Copernicus ecmwf , rapporto idrologico aprile 2022

Copernicus ecmwf , rapporto idrologico aprile 2022

Nell’aprile 2022, è stato più umido della media in gran parte dell’Europa. Le eccezioni riguardavano la Scandinavia meridionale, l’Italia, parte dei Balcani e soprattutto parte della regione del Caucaso e la Turchia. Fuori dall’Europa, è stato più secco della media in molte regioni extratropicali, comprese ampie parti dell’Asia centrale, del Nord e Sud America e del Corno d’Africa. Nell’aprile 2022, è stato più umido della media in gran parte dell’Australia e del Sudafrica, quest’ultimo colpito dalla tempesta Issa, che ha causato forti piogge e inondazioni.

Di seguito sono mostrate le Anomalie di precipitazione, umidità relativa superficiale, contenuto di umidità volumetrica dei primi 7 cm del suolo e temperatura dell’aria superficiale per aprile 2022 rispetto alle medie di aprile per il periodo 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura indica dove l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di basse precipitazioni indotte dal clima. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Aprile 2022 ha visto precipitazioni superiori alla media in gran parte dell’Europa, con le maggiori anomalie a est e sulla Spagna orientale. L’umidità del suolo e l’umidità relativa mostrano costantemente condizioni più umide della media nella Scandinavia settentrionale e orientale, nell’Europa centrale e orientale e in gran parte della penisola iberica. In quest’ultimo, i terreni più umidi della media erano ancora influenzati dalle abbondanti precipitazioni di marzo. Nelle altre regioni d’Europa, è stato più secco della media, soprattutto nella Scandinavia meridionale, in Italia, in parte dei Balcani e soprattutto in parte della regione del Caucaso e in Turchia. In quest’ultimo caso, le condizioni interne sono in netto contrasto con le condizioni più umide della media di marzo.

Situazione riscontrata in europa negli ultimi 12 mesi

Di seguito sono riportate le Anomalie di precipitazione, umidità relativa superficiale, contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e temperatura dell’aria superficiale per maggio 2021 ad aprile 2022 rispetto al 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura indica dove l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di basse precipitazioni indotte climatologicamente. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Negli ultimi 12 mesi, le precipitazioni sono state superiori alla media in gran parte del nord Europa, in Grecia e intorno al Mar Nero. Questo segnale umido si riflette principalmente nelle anomalie di umidità del suolo, ma in misura minore nell’umidità relativa. La più grande regione di condizioni costantemente umide è una fascia da ovest a est che include il sud del Regno Unito e si estende attraverso l’Europa centrale fino a parti della Russia e intorno al Mar Baltico. Alcune altre piccole regioni dell’Europa meridionale, tra cui la Spagna orientale, la Sicilia e la Turchia interna, sono state costantemente bagnate. Altrove nell’Europa meridionale, le condizioni sono state più secche della media per tutti gli indicatori idrologici.

Situazione riscontrata a livello globale durante il mese di aprile 2022

Di seguito sono riportate le anomalie nelle precipitazioni, l’umidità relativa dell’aria superficiale, il contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm del suolo e la temperatura dell’aria superficiale per aprile 2022 rispetto alle medie di aprile per il periodo 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura denota dove l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di precipitazioni climatologicamente basse. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Nell’aprile 2022, le precipitazioni, l’umidità del suolo e l’umidità relativa sono state costantemente più umide della media in Nord America a ovest dei Grandi Laghi. In gran parte degli Stati Uniti occidentali e sud-occidentali, l’umidità del suolo e l’umidità relativa sono rimaste ben al di sotto della media, mentre le precipitazioni sono state vicine alla media.https://climate.copernicus.eu/precipitation-relative-humidity-and-soil-moisture-march-2022

Altre regioni extratropicali dove è stato costantemente più secco della media includono una fascia che si estende dal Corno d’Africa verso est attraverso l’Arabia e il Caucaso attraverso l’Asia centrale e la Cina orientale. Al contrario, in Asia, è stato più umido della media nella Russia sud-occidentale, in parti della Siberia e nelle regioni adiacenti all’altopiano del Tibet. Nell’emisfero meridionale extratropicale, è stato più secco della media nella maggior parte del Sud America, esattamente come nel mese precedente https://climate.copernicus.eu/precipitation-relative-humidity-and-soil-moisture-march-2022 , mentre è stato più umido della media nel Brasile meridionale e in Uruguay e nelle regioni più meridionali.È stato più umido della media nella maggior parte dell’Africa meridionale. La tempesta Jasmine http://www.meteo.fr/temps/domtom/La_Reunion/webcmrs9.0/anglais/activiteope/bulletins/cmrs/CMRSA_202204231200_6_12_20212022.pdf ha colpito il Mozambico e ha causato un landfall, mentre le forti piogge generate dalla tempesta Issa hanno causato inondazioni devastanti e danni significativi nella provincia KwaZulu-Natal del Sudafrica https://floodlist.com/africa/south-africa-kwazulu-natal-floods-april-2022 . In Australia, condizioni più umide della media hanno prevalso nell’est, dove le piogge torrenziali hanno portato a inondazioni, e nel sud-ovest https://floodlist.com/australia/floods-sydney-nsw-april-2022 , che ha anche sperimentato forti precipitazioni, come mostrano costantemente i tre indicatori. Il resto del paese è stato più secco della media https://www.perthnow.com.au/news/wa/perth-weather-metro-area-records-wettest-april-since-2008–c-6608727.

Situazione riscontrata a livello globale negli ultimi 12 mesi

Di seguito sono riportate le anomalie di precipitazione, umidità relativa dell’aria superficiale, contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm di suolo e temperatura dell’aria superficiale per il periodo da aprile 2021 a marzo 2022 rispetto al 1991-2020. L’ombreggiatura grigia più scura indica dove l’umidità del suolo non è mostrata a causa della copertura di ghiaccio o di basse precipitazioni indotte climatologicamente. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Nei dodici mesi fino ad aprile 2022, le anomalie medie delle precipitazioni, l’umidità del suolo e l’umidità relativa mostrano costantemente una grande fascia secca che si estende dalla Russia orientale attraverso ampie parti dell’Asia centrale fino alla Siberia orientale. Altre regioni più secche della media includono il Corno d’Africa, dove è stata osservata una siccità persistente, e la Cina centrale. Nel sud e nell’est della fascia secca, dal Pakistan alla penisola coreana e al Giappone, hanno prevalso condizioni più umide della media. Gran parte del Nord America, specialmente gli Stati Uniti occidentali e orientali e il Messico, hanno continuato a sperimentare una siccità superiore alla media. Nel complesso, ampie parti dell’emisfero settentrionale sono apparse significativamente più secche dell’Europa negli ultimi dodici mesi. Al contrario, le condizioni nelle regioni del Canada e in alcune parti degli Stati Uniti orientali e sudorientali sono state più umide della media. Nell’emisfero meridionale extratropicale, è stato particolarmente secco in ampie parti del Sud America, ma anche in parti dell’Australia settentrionale e sudoccidentale e nell’Africa meridionale. I maggiori valori sopra la media, sia per le precipitazioni che per l’umidità del suolo, si trovano nel sud-est dell’Australia e in Sud America a nord e a ovest della regione insolitamente secca.

Tendenza nel lungo termine

Di seguito sono riportate le Anomalie mensili dell’umidità relativa dell’aria in superficie rispetto al periodo 1991-2020, in media su tutte le aree terrestri ed europee, che vanno da aprile 1979 ad aprile 2022. Le barre di colore più scuro indicano i valori di aprile. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF..

L’umidità relativa media terrestre globale è diminuita negli ultimi 40 anni ed è rimasta bassa dai primi anni 2000. Nell’aprile 2022, l’umidità relativa globale era al di sotto della corrispondente media 1991-2020.
L’umidità relativa mediata sull’Europa mostra un maggior grado di variabilità, ma generalmente una diminuzione netta nel tempo. L’essiccazione osservata non è accompagnata da una sostanziale diminuzione delle precipitazioni, come mostrato di seguito per quattro regioni europee. Si presume che sia legato ad un aumento maggiore della temperatura dell’aria sulla terraferma che sul mare. Il monitoraggio continuo è necessario per quantificare l’essiccazione per un periodo di tempo più lungo. L’umidità relativa sull’Europa nell’aprile 2022 era inferiore alla media corrispondente del 1991-2020.

Le variazioni temporali delle variabili idrologiche e della temperatura sono presentate di seguito per i valori medi delle aree terrestri del nord-ovest, nord-est, sud-ovest e sud-est dell’Europa https://climate.copernicus.eu/sites/default/files/2019-04/C3S_ESOTC_European_regions_branded.png . I valori sono mediati su periodi successivi di quattro mesi per illustrare le variazioni su scale temporali stagionali e più lunghe. Le differenze regionali nelle serie temporali sono molto pronunciate. La relazione tra le precipitazioni, l’umidità relativa e l’umidità del suolo vista nelle mappe delle anomalie è valida per le medie dell’area su scale temporali fino a un anno o più. Tuttavia, le precipitazioni medie non mostrano il significativo declino a lungo termine visto nell’umidità relativa e nell’umidità del suolo.
Rispetto al periodo di riferimento 1991-2020, i quattro mesi fino ad aprile 2022 nell’Europa nord-occidentale e nord-orientale sono stati complessivamente più secchi della media e le precipitazioni sono state leggermente inferiori alla media o vicine alla media. Nell’Europa meridionale, tutti gli indicatori mostrano costantemente condizioni più secche della media.

Nw europa

Esecuzione delle medie quadrimestrali delle anomalie sulle aree terrestri sull’ Europa nord-occidentale rispetto al 1991-2020 per le precipitazioni, l’umidità relativa dell’aria superficiale, il contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm del suolo e la temperatura dell’aria superficiale, basata sui valori mensili da aprile 1979 ad aprile 2022. Le medie annuali per il periodo 1991-2020 sono mostrate nell’angolo in alto a destra di ogni pannello. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Confronto con il periodo di riferimento 1981-2010:

Medie quadrimestrali correnti delle anomalie sulle aree terrestri per l’Europa nord-occidentale rispetto al periodo 1981-2010 per le precipitazioni, l’umidità relativa dell’aria superficiale, il contenuto volumetrico di umidità dei primi 7 cm del suolo e la temperatura dell’aria superficiale, sulla base dei valori mensili da aprile 1979 ad aprile 2022. Le medie annuali per il periodo 1981-2010 sono mostrate nell’angolo superiore destro di ogni pannello. Fonte dei dati: ERA5 Credito: Copernicus Climate Change Service/ECMWF.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Translate »