SECONDO IL GODDARD INSTITUTE FOR SPACE STUDIES (GISS) DELLA NASA, L AUTUNNO 2021 È STATO IL 4TH AUTUNNO PIÙ CALDO A LIVELLO GLOBALE DALL INIZIO DELLA REGISTRAZIONE DEI DATI NEL 1880

SECONDO IL GODDARD INSTITUTE FOR SPACE STUDIES (GISS) DELLA NASA, L AUTUNNO 2021 È STATO IL 4TH AUTUNNO PIÙ CALDO A LIVELLO GLOBALE DALL INIZIO DELLA REGISTRAZIONE DEI DATI NEL 1880

Informazioni su GISS

Il Goddard Institute for Space Studies (GISS) della NASA è un laboratorio della Earth Science Division (ESD) del National Aeronautics and Space Administration (GSFC) Goddard Space Flight Centre. L’ESD fa parte della Direzione della Scienza e della Ricerca del GSFC.Dopo l’approvazione dell’amministratore della NASA T. Keith Glennan nel dicembre 1960, l’istituto fu fondato dal Dr. Robert Jastrow nel maggio 1961 (originariamente come l’ufficio di New York della Divisione Teoria del GSFC) per condurre la ricerca scientifica spaziale di base a sostegno dei programmi del GSFCi. Le aree di ricerca comprendevano la struttura della Terra, della Luna e di altri corpi planetari; le atmosfere della Terra e di altri pianeti; l’origine e l’evoluzione del sistema solare; le proprietà del plasma interplanetario; il rapporto Sole-Terra; la struttura e l’evoluzione delle stelle. L’Istituto è stato situato a New York con il presupposto che la ricerca teorica nelle scienze spaziali sarebbe stata facilitata dalla sua vicinanza alle principali università di una grande metropoli. Si credeva anche che una tale posizione avrebbe incoraggiato le università a interessarsi maggiormente ai programmi della NASA.I primi studi dell’atmosfera terrestre e dei pianeti utilizzando i dati raccolti dai satelliti e dalle sonde spaziali hanno portato il GISS a diventare un centro leader nella modellazione atmosferica e nei cambiamenti climatici. Sotto la guida del dottor James E. Hansen, dal 1981 al 2013, la ricerca al GISS si è concentrata sull’ampio studio del cambiamento globale, un’iniziativa interdisciplinare che guarda ai cambiamenti ambientali naturali e antropogenici che si verificano su diverse scale temporali – dagli impatti una tantum come le esplosioni vulcaniche, agli effetti stagionali/annuali come El Niño, fino alle ere glaciali millenarie – che influenzano l’abitabilità del nostro pianeta. Nel 2014, il dottor Gavin A. Schmidt è stato nominato capo del GISS.Un obiettivo chiave della ricerca GISS è la previsione dei cambiamenti atmosferici e climatici nel 21° secolo. La ricerca combina l’analisi di serie complete di dati globali con modelli globali di processi atmosferici, terrestri e oceanici. Lo studio dei cambiamenti climatici passati sulla Terra e sulle atmosfere di altri pianeti serve come strumento utile per valutare la nostra comprensione generale dell’atmosfera e della sua evoluzione.

Le aree tematiche del programma GISS possono essere approssimativamente divise nelle seguenti categorie: impatti climatici; sviluppo di modelli climatici; osservazioni della Terra; radiazione atmosferica; chimica dell’atmosfera; impatti climatici; atmosfere planetarie, esopianeti e astrobiologia; paleoclima e altre discipline. A causa delle interconnessioni, la maggior parte dei membri dello staff GISS sono impegnati nella ricerca in diverse di queste aree.

Le prospettive offerte dalle osservazioni spaziali sono cruciali per monitorare il cambiamento globale e fornire i dati necessari per sviluppare una comprensione del sistema Terra. Come centro principale della NASA per l’osservazione della Terra, il Goddard Space Flight Center gioca un ruolo di primo piano nella ricerca sul cambiamento globale. La ricerca sul cambiamento globale al GISS è coordinata con la ricerca in altri uffici e laboratori della Earth Science Division del GSFC.GISS collabora con università e organizzazioni di ricerca locali, in particolare con la Columbia University. Molti dei membri dello staff provengono dall’Earth Institute della Columbia University, dal Centre for Climate Systems Research (CCSR), dal Department of Applied Physics and Applied Mathematics o. Dipartimento di Scienze della Terra e dell’Ambiente. Collaboriamo anche con ricercatori ed educatori del Lamont-Doherty Earth Observatory della Columbia, del City College di New York, dell’American Museum of Natural History, della New York University, della Stony Brook University e di altre istituzioni.

Dalla sua fondazione, il GISS si trova nella zona di Morningside Heights a New York City. L’Istituto era originariamente situato all’angolo di Riverside Drive e 120th Street, a pochi isolati dalla Columbia University, ma alla fine degli anni ’60 si trasferì nei suoi attuali uffici all’angolo di Broadway e West 112th Street. L’edificio, ufficialmente conosciuto come Armstrong Hall della Columbia University, è mostrato nella foto a destra. Se avete visto la serie televisiva Seinfeld, riconoscerete questo angolo nelle inquadrature esterne della tavola calda dove Jerry e i suoi amici si ritrovano. È il Tom’s Restaurant, e il GISS occupa la maggior parte dei piani superiori. A quattro isolati da Broadway si trova l’entrata principale del campus Morningside Heights della Columbia University. Un isolato a est della 112a Strada c’è la facciata ovest della Chiesa Cattedrale di San Giovanni il Divino e un isolato a ovest c’è Riverside Park.

Il supporto di sistema e software per GISS è fornito da SciSpace LLC, una joint venture tra Business Integra e d3i Systems.

Di seguito l’aggiornamento mensile GISS riguardante l’analisi dell anomalia temperatura superficiale registrata nel periodo compreso dal 1 settembre al 30 novembre che coincide con l autunno nell emisfero boreale. La temperatura media globale  (continenti+oceani) registrata nel periodo compreso dal 1 settembre al 30 novembre che coincide con l autunno nell emisfero boreale   è stata di 0.95°C  al di sopra della media di riferimento del 1951-1980. Gli ultimi 10 autunni sono stati i più caldi.

Suddividendo i due emisferi, sull emisfero settentrionale è stata registrata una temperatura superiore di 1,22°C (CONTINENTI + OCEANI) rispetto alla temperatura media registrata nel periodo 1951/1980 , mentre per quanto riguarda l emisfero australe, è stata registrata una temperatura media superiore di 0,67 °C (CONTINENTI + OCEANI) rispetto alla temperatura media registrata nel periodo 1951/1980

Emisfero settentrionale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »