Il Sea Ice Outlook (SIO) di luglio 2022 prevede un estensione media del ghiaccio marino artico di 4,64 milioni di chilometri quadrati per il mese di settembre 2022

Il Sea Ice Outlook (SIO) di luglio 2022 prevede un estensione media del ghiaccio marino artico di 4,64 milioni di chilometri quadrati per il mese di settembre 2022

Outlook Report

Abbiamo ricevuto 30 previsioni sull’estensione del ghiaccio marino di settembre, tra cui previsioni pan-artiche, 10 da modelli dinamici, 19 da modelli statistici e una basata sull’euristica. Di queste 30 proposte, nove includevano anche previsioni per la regione pan-artica e otto per la regione dell’Alaska (Mare di Bering, Mare di Chukchi e Mare di Beaufort). Sono state presentate 12 proposte per le anomalie dell’estensione media del ghiaccio marino artico di settembre, calcolate rispetto alle tendenze di base per ogni metodo di previsione. Questa pratica, iniziata lo scorso anno, è motivata dalla grande dispersione nelle previsioni di estensione media del ghiaccio marino di settembre del SIO. delle previsioni SIO sull’estensione media del ghiaccio marino di settembre. L’intento è quello di verificare se lo scarto si riduce quando viene eliminata la distorsione inter-modello. Per quanto riguarda l’estensione regionale del ghiaccio marino in Alaska, sono state effettuate previsioni da cinque metodi statistici e tre basati su modelli dinamici. Per quanto riguarda l’Artico, l’estensione mediana del ghiaccio marino pan-artico nelle previsioni di luglio per settembre 2022 è di 4,64 milioni di chilometri quadrati, leggermente superiore al valore mediano del rapporto di giugno di 4,57 milioni di chilometri quadrati.Le previsioni basate sui 19 modelli statistici hanno una mediana di 4,65 milioni di chilometri quadrati, mentre quelle dei dieci modelli dinamici hanno una mediana di 4,65 milioni di chilometri quadrati. L’unica previsione basata sull’approccio euristico è di 4,25 milioni di chilometri quadrati. Nel complesso, i valori previsti sono simili a quelli riportati nelle previsioni pubblicate nel mese di giugno 2022. Nessuna delle previsioni prevede un nuovo record di estensione. Le 12 anomalie previste variano da -0,26 a +0,91 milioni di chilometri quadrati, con dieci al di sopra e due al di sotto della linea di base dei contributori.Il range di anomalie SIO previsto per luglio copre un’area di 1,2 milioni di chilometri quadrati rispetto al SIO di giugno, che aveva un range di 1,6 milioni di chilometri quadrati.

Rispetto alle previsioni SIO SIP di giugno, le previsioni SIO Sea Ice Probability di luglio mostrano delle caratteristiche e delle differenze simili tra i vari modelli, anche se c’è un notevole accordo nella posizione del bordo del ghiaccio nei mari di Beaufort e Chukchi, che in altri anni hanno mostrato una maggiore incertezza nelle previsioni. Al contrario, nei mari di Laptev e della Siberia orientale, le previsioni presentano un’ampia divergenza tra i modelli, alcuni dei quali mostrano poco ghiaccio e altri un ghiaccio più esteso. C’è un forte accordo sul fatto che la rotta del Mare del Nord sarà aperta, ma meno sul fatto che la rotta meridionale del Passaggio a Nord-Ovest sarà aperta.

Per quanto riguarda l’estensione del ghiaccio marino regionale dell’Alaska, la previsione mediana è di 0,57 milioni di chilometri quadrati con valori che vanno da 0,46 a 0,80 milioni di chilometri quadrati, tutti superiori all’estensione mediana del ghiaccio marino nel periodo 2007-2021, pari a 0,40 milioni di chilometri quadrati.Per quanto riguarda l’Antartico, sei delle nove proposte hanno utilizzato metodi statistici/di apprendimento automatico e tre hanno impiegato modelli dinamici. Come riportato nel SIO del mese di giugno 2022, le previsioni si sono ridotte rispetto agli anni precedenti: l’intervallo delle previsioni (1,90 milioni di chilometri quadrati) è inferiore all’intervallo osservato (2,08 milioni di chilometri quadrati), anche se l’intervallo delle previsioni per il mese di luglio è sostanzialmente superiore a quello del mese di giugno (1,39 milioni di chilometri quadrati).Nel periodo 2017-2021, l’intervallo (max-min) degli ensemble previsionali ha spesso superato il doppio dell’intervallo dei record storici osservati. Il valore mediano dell’estensione del ghiaccio marino antartico previsto per settembre è di 18,24 milioni di chilometri quadrati. Si prevede quindi che l’estensione del ghiaccio marino di settembre sarà inferiore alla media climatologica. Al momento della stesura di questo rapporto, l’estensione dell’Antartico è vicina al minimo storico per questo periodo dell’anno.Il presente rapporto sulle prospettive di luglio è stato elaborato dall’autore principale Mark Serreze, National Snow and Ice Data Center (NSIDC; sommario, panoramica e discussione sulle condizioni attuali); con i contributi di Uma Bhatt, University of Alaska Fairbanks (discussione sulle previsioni delle anomalie pan-artiche del ghiaccio marino e sulle condizioni del ghiaccio nei mari di Bering e Chukchi); Edward Blanchard-Wrigglesworth, University of Washington (discussione sulle previsioni dei campi spaziali); Michael Steele, Università di Washington, Applied Physics Laboratory (discussione sulle condizioni di calore dell’oceano); François Massonnet, Université catholique de Louvain (discussione sui contributi antartici; Matthew Fisher e il team di sviluppo NSIDC (statistiche e grafici); Betsy Turner-Bogren, Helen Wiggins, Kuba Grzeda, Lisa Sheffield Guy e Stacey Stoudt, ARCUS (coordinamento e redazione del rapporto); e il resto del team del progetto SIPN2.

Previsioni sul ghiaccio marino pan-artico

Per l’Artico, la mediana della proiezione di luglio per settembre 2022 è di 4,64 milioni di chilometri quadrati (Figura 1), leggermente superiore alla mediana di 4,57 milioni di chilometri quadrati del rapporto di giugno. L’intervallo interquartile delle proiezioni pan-artiche è di 4,49-4,76 milioni di chilometri quadrati e le proiezioni vanno da un minimo di 3,96 milioni di chilometri quadrati a un massimo di 5,26 milioni di chilometri quadrati.Esaminando invece i risultati basati sui diversi metodi (Figura 2), le previsioni dei 10 modelli dinamici hanno una mediana di 4,65 milioni di chilometri quadrati e un intervallo interquartile compreso tra 4,06 e 4,73 milioni di chilometri quadrati. La previsione più bassa proveniente dai modelli dinamici è di 3,96 milioni di chilometri quadrati e la più alta di 5,10 milioni di chilometri quadrati. Per quanto riguarda i 19 metodi statistici, hanno una mediana di 4,65 chilometri quadrati, con un intervallo interquartile compreso tra 4,52 e 4,79 milioni di chilometri quadrati. La previsione statistica più bassa per luglio è di 4,06 milioni di chilometri quadrati e quella più alta di 5,26 milioni di chilometri quadrati. L’unica previsione ottenuta con l’approccio euristico è di 4,25 milioni di chilometri quadrati.Nel complesso, i valori previsti sono simili a quelli riportati nelle prospettive di giugno 2022, con la mediana di luglio leggermente più alta. Per i modelli dinamici, la mediana è leggermente più alta a luglio rispetto a giugno 2022, ma con uno spread minore. Lo stesso si può dire per i modelli statistici, ma la differenza tra giugno e luglio è molto minore. Come è stato sottolineato più volte, la dispersione delle previsioni nei modelli dinamici è significativamente maggiore rispetto ai metodi statistici. Nel periodo delle osservazioni satellitari, il record di estensione minima di settembre è stato raggiunto nel 2012 con 3,57 milioni di chilometri quadrati, mentre la seconda estensione minima di settembre è stata di 4,00 milioni di chilometri quadrati nel 2020. Pertanto, come nel 2021, nessuna delle previsioni prevede un nuovo record negativo.Questo è il secondo anno in cui il SIO ha richiesto previsioni sulle anomalie dell’estensione media del ghiaccio marino a settembre. Un’anomalia è una deviazione della previsione dell’estensione di settembre rispetto alla tendenza di base adottata (ad esempio, la tendenza delle osservazioni storiche, le proiezioni retrospettive dei modelli, ecc. Le 12 anomalie previste per luglio vanno da -0,26 a +0,91 milioni di chilometri quadrati, con dieci al di sopra e due al di sotto della linea di base proposta dagli autori (Figura 3, a sinistra). L’intervallo di anomalia SIO previsto per luglio è di 1,2 milioni di chilometri quadrati, rispetto all’intervallo SIO di giugno di 1,6 milioni di chilometri quadrati (Figura 3, a destra). La previsione dell’anomalia SIO pan-artica di luglio ha una mediana di 0,37 (la mediana di giugno era 0,17) e una deviazione standard di 0,33 (la deviazione standard di giugno era 0,44) milioni di km². L’intervallo e la deviazione standard delle previsioni di luglio sono inferiori a quelle di giugno e la mediana indica che la previsione dell’anomalia SIO di luglio per settembre 2022 è più positiva di quella di giugno.

Figura 1. Distribuzione dei contributi SIO per le previsioni di luglio sull’estensione del ghiaccio marino panartico nel settembre 2021. I contributi pubblici/cittadini includono: Simmons e Sun, Immagine per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Figura 2. Contributi del Pan-Arctic Sea Ice Outlook di giugno (a sinistra) e luglio (a destra) 2022, ordinati per metodo. Le linee rappresentano i singoli contributi che hanno utilizzato metodi misti/altri (giugno) e metodi euristici (luglio). Per luglio, la mediana di ciascun metodo (da sinistra a destra) è 4,65 (statistica/ML) e 4,65 (dinamica). Il valore singolo per il metodo euristico è 4,25. Immagine per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Figura 3. Previsioni SIO di luglio (a sinistra) e giugno (a destra) in merito all’anomalia dell’estensione del ghiaccio marino nel mese di giugno 2022 in milioni di chilometri quadrati.

Previsioni regionali dell’Alaska

La mediana multimodale per le previsioni SIO del luglio 2022 per i mari dell’Alaska è di 0,56 milioni di chilometri quadrati ed è composta da 8 contributi con valori che vanno da 0,46 a 0,8 milioni di chilometri quadrati (Figura 4). Le previsioni dei modelli dinamici vanno da 0,4 a 0,8 milioni di chilometri quadrati con una mediana di 0,56 milioni di chilometri quadrati. Le previsioni dei modelli statistici vanno da 0,52 a 0,57 milioni di chilometri quadrati con una mediana di 0,57 milioni di chilometri quadrati. Le previsioni statistiche presentano uno spread minore (deviazione standard di 0,05) rispetto ai modelli dinamici (deviazione standard di 0,17; Figura 5). Lo spread dei modelli dinamici è inferiore nelle previsioni SIO di luglio rispetto a quelle di giugno. Per collocare questi dati in una prospettiva storica, l’estensione mediana del ghiaccio marino di settembre per i mari dell’Alaska (Bering, Chukchi e Beaufort) nel periodo 2007-2021 è di 0,40 milioni di chilometri quadrati (Figura 6, in alto), rendendo le previsioni per il 2022 superiori a tutti i valori osservati tra il 2015 e il 2020 (Figura 6, in basso).Le previsioni mediane del SIO per giugno e luglio sono vicine alle osservazioni del 2018, 2019 e 2020, mentre le previsioni per il 2021 sono molto più basse di quelle osservate (da 0,1 a 0,3 milioni di chilometri quadrati in meno rispetto alle osservazioni).

