemi meteorologici tende ad essere associata ad un periodo esteso in c ui le temperature globali risultano inferiori .Periodo che può protrarsi per mesi anche oltre il picco di La Niña nel Pacifico.

Negli ultimi 4 mesi, in particolare, la serie temporale mensile delle temperature medie oceaniche si è ridotta drasticamente in concomitanza con lo sviluppo di La Niña nel pacifico. Senza questo raffreddamento, più di 0,2 °C durante gli ultimi mesi, le temperature medie globali nel 2020 avrebbero superato nominalmente le temperature registrate nel 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »