Sulla base di ERA5, la temperatura media annuale globale nel 2021 è stata di 0,3°C sopra quella del periodo di riferimento 1991-2020. È stata di circa 1,1°C sopra quella del periodo di riferimento 1850-1900[1], spesso preso come rappresentativo del livello pre-industriale.

Sulla base di ERA5, la temperatura media annuale globale nel 2021 è stata di 0,3°C sopra quella del periodo di riferimento 1991-2020. È stata di circa 1,1°C sopra quella del periodo di riferimento 1850-1900[1], spesso preso come rappresentativo del livello pre-industriale.

Figura 1a. Anomalia media annuale della temperatura dell’aria superficiale (°C) per il 2021, rispetto al periodo di riferimento 1991-2020. Fonte dei dati: ERA5. Credito: C3S/ECMWF.

Serie temporale

Figura 1b. Medie annuali dell’aumento stimato della temperatura superficiale globale rispetto ai livelli di riferimento 1991-2020 (asse di sinistra) e 1850-1900 (asse di destra), secondo sei diverse serie di dati. Fonte dei dati: ERA5 (C3S/ECMWF), JRA-55 (JMA), GISTEMPv4 (NASA), HadCRUT5 (Met Office Hadley Centre), NOAAGlobalTempv5 (NOAA) e Berkeley Earth. Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Gli ultimi sette anni sono stati i più caldi mai registrati con un chiaro margine, ma il 2021 è stato uno dei più freddi. Sei serie di dati di temperatura ampiamente utilizzate mostrano questa tendenza, sebbene la loro classificazione del 2021 varia dal quinto al settimo anno più caldo. Il set di dati Copernicus Climate Change Service (C3S), ERA5, mostra che il 2021 è stato il quinto anno più caldo a livello globale, solo marginalmente più caldo del 2015 e del 2018.

Sulla base di ERA5, la temperatura media annuale globale nel 2021 è stata di 0,3°C sopra quella del periodo di riferimento 1991-2020. Era circa 1,1°C sopra quella del periodo di riferimento 1850-1900[1], spesso preso come rappresentativo del livello pre-industriale.

I primi cinque mesi del 2021 hanno avuto temperature relativamente basse rispetto a quelle degli ultimi anni. Da giugno a ottobre, tuttavia, le temperature mensili sono state costantemente almeno le quarte più alte mai registrate. Rispetto all’ultimo periodo di riferimento di 30 anni (1991-2020), le regioni in cui le temperature sono state maggiormente sopra la media dell’anno includono una fascia che si estende dalla costa occidentale degli Stati Uniti e del Canada fino al Canada nord-orientale e alla Groenlandia, dove le temperature sono state più di 2°C sopra la media, così come ampie parti dell’Africa centrale e settentrionale e il Medio Oriente. Le temperature sono state maggiormente al di sotto della media nella Siberia occidentale e orientale, in Alaska, nel Pacifico centrale e orientale – associate a condizioni di La Niña ” double-dip” – e su gran parte dell’Australia e parti dell’Antartide.

Per maggiori informazioni sui cambiamenti a lungo termine, si prega di visitare la sezione ‘Indicatore di temperatura’https://climate.copernicus.eu/climate-indicators/temperature. Per maggiori informazioni sulle temperature al di sopra della media nell’Artico e in Europa, si prega di visitare le sezioni ‘Temperatura artica’https://climate.copernicus.eu/esotc/2021/arctic-temperatures e ‘Temperatura europea’https://climate.copernicus.eu/esotc/2021/temperature.

https://climate.copernicus.eu/esotc/2021/globe-in-2021

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »