NATIONAL SNOW AND ICE DATA CENTER (NSIDC) FEBBRAIO 2021

L’estensione del ghiaccio marino registrata nel mese di febbraio 2021 è stata ben al di sotto della media, ma verso la fine del mese, quest ultima risultava superiore ai livelli registrati negli ultimi anni. L’estensione è cresciuta ad un ritmo medio. Nelle prime due settimane del mese, la pressione a livello del mare è stata estremamente alta sull’Oceano Artico centrale, determinando una pronunciata e intensa circolazione di Beaufort Gyre.

Il modello di circolazione del ghiaccio artico guidato dal vento ha due componenti principali. In primo luogo, il Beaufort Gyre è una circolazione in senso orario (guardando da sopra il Polo Nord) nel Mare di Beaufort, a nord dell’Alaska. Questa circolazione deriva da un sistema di alta pressione che genera venti sulla regione. Una seconda componente è la Transpolar Drift Stream, dove il ghiaccio si muove dalla costa siberiana della Russia attraverso il bacino artico, uscendo nell’Atlantico del Nord al largo della costa orientale della Groenlandia.

Il ghiaccio marino che si forma e che resta intrappolato nel Beaufort Gyre può circolare nell’Artico per diversi anni. Il ghiaccio marino che si forma o rimane intrappolato nella Transpolar Drift Stream generalmente lascia l’Artico più rapidamente, di solito in uno o due anni. A causa di questo, il ghiaccio marino nel Mare di Beaufort ha più tempo per crescere e raggiungere lo spessore di equilibrio termodinamico, quindi è più spesso. Inoltre, a causa della rotazione circolare del ghiaccio nel Mare di Beaufort, i banchi di ghiaccio si scontrano spesso tra loro. La deformazione del ghiaccio è comune e porta ad un ghiaccio più spesso e più increspato rispetto ad altre regioni. La Transpolar Drift Stream spinge del ghiaccio contro la Groenlandia settentrionale e l’arcipelago canadese; il ghiaccio si comprime e si deforma in creste, dando luogo al ghiaccio più spesso dell’Artico.Sia nel Beaufort Gyre che nella Transpolar Drift Stream, la maggior parte del ghiaccio segue un modello su larga scala se considerato per un lungo periodo di tempo; tuttavia, all’interno di questo modello di movimento a lungo termine, ci può essere una notevole variazione. Per esempio, il Beaufort Gyre può invertire completamente la direzione – e spesso lo fa per brevi periodi di tempo, come dopo una tempesta causata da un sistema di bassa pressione che si muove attraverso la regione. Allo stesso modo, anche la corrente di deriva transpolare può invertire la direzione. La variazione giornaliera della circolazione su larga scala può essere piuttosto drastica.

Il grafico mostra il movimento medio dei ghiacci artici dal 1978 al 2003. Le frecce mostrano la direzione e la velocità del ghiaccio, con le frecce più lunghe che indicano una maggiore velocità.
-Immagine per gentile concessione del National Snow and Ice Data Center, Università del Colorado, Boulder, CO

Panoramica delle condizioni

l’estensione del ghiaccio artico nel mese di febbraio 2021 è stata mediamente pari a 14,39 milioni di chilometri quadrati Questa  è stata la settima estensione più bassa tra le estensioni registrate durante il periodo di osservazioni satellitari per il mese di febbraio.L estensione è stata di 910.000 milioni di chilometri quadrati inferiore all estensione media di febbraio dal 1981 al 2010 e di 420.000 chilometri quadrati al di sopra del minimo storico registrato nel febbraio del 2018. Nel mese di febbraio, l’estensione del ghiaccio è stata vicina alla media nella maggior parte delle regioni dell’Artico, tranne che nel Golfo di San Lorenzo e, in misura minore, nel Mare di Bering e nel Mare di Okhotsk. Il bordo del ghiaccio si trovava più a nord del normale nella parte settentrionale e occidentale delle Svalbard.

Di seguito il grafico relativo all’estensione media del ghiaccio marino artico nel mese di febbraio 2021 che è stata di 14,39 milioni di chilometri quadrati . La linea magenta mostra l’estensione media per il mese di febbraio per il periodo 1981-2010.

Sea Ice Index data. About the data

Credit: National Snow and Ice Data Center
High-resolution image

Condizioni di contesto

Durante tutto il mese, il ghiaccio marino è cresciuto con una media di 9.900 chilometri quadrati al giorno, circa la metà del tasso medio di crescita riscontrato nel periodo 1981-2010 che è di 20.300 chilometri quadrati.

Il grafico mostra l’estensione del ghiaccio marino artico all’8 marzo 2021, insieme ai dati giornalieri sull’estensione del ghiaccio per le quattro stagioni invernali precedenti e l’anno in cui si è registrata l estensione minima. Il 2020-2021 è mostrato in blu, il 2019-2020 in verde, il 2018-2019 in arancione, il 2017-2018 in marrone, il 2016-2015 in magenta e il 2011-2012 in marrone tratteggiato.La mediana per gli anni dal 1981 al 2010 è mostrata in grigio scuro. Le aree grigie intorno alla linea mediana mostrano le gamme interquartile e interdecile dei dati.

Sea Ice Index data.

Credit: National Snow and Ice Data Center
High-resolution image

Le temperature dell’aria al livello 925 hPa sono state da 1 a 6 gradi Celsius superiori alla media in gran parte dell’Oceano Artico centrale, Mar Siberiano Orientale, Settore Atlantico e Arcipelago Artico Canadese. Al contrario, temperature inferiori a quelle medie si sono registrate nell’Alaska settentrionale, in Siberia e nel Mare di Beaufort , dove sono state registrate variazioni fino a 8 gradi Celsius rispetto ai valori medi.La prima parte del mese è stata caratterizzata da una pressione a livello del mare estremamente elevata sull’Oceano Artico centrale, che ha guidato una circolazione del ghiaccio marino del Beaufort Gyre eccezionalmente forte in senso orario. Questo è coerente con la fase fortemente negativa dell’Oscillazione Artica osservata in questo periodo di tempo, che è talvolta associata a un modello di jet stream ondulato e a focolai di aria fredda alle basse latitudini, come è stato sperimentato in Texas durante la metà del mese. Mentre questo modello si è dissipato durante il mese, il modello di pressione atmosferica media di febbraio presentava ancora un forte Beaufort gyre con picchi di pressione superficiale sopra 1.030 . Questo modello di circolazione atmosferica, guidando una pronunciata circolazione in senso orario del vortice di Beaufort, ha portato al trasporto di ghiaccio spesso e perenne lungo l’arcipelago artico canadese verso la costa dell’Alaska.

Il grafico mostra lo scostamento dalla temperatura media dell’aria nell’Artico al livello 925 hPa, in gradi Celsius, per febbraio 2021. I colori giallo e rosso indicano temperature più alte della media; il blu e il viola indicano temperature più basse della media.

Credit: NSIDC courtesy NOAA Earth System Research Laboratory Physical Sciences Division

High-resolution image

Il grafico mostra la pressione media a livello del mare nell’Artico in millibar per febbraio 2021. I colori giallo e rosso indicano una pressione alta; il blu e il viola indicano una pressione bassa.

Credit: NSIDC courtesy NOAA Earth System Research Laboratory Physical Sciences Division

High-resolution image

Febbraio 2021 rispetto agli anni precedenti

Compreso il 2021, il tasso lineare di declino per quanto riguarda l’estensione del ghiaccio di febbraio è del 2,9% per decennio. Questo corrisponde a una tendenza di 43.800 chilometri quadrati all’anno, che è circa due volte la dimensione dello stato del New Hampshire. Nel corso dei 43 anni di registrazione satellitare, l’Artico ha perso circa 1,84 milioni di chilometri quadrati di ghiaccio marino in febbraio, in base alla differenza dei valori di tendenza lineare nel 2020 e nel 1979. Si tratta di un’area grande circa due volte e mezzo il Texas.

L’estensione mensile del ghiaccio di febbraio per il periodo dal 1979 al 2021 mostra un declino del 2,9% per decennio.Credit: National Snow and Ice Data Center
High-resolution image

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Translate »