Figura 4. Distribuzione dei contributori SIO per le stime di luglio sull’estensione del ghiaccio marino nella regione dell’Alaska nel settembre 2022. Figura per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC.

Figura 5. Previsioni sul ghiaccio marino di giugno (a sinistra) e luglio (a destra) per la Regione Alaska 2022, ordinate per metodo. Figura per gentile concessione di Matthew Fisher, NSIDC. L’estensione del ghiaccio marino osservata nel Mare di Bering-Chukchi e nel Mare di Beaufort nel settembre 2021 era di 0,81 milioni di chilometri quadrati.

Figura 6. In alto: Estensione media del ghiaccio marino osservata a settembre nei mari dell’Alaska (linea blu) e previsione mediana del SIO per luglio (cerchio solido viola). La previsione mediana per giugno 2022 è rappresentata da un cerchio aperto viola.Il fit cubico è rappresentato in nero. In basso: la figura ampliata per il periodo 2016-2022 mostra le previsioni mediane del SIO per giugno e luglio per i mari dell’Alaska.

Previsioni pan-artiche mediante metodi spaziali

Per il SIO di luglio abbiamo ricevuto nove previsioni di probabilità di ghiaccio marino (SIP) e sei previsioni di data libera da ghiaccio (IFD). Per aggiornare il lettore, la SIP è definita come la frazione di membri dell’ensemble che prevedono una concentrazione di ghiaccio marino (SIC) di settembre superiore al 15% (ad esempio, se solo quattro membri dell’ensemble su otto hanno una concentrazione superiore al 15%, la SIP è del 50%). IFD è la prima data della stagione di fusione in cui la concentrazione di ghiaccio in una determinata località scende al di sotto di una certa soglia (noi utilizziamo le soglie 15% SIC e 80% SIC).Rispetto alle proiezioni SIO SIP di giugno, le proiezioni SIO SIP di luglio mostrano un andamento simile e differenze tra i modelli, anche se c’è un notevole accordo sulla posizione del limite del ghiaccio marino di settembre nei mari di Beaufort e Chukchi, che in altri anni ha mostrato una maggiore incertezza nelle previsioni. Al contrario, c’è una maggiore incertezza nei mari di Laptev e della Siberia orientale, con alcuni modelli che prevedono un basso livello di ghiaccio marino (APL, GFDL SPEAR, IAP LASG) e altri che prevedono condizioni più estese (AWI, NSIDC CU Boulder). Ciononostante, c’è un accordo generale sul fatto che la rotta del Mare del Nord sarà aperta, mentre c’è meno accordo sul fatto che la rotta del Passaggio a Nord-Ovest sarà aperta (Figura 7).La Figura 8 mostra le previsioni IFD con una concentrazione di ghiaccio del 15% (IFD15; riga superiore) e dell’80% (IFD80; riga inferiore). Come a giugno, c’è una notevole incertezza nell’IFD15 sulle coste artiche, soprattutto sulla costa orientale della Siberia (dove le previsioni vanno da un ritiro del ghiaccio all’inizio di luglio a una permanenza del ghiaccio fino a settembre). Al contrario, si prevede che le regioni di Kara e Barents mostrino un ritiro dei ghiacci costante e molto lento. Come a giugno, anche per le proiezioni IFD80 i modelli nell’Oceano Artico centrale mostrano una notevole variabilità, con alcuni modelli che prevedono una perdita completa di SIC > 80% entro settembre, mentre altri prevedono una perdita estesa di SIC > 80%.Anche se disponiamo solo delle condizioni iniziali dei due modelli per il SIO di luglio (Figura 9), vale la pena notare che c’è coerenza per quanto riguarda il bordo del ghiaccio marino ma differenze nello spessore e nel SIC dell’Artico centrale nei due modelli. Il modello AWI mostra valori SIC iniziali più bassi sull’Artico centrale rispetto al RASM. Anche lo spessore iniziale del ghiaccio mostra grandi differenze nei mari di Laptev e Kara tra i due modelli.

Figura 7. Previsioni SIP di settembre da parte di nove modelli, insieme alla previsione multi-modello e alla deviazione standard delle previsioni di tutti gli otto modelli (due pannelli in basso).

Figura 8. Previsione della data senza ghiaccio (IFD) per IFD15 (riga superiore) e IFD80 (riga inferiore).

Figura 9. Condizioni iniziali dei due modelli, RASM e AWI. La riga superiore mostra la condizione iniziale della concentrazione di ghiaccio marino e quella inferiore lo spessore del ghiaccio marino.

Prospettive per l’Antartide

Per il secondo ciclo di previsioni (luglio), tutti gli autori hanno aggiornato le loro previsioni rispetto ai dati di giugno. La distribuzione delle previsioni sull’estensione del ghiaccio marino dei contributi SIO indica un’estensione del ghiaccio antartico anormalmente bassa per settembre. L’anomalia negativa dell’estensione del ghiaccio marino di giugno (-1,21 milioni di chilometri quadrati) sembra essersi protratta fino a luglio (-1,06 milioni di chilometri quadrati al 13 luglio; Figura 10).

Figura 10. Serie temporale dell’estensione del ghiaccio marino antartico osservata a settembre e (per giugno e luglio) delle previsioni dei singoli modelli e delle previsioni climatologiche. Sono mostrate anche le previsioni di persistenza delle anomalie disponibili.

Condizioni correnti

Condizioni pan-artiche

Secondo l’indice del ghiaccio marino NSIDC NSIDC Sea Ice Index, l’estensione media del ghiaccio marino artico nel giugno 2022 è stata di 10,86 milioni di chilometri quadrati, il decimo valore più basso in 43 anni di registrazioni satellitari. Si tratta di 900.000 chilometri quadrati in meno rispetto alla media tra il 1981 e il 2010. Il Mare di Barents è diventato quasi privo di ghiaccio a giugno. Anche la Baia di Hudson ha perso gran parte del suo ghiaccio in maniera insolitamente precoce. Il Mare di Chukchi, il Mare della Siberia Orientale e il Mare di Kara hanno registrato valori leggermente inferiori alla media. Lungo la costa russa, il fenomeno più significativo è stato l’apertura di un grande polynya nel Mare di Laptev vicino alle Nuove Isole Siberiane. Nella Baia di Baffin, l’estensione del ghiaccio è stata vicina alla media e la polynaya del Mare del Nord si è aperta all’inizio di giugno. Nell’Oceano Artico centrale si sono sviluppate alcune aree piuttosto estese caratterizzate da una bassa concentrazione di ghiaccio.Il declino giornaliero dell’estensione dei ghiacci artici nella prima metà di luglio è stato vicino alla media 1981-2010 (Figura 11). I modelli spaziali delle condizioni dei ghiacci osservati a giugno hanno continuato a persistere e si sono ulteriormente sviluppati nella prima metà di luglio (Figura 12), con le più importanti perdite di ghiaccio in corrispondenza del Mare di Laptev. La situazione è simile a quella degli ultimi due anni, ma molto meno estrema di quella osservata nel 2020 e nel 2021, quando l’estensione dei ghiacci del Mar di Laptev ha raggiunto o sfiorato i minimi storici nei mesi di giugno e luglio. Al momento della stesura di questo rapporto, nella Baia di Hudson persiste solo una stretta striscia di ghiaccio e il bordo del ghiaccio è situato decisamente a nord delle Svalbard. I mari di Barents e di Kara sono completamente privi di ghiaccio.In termini di temperatura, la prima metà del mese di luglio 2022 è stata caratterizzata da contrasti regionali (Figura 13). Sul lato eurasiatico dell’Artico, in particolare nei mari di Laptev e Barents, le temperature dell’aria a 925 mb (circa 2.500 piedi sopra il livello del mare) sono state di 3-4 C (5-7 gradi C) inferiori alla media. Sul lato nordamericano dell’Artico, le temperature dell’aria sono state superiori alla media, soprattutto nel sud-est del Mare di Beaufort, nell’arcipelago artico canadese occidentale, dove le temperature sono state fino a 10°C superiori alla norma. Le condizioni calde dell’arcipelago artico canadese e i relativi cieli limpidi hanno facilitato la formazione e lo sviluppo dei laghi di fusione. Sull’Oceano Artico centrale, le aree a bassa concentrazione di ghiaccio sono diventate ancora più evidenti.Durante la prima metà di luglio, a dominare la maggior parte dell’Oceano Artico è stata una bassa pressione, centrata vicino al Polo Nord (Figura 14). Questo tipo di schema è comune durante l’estate artica. Storicamente, un modello di questo tipo, se persistente per tutta l’estate, tende a limitare lo scioglimento estivo. Tuttavia, ci si è chiesti se questa relazione sia valida anche ai giorni nostri, caratterizzati da climi più caldi. Il flusso di vento meridionale (sud-nord) nel Mare di Barents e a nord dell’Alaska supporta due massimi di temperatura calda (Svalbard e Canada settentrionale) al confine meridionale dell’Oceano Artico e l’assenza di ghiaccio marino nel Mare di Barents.

Figura 11. Estensione media giornaliera del ghiaccio marino, intervalli interquartili e interdecili, per il 2012 e per il 2022. Dati del NSIDC Sea Ice Index.

Figura 12. Concentrazione giornaliera del ghiaccio marino alla data del 17 luglio 2022. Dall’indice del ghiaccio marino NSIDC.NSIDC Sea Ice Index.

Figura 13. Anomalie della temperatura dell’aria a 925 hPa mediate sul periodo 1-18 luglio 2022. Dalla rianalisi NCEP/NCAR.

Figura 14. Pressione atmosferica media a livello del mare per il periodo 1-18 luglio 2022. da rianalisi NCEP/NCAR.

Condizioni regionali in Alaska

A metà luglio 2022 l’estensione del ghiaccio marino nel Mare di Chukchi è stata simile alle condizioni di metà luglio delle due annate precedenti, anche se nel 2022 è presente più ghiaccio lungo la Chukotka (Figura 15, in alto). Il Beaufort orientale ha una maggiore estensione di ghiaccio marino nel 2022 rispetto al 2021 o al 2020. L’estensione combinata dei ghiacci marini di Bering, Chukchi e Beaufort da metà aprile 2022 risulta essere leggermente inferiore alla media 1981-2010 (Figura 15, in basso). L’arretramento registrato nel periodo compreso tra metà aprile e metà maggio è stato più rapido della mediana a lungo termine, ma è rimasto vicino alla mediana nei mesi di giugno e luglio 2022. L’estensione del ghiaccio marino del 15 giugno 2022 nei mari dell’Alaska è stata di 1,39 milioni di chilometri quadrati, simile a quella del 2021 e superiore a quella del 2020 (1,31 milioni di chilometri quadrati). L’estensione registrata il 15 luglio 2022 è stata leggermente inferiore alla media 1981-2010 di 1,45 milioni di chilometri quadrati e superiore all’estensione del ghiaccio marino del 15 luglio 2019 di 1,06 milioni di chilometri quadrati.

Figura 15. In alto: concentrazioni di ghiaccio marino per la metà di luglio del 2022, 2021 e 2020, ricavate dal National Weather Service’s Alaska Sea Ice Program (ASIP).

Figura 15. In basso: Ciclo stagionale giornaliero dell’estensione del ghiaccio marino nei mari dell’Alaska (Bering-Chukchi-Beaufort) per alcuni anni selezionati e la media climatologica 1981-2010.

Condizioni termiche oceaniche

All’inizio di giugno 2022, la maggior parte dell’Oceano Artico era ancora coperta dai ghiacci, quindi le temperature della superficie del mare (SST) erano prossime allo zero, tranne che nei mari settentrionali, compreso il Mare di Barents. Durante il mese scorso, il normale ritiro dei ghiacci marini ha permesso alle temperature di iniziare a salire nei mari di Chukchi, Laptev e Kara, oltre che nella baia di Baffin. Una notevole mancanza di rottura dei ghiacci e di riscaldamento delle SST si osserva nel Mare di Beaufort orientale – Figura 16 rispetto al 2013 – dove si è verificato un periodo insolitamente lungo di convergenza del ghiaccio marino nella regione dall’arcipelago artico canadese (Mallett et al. 2021). La convergenza dei ghiacci del Mare di Beaufort si è verificata anche nel 2020 e nel 2021 (Moore et al. 2022), portando a concentrazioni di ghiaccio anormalmente elevate all’inizio di luglio e a SST fredde. Queste condizioni nel luglio 2022 potrebbero portare a condizioni simili a quelle degli ultimi anni nel Mare di Beaufort nel settembre 2022: ghiaccio marino esteso con una geometria di confine complessa e SST fredde a nord della zona calda costiera (vedi rapporto SIO 2021).La Figura 17 mostra le anomalie SST per il maggio 2022, poco prima dello scioglimento dei ghiacci marini nel periodo estivo e del riscaldamento delle acque nell’Oceano Artico. Il Mare di Bering e il Mare del Nord, dove hanno origine le correnti calde che influenzano lo scioglimento dei ghiacci marini nell’Oceano Artico, erano abbastanza vicini alle condizioni medie recenti (2000-2021), anche se forse superiori alla media nella corrente costiera dell’Alaska a sud della penisola di Seward.È interessante notare che a sud di queste regioni, il Pacifico settentrionale e l’Atlantico settentrionale mostrano forti anomalie positive. Districare la relazione tra le condizioni delle alte latitudini e quelle delle medie latitudini sul trasporto di calore verso nord è stato oggetto di molte ricerche recenti (ad esempio Tsubouchi et al. 2021). La Figura 16 mostra delle anomalie, quindi le correnti calde sono certamente responsabili di un certo scioglimento all’inizio dell’estate sui margini del Pacifico e dell’Atlantico. Tuttavia, è improbabile che questo scioglimento sia stato provocato da correnti anomale e calde quest’anno.

Figura 16. Concentrazione di ghiaccio marino (scala di grigi, da microonde passive NSIDC NRT) e temperatura della superficie del mare per il 3 luglio 2022 e 2013 (SST; scala di colori, da NOAA OISSTv2.1) per (a) il 3 luglio 2022 e (b) il 3 luglio 2013. Figure tratte dal sito web della boa UpTempO. EBS = Mare di Beaufort orientale.

SST color scale from NOAA OISSTv2.1
Figures above taken from UpTempO buoy website.

Figura 17. Anomalie della temperatura media mensile della superficie del mare (SST) per il mese di maggio 2022 rispetto ai valori medi mensili di maggio per il periodo 2000-2021, utilizzando lo stesso set di dati SST della Figura 16. Figura scaricata dal sito web ClimateReanalyzer.org dell’University of Maine Climate Change Institute. ClimateReanalyzer.org

References

Mallett, R. D. C., J. C. Stroeve, S. B. Cornish, et al. 2021. Record winter winds in 2020/21 drove exceptional Arctic sea ice transport. Communications Earth & Environment 2, article #149. https://doi.org/10.1038/s43247-021-00221-8

Moore, G. W. K., M. Steele, A. S. Schweiger, J. Zhang, and K. L. Laidre. In review. Thick and old sea ice in the Beaufort Sea during summer 2020/21 was associated with enhanced transport. Communications Earth & Environment.

Tsubouchi, T., K. Våge, B. Hansen. et al. 2021. Increased ocean heat transport into the Nordic Seas and Arctic Ocean over the period 1993–2016. Nature Climate Change 11: 21–26. https://doi.org/10.1038/s41558-020-00941-3

Contributor Key Statements, Summary of Uncertainties

 Summary Table of Key Statements from Individual Outlooks (PDF – 140 KB)

Contributor Full Report PDFs and Supplemental Material

AttachmentSize
PDF icon ANSO IAP-LASG52.17 KB
PDF icon APPLICATE Benchmark48.24 KB
PDF icon ASIC, NIPR50.76 KB
PDF icon ASIC NIPR Supplemental Material203.52 KB
PDF icon AWI Consortium53.22 KB
PDF icon Cawley, Gavin48.68 KB
PDF icon Climate Prediction Center49.22 KB
PDF icon CPOM UCL (Gregory et al.)50.44 KB
PDF icon CPOM49.86 KB
PDF icon FIO-ESM (Shu et al.)50.18 KB
PDF icon GFDL NOAA (Bushuk et al) Supplemental Material877.96 KB
PDF icon HEU Group (Zhao, et al.)50.97 KB
PDF icon Horvath, et al.49.93 KB
PDF icon Kondrashov, Dmitri (UCLA)49.54 KB
PDF icon KOPRI (Chi et al.)50.91 KB
PDF icon Lamont (Yuan and Li)52.01 KB
PDF icon Lamont (Yuan and Li) Supplemental Material910.36 KB
PDF icon Met Office55.22 KB
PDF icon METNO-SPARSE-ST48.45 KB
PDF icon Met Office Supplemental Material671.16 KB
PDF icon MetService (Yizhe Zhan)50.61 KB
PDF icon NCEP-EMC (Wu et al.)49.88 KB
PDF icon NMEFC of China (Li and Li )49.29 KB
PDF icon NSIDC (Meier)52.2 KB
PDF icon NSIDC (Meier) Supplemental Material381.74 KB
PDF icon PolArctic49.78 KB
PDF icon RASM NPS (Maslowski et al.)55.12 KB
PDF icon RASM NPS (Maslowski et al) Supplemental Material1.05 MB
PDF icon Simmons, Charles50.19 KB
PDF icon Sun, Nico52.13 KB
PDF icon UKMO-OIT49.21 KB
PDF icon University of Washington APL Supplemental Material202.42 KB
PDF icon UPenn-UQAM Group51.96 KB
PDF icon UQAM (VARCTIC)52.94 KB

Report Credits

This report was developed by the SIPN2 Leadership Team

Report Lead

Mark Serreze, National Snow and Ice Data Center (NSIDC) Director, University of Colorado Boulder, NSIDC

Additional Contributors:


Matthew Fisher and the NSIDC Development Team, Cooperative Institute for Research in Environmental Sciences at the University of Colorado Boulder, NSIDC

Editors:

Betsy Turner-Bogren, ARCUS
Helen Wiggins, ARCUS
Kuba Grzeda, ARCUS
Stacey Stoudt, ARCUS
Lisa Sheffield Guy, ARCUS

Suggested Citation:

Serreze, M., U.S. Bhatt, P. Bieniek, E. Blanchard-Wrigglesworth, H. Eicken, M. Fisher, L. C. Hamilton, J. Little, F. Massonnet, W. Meier, J.E. Overland, M. Steele, J. Stroeve, J. Walsh, M. Wang, and H. V. Wiggins. Editors: Turner-Bogren, B., L., Sheffield Guy, J.K. Grzeda, S. Stoudt, and H. V. Wiggins. July 2022. “Sea Ice Outlook: 2022 June Report.” (Published online at: https://www.arcus.org/sipn/sea-ice-outlook/2022/july.)

This Sea Ice Outlook Report is a product of the Sea Ice Prediction Network–Phase 2 (SIPN2), which is supported in part by the National Science Foundation under Grant No. OPP-1748308. Any opinions, findings, and conclusions or recommendations expressed in this material are those of the author(s) and do not necessarily reflect the views of the National Science Foundation.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »